Partecipa a Blog Cagliari Calcio 1920

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Enigma centrocampo

Al cospetto dell’Atalanta la mediana rossoblù ha restituito deficit non nuovi

Condividi su:

Il 2019 a tinte rossoblù si è aperto con una sconfitta che ha offerto diversi spunti di riflessione, non nuovi, ma sempre validi al fine di indirizzare un mercato tumultuoso e non ancora in grado di chiarire quali siano direzioni e relativi correttivi da perseguire.

Se da un lato Rolando Maran ha vantato una prestazione comunque positiva, l’Atalanta dall’altro, ha evidenziato come alcune dinamiche siano ben lontane dall’essere risolte.

In mediana, dove risiede il teorico cervello da cui scaturiscono idee e partono iniziative offensive, l’assetto schierato contro gli orobici non ha offerto una valida soluzione ai problemi della manovra cagliaritana.

Cigarini in particolare, pur con caratteristiche differenti da Bradaric, ha interpretato il ruolo di regista in maniera non dissimile da quanto fatto dal croato sinora. Eccessivamente schiacciato sulla linea difensiva, maggiormente impegnato in fase d’interdizione che in quella propositiva, l’ex Samp è risultato distante dal resto dei compagni di reparto, in balia dei centrocampisti avversari. Non solo, il mancato ricorso alle sue doti, ha obbligato di conseguenza i vari Ionita, Barella e Faragò a dei compiti non sempre assolti con precisione.

Un dialogo spesso interrotto sul nascere, che auspica una riflessione sul raggio d’azione del regista e di conseguenza sugli schemi improntati nel corso della gara dall’intero collettivo isolano.

A fronte di tali evidenze Maran di fatto è chiamato a dare quanto prima un impulso importante ad un centrocampo che, con l’innesto di Birsa sulla trequarti, può trovare quell’equilibrio perduto a seguito della rinuncia forzata a Castro.

Al momento l’impiego di Bradaric o Cigarini infatti non sembra sortire risultati differenti, al netto degli eventuali futuri correttivi di mercato invece, cambiare filosofia appare come una modifica perseguibile e capace di dare un nuovo volto all’intera formazione rossoblù.

 

Condividi su:

Seguici su Facebook