Partecipa a Blog Cagliari Calcio 1920

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

È il momento di Avra

Complice il prolungarsi dell'infortunio ad Agazzi, all'Olimpico sarà nuovamente titolare il portiere serbo Avramov

Condividi su:

Complice il prolungarsi dell’infortunio ai danni di Agazzi, lunedì 25 nel posticipo serale della tredicesima giornata di campionato, che vedrà impegnati i rossoblù all’Olimpico contro la capolista Roma, Vlada Avramov sarà nuovamente titolare. A sgombrare ogni dubbio in merito ci ha pensato già una settimana fa il medico del Cagliari Dott. Scorcu, che intervenendo ai microfoni dell’emittente radiofonica Radiolina durante il programma “A voi la linea”, ha affermato che l’infortunio subito da Agazzi risultava più pesante di quanto immaginato in prima battuta, e pertanto, Avramov, dopo la buona gara disputata contro il Torino, avrebbe nuovamente difeso la porta cagliaritana anche in occasione della difficilissima partita conto la Roma. E così sarà.

Dunque una nuova possibilità per Avramov, che in caso di buona prestazione contro i giallorossi si candiderebbe di fatto al ruolo di portiere titolare. Ben voluto dai compagni, vero uomo spogliatoio, molto apprezzato dai tifosi, questa volta il portiere serbo potrebbe cominciare a mettere in difficoltà mister Lopez.

Continuasse a giocare bene, anche per il tecnico cagliaritano, sarebbe un problema rispedire il buon Vlada in panchina per lasciare nuovamente spazio ad Agazzi.

Nella questione c’è comunque da evidenziare come comunque ci siano delle “gerarchie non sportive” da rispettare. Agazzi, non è un mistero, andrebbe via da Cagliari, e questa estate fino all’ultimo la trattativa tra il Cagliari e la Fiorentina è rimasta aperta per il trasferimento dell’estremo difensore rossoblù in maglia viola.

Cellino ha resistito alle sirene, e come fatto con Astori e Nainggolan, alla fine ha mantenuto fede alla parola data ai tifosi senza lasciare partire nessuno dei big rossoblù.

Pertanto se si vuole accontentare il desiderio di Agazzi di cambiare squadra e lo si vuol “vendere bene”, non resta che garantirgli, a prescindere dalla bravura di Avramov, un posto da titolare.

Anche questo è il calcio

Condividi su:

Seguici su Facebook