Non una buona idea

Analizziamo l’esperienza del portiere brasiliano approdato in Sardegna a gennaio

pubblicato il 03/06/2017 in Approfondimenti da Marco Castoni
Condividi su:
Marco Castoni
2017

La conclusione del rapporto tra il Cagliari e Storari, ha costretto la società isolana a sondare il mercato invernale alla ricerca di un portiere di sicuro affidamento. L’identikit prefigurava un interprete a cui affidare il compito di giocarsi una maglia da titolare con un Rafael capace di rispondere presente ogni qualvolta è stato chiamato in causa da Rastelli.

L’approdo in maglia rossonera dell’ex capitano rossoblù, ha indotto Gabriel, secondo di Donnarumma, a valutare l’ipotesi di un’esperienza nell’isola. Una vicenda che nei suoi presupposti avrebbe dovuto consentire al portiere sudamericano di giocare con continuità, accumulare esperienza e fiducia, e magari indurre il Cagliari a considerare una conferma per le stagioni prossime.

Purtroppo per Gabriel, tali intenti hanno avuto vita breve. Il tempo di vedere all’opera l’estremo difensore verdeoro in tre match, l’ultimo dei quali coinciso con una prestazione nettamente insufficiente al cospetto dell’Inter di Pioli, ha fugato ogni dubbio circa una sua permanenza futura.

5 goal incassati, di cui almeno due subiti a seguito di incertezze del portiere rossoblù, hanno segnato il destino in maglia Cagliari di un giocatore che ha ancora dalla sua, tutto il tempo necessario al fine riscattarsi e dimenticare in fretta questa parentesi sfortunata.

Voto alla stagione: 5