Nessuna illusione: il cammino è lungo, tanti i problemi da risolvere

Ora la sosta per la Nazionale, alla ripresa c'è la Roma capolista all'Olimpico

pubblicato il 12/11/2013 in Approfondimenti da Davide Zedda
Condividi su:
Davide Zedda

C’è da preparare la difficile trasferta di lunedì 25 novembre a Roma contro la capolista. Non ci sarà il “ninja” Nainggolan, squalificato per un turno dopo il giallo rimediato contro il Torino. Era in diffida, scatta in automatico lo stop per un turno. Potrà dedicarsi completamente alla sua Nazionale, dopo esser stato meritatamente convocato dal C.T. Belga per i prossimi due impegni dei “diavoli rossi”.

Fermo anche il nostro campionato che lascia spazio alla nazionale. Lopez avrà a disposizione più tempo del solito per lavorare insieme ai suoi ragazzi, cercare di recuperare acciaccati e infortunati, trovare soluzioni ai tanti problemi tecnici e tattici che la squadra dimostra di avere.

Non illuda, infatti, la preziosa vittoria contro il Toro. Frutto della forza di un singolo più che di una prova del collettivo. Il Cagliari continua ad avere grossi problemi in fase di costruzione del gioco, ha difficoltà a recuperare palloni a centrocampo, rischia tantissimo sui calci da fermo e incassa almeno un gol a partita. Prende gol, sì, ma il problema vero sta nel fatto che i ragazzi di Lopez costruiscono poche palle gol - poche sono le azioni in attacco davvero pericolose -  troppo spesso ci si affida al lancio lungo, alla velocità di Ibarbo, alla giocata del singolo. Negli ultimi sedici metri manca il passaggio giusto, il tocco smarcante per un attaccante, per l’inserimento vincente. Non si sfruttano le fasce, non si allarga il gioco e si finisce per imbottigliarsi al centro, dove spazi non se ne trovano.

Insomma la sterilità offensiva dei rossoblù è sotto gli occhi di tutti, così come i suoi limiti difensivi.

C’è tanto da fare, con ottimismo, perché la vittoria contro il Toro ha ridato ossigeno ed entusiasmo a tutto l’ambiente, maggiore sicurezza alla squadra, scacciato la crisi. Il tutto in attesa della grande sfida dell’Olimpico, dove il Cagliari è rispettato, temuto, Conti è di casa e quando vede giallorosso…