Partecipa a Blog Cagliari Calcio 1920

Sei già registrato? Accedi

Password dimenticata? Recuperala

Ranieri: "Il Bari ha meritato il pareggio"

"Non ci arrendiamo, c'è una partita secca da vincere"

Condividi su:

Cagliari-Bari, valida per l'andata della finale playoff, è terminata con il risultato di 1-1 e Claudio Ranieri è appena arrivato in sala stampa per commentare la prestazione contro gli uomini di Mignani.

Ecco le sue parole:

"Bisogna riconoscere che il Bari ha meritato il pareggio,abbiamo commesso errori tecnici che di solito non facciamo, ho fatto i cambi per aiutare la difesa ma stavamo anche un po' dormendo. C'è rammarico ma c'è anche la consapevolezza che è un pareggio meritato. Non alziamo bandiera bianca, rispettiamo tantissimo il Bari. Sappiamo che due pareggi qualificano il Bari e sappiamo che bisogna vincerne una. 

Condizione fisica? Datemi il tempo di vedere il ragazzi domani e vedremo. Con il presidente ci siamo detti che manca ancora una gara... Noi andavamo a fiammate e non riuscivamo a fare quello che siamo abituati a fare. Domenica dobbiamo fare il Cagliari, siamo amareggiati e dispiaciuti ma non ci arrendiamo. Se hai paura di solito parti timido, invece oggi abbiamo fatto degli errori nel secondo tempo che non sono da noi. Ci sono tante cose che non sono andate bene, ma siamo ancora in corsa. Il trend si cambia sapendo che c'e una partita secca e dobbiamo vincerla. L'approccio è stato giusto, è dopo che siamo andati male. 

Troppi episodi da VAR? Io credo che il tocco ci sia stato, e che l'arbitro l'abbia visto e una volta che ti richiama il VAR c'è poco da fare. Il rigore non l'ha dato l'arbitro, ma il VAR... Mi sto zitto. 

Concediamo molti rigori simili? Sarà l'inesperienza... Ci stanno, bisogna accettarli. Io credo il VAR sia una cosa importante e, con il tempo, diventerà più preciso. Per me c'erano tutti e due i rigori e ha fatto bene a fischiarli. L'uomo Ranieri è dispiaciuto ma non si arrende perché ha sempre lottato. Diamo tutto e, se loro saranno più bravi, gli stringeremo la mano".

Condividi su:

Seguici su Facebook