Difesa in crescita con menzione speciale per Ceppitelli

Nelle ultime uscite di campionato la difesa del Cagliari ha registrato un netto miglioramento collettivo che è cominciato proprio dal capitano rossoblù

pubblicato il 23/09/2019 in Approfondimenti da Antonello Cossu
Condividi su:
Antonello Cossu
2019

Due partite, sei punti. Oro colato per il Cagliari dopo l’inizio disastroso che lo aveva visto meritatamente sconfitto contro il Brescia ed un po’ meno contro l’Inter.

Serviva alzare l’asticella, serviva ritrovare entusiasmo e finalmente la svolta è arrivata a Parma dove è stata la difesa, più di altri fattori, a fare la differenza tra la vittoria e la sconfitta. Non solo per la doppietta firmata da Ceppitelli, vero mattatore del pomeriggio, ma soprattutto per la prestazione offerta nelle retrovie dall’intero reparto arretrato a cominciare proprio da chi lo guida.

C’è poco da fare: nonostante in Italia si stia registrando sempre più la tendenza di affidarsi ad un gioco offensivo e spumeggiante, è ancora una difesa solida a garantire punti e vittorie. Il vecchio proverbio che recita “l’attacco fa vendere i biglietti, la difesa fa vincere i campionati”, nel nostro paese è ancora più che valido al contrario di quanto succede ad esempio in Inghilterra o Spagna, latitudini dove il calcio ha conosciuto una diversa evoluzione.

La dimostrazione pratica di questo discorso la si evince analizzando gli ultimi due match giocati dal Cagliari: sono state partite ben interpretate a livello tecnico e tattico, sofferte ma quasi sempre in controllo ed alla fine l'obiettivo è stato centrato. Inutile essere divertenti e spettacolari se poi a trionfare sono gli avversari.

Per un professionista la cosa più importante sono i punti e questo Maran lo sa bene. Perciò ben venga il “difensivismo” se i risultati sono questi, seppur preceduti da un inizio stentato.