Cagliari, vietato guardarsi alle spalle

Le rivali dei rossoblù corrono: vietato fare calcoli ma occorre continuare a giocare al massimo

pubblicato il 18/03/2019 in Approfondimenti da Marco Zucca
Condividi su:
Marco Zucca
foto: corrieredellosport

Il Cagliari ricaricherà le batterie durante la sosta per gli impegni delle nazionali con in saccoccia i tre importanti punti conquistati contro la Fiorentina.

Venerdì sera si sprecavano le voci in merito a “una buona fetta di salvezza conquistata”. Ebbene, ci sarà invece ancora da faticare parecchio, evitando di fare calcoli.

Il resto della 28esima giornata, infatti, non è stato di grande aiuto per i rossoblù: la Spal ha sconfitto la Roma (2-0) e si è portata a quota 26 in classifica, il Bologna ha confermato il momento di ottima forma violando l’Olimpico di Torino (3-2) e andando a 24 punti, e nella giornata di ieri è giunto anche il successo dell’Empoli sul Frosinone (2-1). Unica sconfitta, tra le squadre dietro il Cagliari, quella dell’Udinese in quel di Napoli (4-2), mentre il Chievo ha fermato l’Atalanta (1-1) all’Atleti Azzurri d’Italia.

Certo, i risultati delle rivali non hanno sorriso alla compagine sarda, ma potrebbero divenire uno stimolo: gli isolani, infatti, non dovranno guardare indietro, onde evitare di soffrire di “vertigini”, bensì avanti, puntando a giungere, il prima possibile, alla fatidica quota 40. Il prossimo match contro il Chievo sarà dunque da giocare al massimo per porre un nuovo mattoncino verso la salvezza.