Il futuro assicurato

Ripercorriamo la stagione d’esordio del giovane portiere rossoblù

pubblicato il 04/06/2017 in Approfondimenti da Marco Castoni
Condividi su:
Marco Castoni
2017

La scuola italiana ha storicamente prodotto ottimi portieri. Tale tendenza è venuta meno nell’ultimo decennio, dove il solo Buffon è riuscito nell’intento di mantenere alta la bandiera tricolore.

Fortunatamente una netta inversione, sembra essere avvenuta nell’ultimo anno, attraverso le prestazioni dei vari Donnarumma, Scuffet, Meret e Cragno. Interpreti giovanissimi, capaci di garantire un futuro brillante per le squadre che decideranno di puntare sulle loro prestazioni al fine di difendere la propria porta.

L’ultimo match di campionato e della storia del Sant’Elia, ha consentito di prendere coscienza del valore di un portiere, capace a soli 19 anni, di neutralizzare la conclusione dal dischetto di un attaccante come Bacca.

Un esordio da incorniciare per Luca Crosta, un ragazzo che dopo l’avventura all’interno delle giovanili del Milan, è sbarcato in Sardegna per provare a giocarsi le proprie carte, in un ruolo, vedi Gabriel, poco propenso a perdonare il minimo errore.

L’aver condiviso gli allenamenti con interpreti del calibro di Storari, Rafael e Colombo inoltre, ha di certo accelerato un percorso che preannuncia ulteriori e importanti soddisfazioni.

Voci di mercato, indirizzano Crosta alla corte dell’Olbia, una realtà che può contribuire ad una crescita costante, attraverso un utilizzo continuo e all’interno di un ambiente senza eccessive pressioni.

Ritrovare così, Crosta in maglia rossoblù con un ruolo diverso, non parrebbe un ipotesi così azzardata.

Voto alla stagione: 6