Partecipa a Blog Cagliari Calcio 1920

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Cagliari: cosa non ha funzionato in questa stagione?

Condividi su:

Per il Cagliari la stagione calcistica si è conclusa nel peggiore dei modi, ovvero con un pareggio che ha condannato la formazione al terz'ultimo posto in classifica, con tanto di retrocessione in Serie B. Ma quali sono stati gli elementi che hanno comportato questo risultato tutt'altro che gradito da parte della tifoseria rossoblu?

Un attacco da rifare completamente

Il primo punto sul quale la società calcistica dovrà lavorare è sicuramente l'attacco. Secondo le statistiche relative alla stagione appena conclusa, il Cagliari si è contraddistinto per avere il terzo attacco peggiore del campionato.

In particolar modo sono tante, probabilmente troppe a detta dei tifosi, le azioni da gol che sono state sprecate in svariate occasioni: i diversi tiri fuori dallo specchio della porta, specialmente contro il Venezia nella partita della salvezza, ha messo in mostra come la società sia costretta a dover fare affidamento solo su Joao Pedro, autore della maggior parte dei gol della formazione di cui è capitano.

La mancanza di valide alternative ha quindi rappresentato un grosso ostacolo per il Cagliari, che si è ritrovato a dover concedere diversi punti alle altre formazioni, specialmente durante il periodo di assenza del proprio capitano.

Pertanto la società dovrà fare il possibile per trovare il potenziale sostituto della formazione o comunque puntare su almeno altri due attaccanti che permetteranno al Cagliari di puntare alla promozione durante la prossima stagione calcistica.

La difesa e il centrocampo

Ma il vero aspetto che viene criticato da parte della tifoseria del Cagliari è rappresentato dal comparto difensivo.

Anche in questo caso è stato possibile notare come tale reparto non si è di certo contraddistinto per essere incredibilmente efficace come accaduto nelle altre formazioni che hanno preso parte al campionato italiano di calcio.

Un passivo piuttosto pesante caratterizzato da venti sconfitte e da 68 reti subite, con una media di un gol e mezzo a partita incassato.

Il reparto difensivo si è dimostrato quindi non eccessivamente adeguato alla competizione, con tanti errori specialmente in fase di ripartenza e costruzione della fase offensiva.

Proprio su questo aspetto il Cagliari dovrà compiere un immenso lavoro che permetterà di capire quali sono le diverse strategie importanti da adottare affinché sia possibile evitare una nuova stagione caratterizzata da un reparto difensivo tutt'altro che solido.

Il centrocampo e qualche ritocco da apportare

Nemmeno il centrocampo è stato risparmiato dalle critiche, seppur i giocatori che hanno rivestito il ruolo di registi si siano dimostrati all'altezza della situazione in svariate occasioni.

In questo caso il comparto composto da mediati e centrocampisti ha tenuto testa alle varie formazioni con cui il Cagliari si è scontrato durante la stagione calcistica ma occorre precisare come talvolta la fase relativa alla ripartenza non è stata efficace.

I rossoblu si sono ritrovati svariate volte a dover fronteggiare problematiche nella costruzione dell'azione, talvolta troppo macchinosa e difficile da realizzare, comportando quindi una situazione dove il Cagliari si è ritrovato costretto a doversi difendere dopo aver perso il possesso della sfera.

La formazione dovrà quindi rinnovarsi per riuscire a competere durante la prossima stagione, affinché la promozione in serie A possa essere immediata e il Cagliari possa tornare nel campionato massimo italiano.

La finestra di calciomercato estiva

Proprio durante il periodo estivo sarà possibile per il Cagliari acquistare diversi giocatori che permetteranno alla formazione rossoblu di apportare quelle modifiche fondamentali per poter effettivamente migliorarsi e riuscire nell'impresa di essere maggiormente competitivo durante il campionato.

La rassegna stampa sportiva del Cagliari sarà sicuramente interessante da seguire viste appunto le svariate modifiche che la formazione dovrà effettuare e soprattutto sarà fondamentale valutare se gli innesti saranno in grado di assolvere il compito che verrà loro affidato.

Nuovi giocatori giovani e vogliosi di scrivere il loro nome nel mondo del calcio potrebbero essere la soluzione ideale che si adatta perfettamente a questo Cagliari.

Condividi su:

Seguici su Facebook