Ceter, la FIFA condanna il Cagliari a pagare premio di valorizzazione

Una somma che andrà versata nella casse dell'Indipendiente Santa Fe

pubblicato il 19/10/2020 in News da Michelangelo Corrias
Condividi su:
Michelangelo Corrias

La FIFA ha condannato il Cagliari a dover pagare un premio di valorizzazione in seguito all'acquisto dell'attaccante Damir Ceter. Una somma di circa 90.000 euro da versare all'Indipendiente Santa Fe, che ha reclamato i diritti di formazione del calciatore colombiano, secondo quanto riportato da calciomercato.com.

La vicenda - Ceter è arrivato a Cagliari nel gennaio del 2018 per una cifra pari a 1,2 milioni di euro, firmando un contratto che lo lega al club isolano fino al 30 giugno 2022. In Sardegna  ha trovato pochissimo spazio (solo 6 presenze), per poi essere girato in prestito prima all'Olbia in Serie C e l'anno dopo al Chievo in B. Questa stagione invece Ceter è stato ceduto, sempre in prestito, al Pescara tra i cadetti.

La storia inizia da prima però, ovvero da quando il classe 1997 giocava in Colombia. All'epoca era un tesserato del Deportes Quindio, che nel gennaio 2017 lo girò in prestito all'Indipendiente Santa Fe, altro club colombiano. Un anno dopo il Cagliari bussa alla porta del Quinidio, e si porta a casa il calciatore. Tuttavia, l'Indipendiente reclama che gli vengano pagati dalla società sarda i diritti di formazione del giocatore. No secco del Cagliari, che ritiene di dover rispondere solo al Quinidio, società titolare dei diritti di Ceter.

La questione finisce in tribunale, con l'Indipendiente che si rivolge alla FIFA, la quale delega la decisione alla Dispute Resolution Chamber, presieduta in quel caso dal giudice unico olandese Daan de Jong. La causa della battaglia giuridica è quella per cui anche i club non titolari dei diritti economici, ma che abbiano contribuito alla formazione del calciatore, hanno diritto a una ricompensa.

La decisione della Dispute Resolution Chamber, presa questo giugno, pende a sfavore del Cagliari: il sodalizio isolano dovrà versare infatti nelle casse dell'Indipendiente Santa Fe una cifra di 89.506,85 euro più il 5% di interessi di mora, a partire dal 5 marzo 2018 fino al giorno in cui avvenga l'effettivo pagamento.

Quello di Damir Ceter è stato un investimento che finora si è dimostrato un flop, e adesso al danno si aggiunge pure la beffa.