SPROFONDO ROSSOBLU

Quarta sconfitta consecutiva per il Cagliari che cade anche Firenze: Joao sbaglia un rigore, vince la Viola 1-0: sardi a + 2 dal terzultimo posto

pubblicato il 10/01/2021 in Match report da Antonello Cossu
Condividi su:
Antonello Cossu
2020

Da parte di Antonello Cossu è tutto, un saluto ed un ringraziamento ai lettori dalla redazione di www.blogcagliaricalcio.net. Rimanete collegati per le pagelle e le dichiarazioni dei protagonisti nel dopo gara.

94' Triplice fischio di Giacomelli! Il Cagliari perde ancora, stavolta 1-0 contro la Fiorentina, e sprofonda in classifica, decima partita senza vittorie per Di Francesco. I viola invece tornano ad assaporare i 3 punti in casa dopo quasi 3 mesi.

91'     Giallo per Pavoletti, fallo in attacco su Dragowski.

90' 3 minuti di recupero assegnati da Giacomelli.

86'     Ammonizione per il neo entrato Tramoni, fallo in attacco, gomito troppo alto del francese.

86' Doppio cambio nel Cagliari: dentro Cerri e Tramoni, fuori Sottil e Oliva.

85' 5 minuti più recupero al termine della sfida: Cagliari sotto 1-0 contro la Fiorentina, gol di Vlahovic.

82' Doppio cambio nella Fiorentina: fuori Callejon e Vlahovic, dentro Borja Valero e Kouame.

80' Triplo cambio per il Cagliari: dentro Zappa, Ounas e Pavoletti, fuori Simeone, Pisacane e Nainggolan.

78' Miracolo di Dragowski! Marin conclude dal limite dell'area trovando anche una deviazione, il portiere polacco però compie un vero e proprio miracolo con il piede salvando il risultato! Angolo per il Cagliari.

77'     Giallo per Biraghi, fallo su Sottil.

74' Cambio nella Fiorentina: fuori Caceres e dentro Venuti.

72' Fiorentina in vantaggio con Vlahovic! Martinez Quarta recupera il pallone in anticipo e serve Callejon, lo spagnolo scappa a destra e confeziona una palla solo da spingere dentro per l'attaccante serbo che non sbaglia! Sbloccato il punteggio al Franchi, viola avanti!

70' Fuorigioco di Joao Pedro, calcio di punizione per la Fiorentina.

67' Destro insidioso di Bonaventura, Cragno interviene con i piedi concedendo un angolo alla viola.

66' Colpo di testa di Godin sugli sviluppi di un corner, anticipo sul primo palo dell'uruguaiano e pallone che esce di nulla!

63' Biraghi finisce a terra in area di rigore rossoblù, Giacomelli indica di giocare ad ampi gesti.

59' Simeone spreca un'altra chance! Servito ancora sul dilo del fuorigioco, stavolta l'argentino alza troppo il pallonetto graziando il portiere avversario! Che occasione per il Cagliari!

58' Fiorentina pericolosa! La viola muove palla velocemente riuscendo a servire Biraghi in area, sinistro dell'ex Inter sbilenco ma buona azione dei padroni di casa.

57' Cross interessante di Nainggolan dall'out di sinistra, pallone troppo lungo per Sottil.

54'     Giallo per Oliva, trattenuta ai danni di Vlahovic.

53' Ritmi subito alti in questo inizio ripresa, le due squadre cercano evidentemente di sbloccare il risultato.

50' La Fiorentina risponde con Vlahovic trovando la pronta risposta di Godin.

48' Simeone si divora l'1-0! Imbucata di Nainggolan per l'argentino che difetta però nel controllo e permette alla difesa viola di recuperare con Martinez Quarta! Corner per il Cagliari.

46' Tiro dalla distanza di Simeone, nessun pericolo per Dragowski.

46' Inizia la ripresa del match, pallone mosso dalla Fiorentina.

48' Termina sullo 0-0 la prima frazione di Fiorentina-Cagliari, tanto agonismo, tantissimi errori tecnici e poco calcio in questi 45 minuti. Per i rossoblù un rigore sbagliato da Joao Pedro al 37'. Ora l'intervallo e poi la ripresa del match.

45' 3 minuti di recupero assegnati da Giacomelli.

44' Fallo di Marin ai danni di Callejon, calcio di punizione per la Fiorentina.

41' Meno di 5 minuti più recupero al termine del primo tempo, parziale ancora bloccato sullo 0-0.

38' Pezzella non ce la fa: fuori il capitano della Fiorentina, dentro Martinez Quarta.

37' Dragowski intercetta il tiro di Joao Pedro! Il portiere polacco vola sulla propria sinistra e blocca il rigore del brasiliano, si rimane sul punteggio di 0-0 al Franchi!

36' Calcio di rigore per il Cagliari! Joao Pedro anticipa nettamente Igor che lo colpisce in piena area! Giacomelli non ha dubbi e indica il dischetto.

35' Pezzella a terra, problemi muscolari per il capitano della Fiorentina che ora esce dal campo momentaneamente.

32' Il Cagliari riparte velocissimo allargando il pallone sulla destra per Nainggolan, il traversone del belga non è però all'altezza e l'azione sfuma. 

29' Incredibile occasione per la Fiorentina! Cross di Biraghi proveniente dalla sinistra, colpo di testa del difensore da ottima posizione e pallone fiori! Brivido per Cragno!

25'  Calcio di rigore per la Fiorentina! Giacomelli però viene richiamato immediatamente al monitor del VAR per visionare l'episodio e cambia decisione! Non c'è rigore, punizione per il Cagliari. 

21' Callejon riceve sulla destra e cerca Vlahovic, Lykogiannis chiude in corner.

18' Sottil perde palla in una zona mediana, Oliva interviene spedendo la palla in fallo laterale.

15' Ritmi non altissimi in questo primo quarto d'ora di gioco, manovre spezzettate dai numerosi falli. Ancora nessuna azione offensiva degna di nota costruita dal Cagliari.

11' Incredibile regalo di Pisacane a Vlahovic: il serbo intercetta in area un passaggio corto del difensore e prova a dribblare Cragno che però gli sbarra la strada in uscita con la mano destra! Calcio d'angolo per la Fiorentina.

8' Simeone scatta sul filo del fuorigioco, riceve palla e la protegge scaricanddola per l'accorrente Marin, il destro del rumeno termina però altissimo.

5' Lykogiannis a terra in seguito ad un duro contatto, il difensore greco viene medicato con vistosamente alla testa.

3' Sbavatura in difesa del Cagliari che concede un'opportunità pericolosa a Vlahovic, poi il serbo non ha la prontezza di calciare col piede debole consentendo il recupero di Godin.

1' Partiti, primo pallone giocato dal Cagliari!

Squadre in campo, Fiorentina-Cagliari sta per cominciare!

Buon pomeriggio da parte di Antonello Cossu e benvenuti alla cronaca testuale di Fiorentina-Cagliari, match valido per la 17^ giornata del campionato di Serie A, Le due formazioni hanno raggiunto lo Stadio Artemio Franchi e tra poco scenderanno in campo per effettuare il consueto riscaldamento pre partita. Calcio d'inizio fissato alle 18:00.


FIORENTINA-CAGLIARI: FORMAZIONI UFFICIALI

FIORENTINA (3-4-2-1): Dragowski; Milenkovic, Pezzella, Igor; Caceres, Pulgar, Amrabat, Biraghi; Callejon, Bonaventura; Vlahovic

CAGLIARI (4-3-2-1): Cragno; Pisacane, Walukiewicz, Godin, Lykogiannis; Oliva, Marin, Sottil; Nainggolan, Joao Pedro; Simeone. All. Di Francesco. 

FIORENTINA-CAGLIARI: PROBABILI FORMAZIONI

FIORENTINA (3-5-2): Dragowski; Milenkovic, Ger. Pezzella, Igor; Caceres, Amrabat, Pulgar, Bonaventura, Biraghi; Kouamé, Vlahovic. All. Prandelli

Squalificati: Castrovilli

Indisponibili: -

CAGLIARI (4-3-2-1): Cragno; Zappa, Walukiewicz, Godin, Lykogiannis; Nainggolan, Marin, Oliva; Sottil, Joao Pedro; Simeone. All. Di Francesco

Squalificati: Nandez

Indisponibili: Carboni, Faragò, Klavan, Luvumbo, Rog

FIORENTINA-CAGLIARI: STATISTICHE OPTA (Eurosport)

Il Cagliari è imbattuto da cinque sfide contro la Fiorentina in Serie A (3V, 2N), e ha vinto 5-2 nella gara d’andata dello scorso campionato: solo contro il Varese nel 1968 (6-1) i sardi hanno segnato più gol in una gara della competizione.

Fiorentina e Cagliari potrebbero pareggiare tre partite di fila in Toscana per la seconda volta in Serie A: la prima risale al 1982, proprio nel mese di gennaio.

La Fiorentina ha pareggiato quattro gare casalinghe di Serie A per la prima volta da marzo 2019, in una serie in cui arrivò a cinque, con Stefano Pioli in panchina.

Dall’inizio del 2020 il Cagliari ha vinto solo due gare esterne in campionato (7N, 10P): meno di ogni altra squadra tra quelle presenti negli ultimi due campionati di Serie A.

La prossima sarà la 200ª panchina di Cesare Prandelli con la Fiorentina nel massimo campionato. Solo cinque altri allenatori hanno tagliato questo traguardo con una singola squadra in Serie A nell’era dei tre punti a vittoria: Carlo Ancelotti con il Milan (283), Gian Piero Gasperini con il Genoa (232), Marcello Lippi con la Juventus (258), Roberto Mancini con l’Inter (217) e Luciano Spalletti con la Roma (211).

Il Cagliari è la squadra contro cui Cesare Prandelli ha vinto più partite casalinghe sulla panchina della Fiorentina in Serie A, vincendo ciascuna delle cinque sfide al Franchi tra il 2005 e il 2009.

Dusan Vlahovic è andato a segno in quattro delle ultime cinque presenze di Serie A: la prima delle sue due doppiette nella competizione è arrivata proprio contro il Cagliari, nel novembre 2019 in trasferta.

Dusan Vlahovic è il più giovane giocatore con almeno cinque gol segnati in questo campionato e il quinto in generale nei top-5 campionati europei 2020/21, dopo Erling Haaland, Sofiane Diop, Moise Kean e Amine Gouiri.

La Fiorentina è la squadra contro cui il centrocampista del Cagliari, Radja Nainggolan, ha preso parte attiva a più gol in Serie A: 10, frutto di quattro reti e sei assist, con ben tre passaggi vincenti nella gara di andata dello scorso campionato.

L’attaccante del Cagliari Giovanni Simeone ha segnato 20 dei suoi 49 gol in Serie A con la maglia della Fiorentina, tra il 2017 e il 2019. Potrebbe diventare il primo giocatore nato dopo l’1/1/1995 a varcare la soglia delle 50 reti nel massimo campionato italiano.

FIORENTINA-CAGLIARI: LA VIGILIA DEI DUE ALLENATORI

Cesare Prandelli, allenatore della FIorentina (www.violanews.com): "In questo momento la squadra ha dimostrato di essere squadra. E’ chiaro che giudichiamo solo il risultato, ma dal punto di vista dell’allenatore devo trovare degli aspetti positivi. A mio parere abbiamo fatto un’ottima gara contro una grande squadra che è rimasta sorpresa dal nostro atteggiamento. Non abbiamo avuto paura di affrontarla e riempire l’area con tanti uomini. Questa è la strada che dobbiamo percorrere, correggendo qualcosa nell’ultimo passaggio.

Crescita? Il messaggio è stato chiaro: poche idee ma chiare. Non dobbiamo pensare di fare la partita per 90′. Ma, se noi abbiamo un concetto preciso sul ribaltare le azioni e mettere sempre intensità, possiamo essere pericolosi.

Mercato? Spesso capita che tu compri un giocatore e pensi di averlo con determinate caratteristiche, ma non compri la testa del giocatore. Il ragazzo può perdere le proprie sicurezze e questo vale per tutte le squadre italiane. Mi sembra che sia un mercato solo di scambi scontenti. E io questi non li voglio fare.

Domani? Dobbiamo aver già capito che questo momento particolare va tenuto stretto, capendo cosa dobbiamo fare o meno. Ci aspetta uno scontro diretto contro una squadra in difficoltà dal punto di vista dei risultati come noi. Dobbiamo rispettare ed onorare la maglia che indossiamo, se la Fiorentina lotta per non retrocedere, dobbiamo lottare per quello.

Ribery? Oggi lo proviamo al 100% quindi non sappiamo ancora se lo avremo a disposizione.

Eysseric? Io sono arrivato e per me si parte tutti sulla stessa linea. Quando vedo giocatori che si impegnano e hanno qualità voglio premiarli

Il pubblico? Il discorso del pubblico per noi è un argomento difficile da affrontare. Conosciamo bene la nostra storia e il nostro stadio. La pressione del Franchi sugli avversari è fortissima. Per evitare pensieri negativi, dobbiamo avere poche idee, ma chiare e fatte con intensità.

Pezzella? Quando uno ha la fascia si deve assumere tutte le responsabilità e German lo sta facendo. Chiaro che ci sono degli errori, ma dal punto di vista della personalità e del carisma sono molto contento del nostro capitano.

Biraghi? Non è un problema di concentrazione, sono errori di valutazione. L’errore è che spesso hai un pensiero troppo positivo pensando di recuperare la palla ed anticipare l’avversario. Il pensiero deve essere negativo: non devo prendere gol. E’ un aspetto su cui dobbiamo lavorare molto e i giocatori lo sanno.

Quando hai un giocatore di qualità in mezzo al campo puoi costruire. Però ci sono tanti modi di avere le qualità e lo puoi fare anche nella metà campo avversaria. Ed è quello che le squadre fanno quando manca un regista.

Il Cagliari? Il Cagliari è una delle squadra italiane con più dribbling riusciti e Riccardo rientra tra questi. La preoccupazione deve essere quella di non farsi saltare nell’uno contro uno. Sarà una partita molto impegnativa e difficile".

Eusebio Di Francesco, tecnico del Cagliari: “Il ritiro anticipato? La scelta è stata fatta per stare più tempo insieme e preparare al meglio la partita. Può solo averci aiutato a lavorare meglio: poi sarà il campo a parlare.

Ci siamo fatti riprendere in più occasioni: d’altronde questa squadra ha una forte vocazione offensiva e non a caso per cercare di trovare un equilibrio ho messo dentro calciatori con caratteristiche più difensive. Stiamo facendo delle valutazioni, ma in realtà subire le rimonte avversarie dipende da tanti fattori, anche l'aspetto mentale fa la differenza.

Non credo che la rosa sia composta da calciatori che non sono abituati a lottare per mantenere la categoria: giusto Godin, Nainggolan, Nandez hanno giocato per posizioni diverse. Naturalmente tutti a questo punto della stagione avremmo voluto una classifica migliore.

Il rammarico di questi primi mesi? I problemi legati alla pandemia ci condizionano. Non abbiamo potuto fare un ritiro estivo più lungo e continuativo, spesso il virus ci ha falcidiato, togliendoci la possibilità di dare continuità ad alcuni giocatori. Questo è un campionato anomalo.

Benevento? Sicuramente abbiamo giocato un discreto primo tempo, tranne il black-out nella parte finale. Però non è la prima volta che patiamo queste amnesie, quindi il sistema di gioco lascia il tempo che trova.

Ho cambiato dopo l'intervallo passando dal 4-3-2-1 al 4-2-3-1 perché è un modulo che conosciamo bene: eravamo sotto di un gol ed avevamo un giocatore ammonito, Caligara. È stato un cambio ponderato: la squadra era giù moralmente dopo aver preso due gol in tre minuti e volevo dare un segnale.

Nandez ha cambiato tre ruoli all'interno di un passaggio da un sistema all'altro in quanto è l'unico che si adatta in fretta a fare tutto. Non credo che l'espulsione sia dipesa da questo.

Stiamo riflettendo sull'adattabilità dei calciatori attualmente in rosa a ciò che vorrei trasmettere a questa squadra. Ovvio che questo sia il momento giusto per fare delle valutazioni, è normale per noi così come per tante altre squadre.

È presto per dare giudizi definitivi: le riflessioni sono legate anche all'età di alcuni giocatori, dal fatto che debbano maturare passando pure attraverso prestazioni meno buone. In vista di una gara così delicata preferisco comunque non dare risposte riguardo al mercato.

Per noi il 4-3-2-1 è un modulo alternativo al 4-2-3-1, ma non vorrei soffermarmi sui sistemi di gioco. Con entrambi i moduli abbiamo fatto bene, domenica ci sono stati fatali tre minuti di pazzia nel quale abbiamo preso due gol; dobbiamo alzare il livello di attenzione e di continuità durante la gara.

Ho in mente il modulo col quale affrontare domani la Fiorentina, ma me lo tengo per me. Nainggolan in questo momento cerchiamo di sfruttarlo per la sua qualità e le sue attuali condizioni fisiche.

Ounas si è allena con noi da tre giorni, naturalmente è difficile pensare di impiegarlo già in questa gara dall'inizio: nel corso del match potrebbe essere un giocatore che ci darà una mano. Anche Godin è rientrato da poco a disposizione, con la differenza che ultimamente ha perso meno giorni di allenamento rispetto ad Adam, che ha dovuto recuperare dal Covid. Valuterò se fare giocare Diego dall'inizio, così come se schierare Fabio Pisacane dal 1'.

Tre partite in sette giorni non aiutano, sotto diversi punti di vista, la preparazione della gara, ma questo vale anche per gli avversari. Mi dispiace semmai non avere mai avuto la possibilità di scegliere, di non avere tutti gli uomini a disposizione, anzi di averne pochi.

Il nostro difetto principale in questo percorso è stato di prendere gol con troppa facilità. Si riparte dunque dall’evitare di subire reti: è stato l'obiettivo a Parma così come in altre occasioni. Ripeto spesso che per trovare un equilibrio è fondamentale avere una buona fase difensiva: non mi soffermo sull'estetica, domani per noi è vitale portare a casa un risultato positivo”.

FIORENTINA-CAGLIARI: I PRECEDENTI DELLA SFIDA

17^ giornata di campionato, con il Cagliari che farà visita alla Fiorentina. Sono 39 i precedenti tra le due squadre (tutti in Serie A tranne uno in B) in terra toscana: 26 le vittorie viola, 8 i pareggi e appena 5 i successi rossoblù. 70 i gol segnati dai padroni di casa, 27 dagli ospiti.

FIORENTINA-CAGLIARI: LA DESIGNAZIONE ARBITRALE

Il match tra Fiorentina e Cagliari, in programma al Franchi domenica 10 gennaio (18:00), sarà diretto dal Sig. Piero Giacomelli della sezione di Trieste.

Il fischietto classe 1977 sarà coadiuvato dagli assistenti Filippo Valeriani di Ravenna e Michele Lombardi di Brescia.

Quarto ufficiale Matteo Gariglio di Pinerolo.

Al VAR Luca Banti di Livorno e Filippo Meli di Parma.