Cagliari, le gare della spregiudicatezza?

Con Cacciatore ai box per un fastidio muscolare è arrivato il momento di puntare sulla "leggerezza giovanile" della coppia Pellegrini-Pinna

pubblicato il 18/10/2019 in Approfondimenti da Antonello Cossu
Condividi su:
Antonello Cossu
2019

Tempo di rituffarsi in campionato per il Cagliari che al rientro dalla sosta troverà ad attenderlo la SPAL di Leonardo Semplici. Dopo i ferraresi sarà la volta del Torino ed infine, prima del big match contro l’Atalanta, toccherà al Bologna.

Tutte partite sicuramente difficili (come la maggior parte del campionato italiano) ma in cui il Cagliari parte in vantaggio, almeno sulla carta, anche se poi la superiorità va come sempre dimostrata sul campo. C’è un problema però, anzi, diversi problemi, soprattutto in difesa, reparto che dovrà quasi certamente rinunciare a Cacciatore e Klavan a causa di fastidi muscolari.

Soluzione? A prendere il posto dell’estone è già pronto Pisacane, il quale nel frattempo ha smaltito la brutta botta rimediata all’Olimpico, mentre sulla destra Simone Pinna scalda i motori in attesa di una probabile chance da titolare. Sarà l’occasione per sperimentare una coppia di terzini di spinta - quella formata dal giovane sardo e da Pellegrini - che da tempo accende le fantasie del popolo rossoblù, voglioso di bel calcio dopo anni di cocenti delusioni.

E se il risultato fosse buono, sarebbe possibile magari riproporre in altri match (soprattutto quelli considerati più che abbordabili) lo stesso canovaccio? I vantaggi sarebbero molteplici, a cominciare dalla spregiudicatezza e alla freschezza atletica che l’età dei giocatori garantirebbe, ma d’altro canto ci sarebbero anche degli svantaggi da considerare come ad esempio la mancanza di esperienza, caratteristica cruciale nelle partite giocate sul filo di lana.

In definitiva noi pensiamo che sia una soluzione inizialmente considerabile settimana dopo settimana in base all’avversario e alla condizione atletica del gruppo e che poi pian piano possa diventare, sfortuna permettendo, la prima scelta di Maran.