Partecipa a Blog Cagliari Calcio 1920

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

L’unico

Cigarini è senza dubbio l’unico regista di ruolo a disposizione di Maran

Condividi su:

L’interminabile sessione di mercato appena conclusa ha rivoluzionato la rosa rossoblù, garantendo all’allenatore della squadra isolana interpreti di sicuro affidamento e altrettanti che si configurano come scommesse intriganti.

Ogni ruolo ha almeno due risorse a disposizione salvo un’unica eccezione. La partenza della delusione Bradaric, ha lasciato nel cuore del centrocampo il solo Luca Cigarini. L’esperto regista, dopo il meritato rinnovo contrattuale, ha dovuto accomodarsi in panchina nelle prime uscite stagionali, complice la scelta tattica al momento discutibile di puntare su Nainggolan come metronomo.

Una decisione che non tiene conto della caratteristiche del belga, ma che non ha sortito effetti negativi in virtù di una classe, esperienza ed esuberanza che di certo abbondano nell’arsenale del “ninja”.

Cigarini tuttavia appare come l’unico in rosa che possa ricoprire il ruolo di regista con continuità e le giuste virtù, ipotizzando un suo pronto inserimento nell’undici titolare. Geometrie che unite ad una dinamicità ridotta andrebbero ad integrarsi perfettamente con i compagni di reparto.

Una mossa che consentirebbe inoltre l’utilizzo di Rog, Nainggolan e Nandez in collocazioni maggiormente funzionali alle loro caratteristiche, ma soprattutto andrebbe a dare nuova linfa ad una squadra apparsa poco pericolosa nei pressi della porta avversaria.

La sosta dovuta agli impegni delle Nazionali e la consapevolezza di avere una rosa definita sino al mese di gennaio, può e deve consentire l’apprendimento di una nuova e propositiva identità tecnica e tattica.

Una veste da cucire al meglio sotto l’egida di un Maran chiamato, attraverso anche le prestazioni di Cigarini, a ridestare una collettivo uscito con le ossa rotta dalle prime due contese.

Condividi su:

Seguici su Facebook