Cragno, dovrai essere straordinario

Il Nazionale azzurro dovrà tornare sui livelli pre infortunio per strappare il posto da titolare dalle mani dello straordinario Olsen versione rossoblù

pubblicato il 22/11/2019 in Approfondimenti da La Redazione
Condividi su:
La Redazione
foto: Paolo Mastrangelo

Dal paradiso all'inferno e poi ritorno. È questa la parabola che Alessio Cragno sta attraversando dal momento in cui la sua spalla ha ceduto in quel di Istanbul.

Tempi che sembrano lontani ere geologiche, soprattutto grazie all’exploit avuto dal Cagliari in campionato, ma che in realtà distano soltanto pochi mesi. Mesi che all’uomo Cragno - come confessato recentemente in un'intervista - sono sembrati anni a causa della tensione provocata dallo star fuori forzatamente. Per fortuna del portierone e di tutti i tifosi rossoblù, la sua assenza, per quanto importante e prolungata, non si è percepita più di tanto: infatti a sostituirlo meravigliosamente ci sta pensando - quasi incredibilmente se consideriamo il rendimento dello scorso anno - Robin Olsen, portiere svedese di proprietà della Roma.

Nessuno si sarebbe aspettato che il Nazionale gialloblù avrebbe avuto questo impatto sulla realtà sarda ma i numeri sono tutti lì a dimostrarlo: Olsen al momento è uno dei migliori portieri militanti in Italia ed il quarto posto del Cagliari è in parte merito suo. Presenza in area, senso della posizione e sicurezza negli interventi ne hanno fatto una colonna portante della squadra, squadra che lui ha contribuito a rendere più solida che mai.

In poche parole, ora come ora il gigante nordico è intoccabile, con buona pace di Cragno che comunque dovrà completare il proprio percorso riabilitativo prima di potersi rimettere in gioco al 100%.

Allora però non basterà il nome, non basterà essere considerato il futuro del Cagliari ed aver conquistato la maglia azzurra sul campo: servirà qualcosa in più, servirà essere straordinario, servirà tornare ad essere il vecchio Cragno per convincere Maran, noto pragmatico, a cambiare una parte così importante del meccanismo che attualmente gli sta dando grandissime soddisfazioni.