NUOVO GIRO, NUOVA SCONFITTA

Vince il Benevento 1-2, il Cagliari scivola in piena zona retrocessione

pubblicato il 06/01/2021 in Match report da Antonello Cossu
Condividi su:
Antonello Cossu
2020

Da parte di Antonello Cossu è tutto, un saluto ed un ringraziamento ai lettori di www.blogcagliaricalcio.net. Rimanete collegati per le pagelle e le dichiarazioni dei protagonisti nel dopo gara.

95' Triplice fischio di Abbattista! Il Cagliari viene sconfitto in rimonta dal Benevento col punteggio di 1-2, rete di Joao Pedro per i rossoblù, di Sau e Tuia per i giallorossi. Salgono a nove le partite senza vittoria per i ragazzi di Di Francesco che adesso si ritrovano pienamente invischiati nella zona rossa. 

94'     Ammonizione per Pisacane, reo di aver trattenuto un avversario nella propria trequarti difensiva.

90' 5 minuti di recupero.

90' Doppio cambio per Inzaghi: fuori Hetemaj e Tuia, dentro Dabo e Maggio.

88' Fallo di Sottil su Caprari, nel frattempo impegnato in una ripartenza. Giallo per l'ex viola.

87'     Giallo anche per Improta, fallo "tattico" ai danni di Joao Pedro.

85'     Cartellino rosso per Nandez! L'uruguaiano esagera nelle proteste e incassa così il secondo giallo che lascia il Cagliari in 10 uomini. Clamorosa ingenuità del centrocampista rossoblù in un momento importante della gara.

84'     Caprari e Nandez si allacciano: entrambi vengono ammoniti da Abbattista.

81' Terza sostituzione nel Cagliari: fuori Nainggolan, dentro Pereiro.

79' Clamorosa occasione per il Benevento! La squadra di Inzaghi spreca un match point incredibile con Di Serio: grande giocata di Caprari sulla sinistra e cross perfetto per Di Serio ma l'ex Taranto è qualche metro più avanti e non riesce a concludere a rete!

77' Sostituzione nel Cagliari: fuori Ceppitelli e dentro Fabio Pisacane.

75' Doppio cambio nel Benevento: fuori Sau e Lapadula, dentro Di Serio e Caprari.

72' Prima sostituzione nel Benevento: fuori Insigne, dentro Foulon.

71' Cagliari super offensivo al momento: Nandez si sistema sulla fascia sinistra, Joao Pedro si abbassa a centrocampo per ricevere palloni giocabili.

68' Cambio nel Cagliari: fuori Tripaldelli e dentro Simeone.

67' Ottima chiusura di Walukiewicz su Insigne, impegnato in un'incursione centrale che altrimenti sarebbe potuta diventare molto pericolosa.

63' Altra azione avvolgente del Cagliari sfociata sulla fascia sinistra di Tripaldelli: buon cross del difensore ma troppo sul portiere che esce e respinge con i pugni.

60' Conclusione da fuori di Sottil dopo l'appoggio all'indietro di Joao Pedro: Montipò si distende e devia la conclusione sul fondo. Sarà calcio d'angolo.

59' Cragno blocca un cross di Barba proveniente dalla fascia sinistra e fa ripartire velocemente i suoi.

56' Il Cagliari ora spinge con più continuità, tuttavia i sardi non sono ancora riusciti ad impensierire Montipò in questa ripresa.

52' Che occasione sprecata da Marin! Nandez serve il compagno al centro dell'area con un passaggio illuminante ma Marin sbaglia un controllo semplice davanti a Montipò e perde l'occasione di calciare in porta!

48' Colpo di testa centrale di Glik sugli sviluppi di un calcio di punizione, Cragno blocca sicuro.

46' Inizia il secondo tempo del match!

Cambio nell'intervallo per Di Francesco: fuori Caligara e dentro Riccardo Sottil. Il Cagliari si sistema col 4231.

47' Termina la prima frazione di Cagliari-Benevento! Giallorossi incredibilmente in vantaggio sul Cagliari grazie a due reti firmate da Sau e Tuia arrivate nel finale, per i rossoblù Joao Pedro aveva aperto le marcature al 24'. Ora l'intervallo e poi la ripresa del match.

45' 3 minuti di recupero assegnati da Abbattista.

44' Benevento avanti all'improvviso con Tuia! Colpo di testa imperioso del difensore giallorosso su cross di Sau e pallone che si spegne all'incrocio dei pali! Cragno stavolta non può nulla, campani in vantaggio alla Sardegna Arena!

41' Pareggio del Benevento, gol stupendo di Marco Sau! L'ex di turno trasforma in gol con una grande girata al volo un assist meraviglioso di Schiattarella proveniente dalle retrovie! Cagliari-Benevento 1-1, match nuovamente in equilibrio alla Sardegna Arena!

40' 5 più recupero al termine della prima frazione: Cagliari sempre avanti sul Benevento grazie ad una rete di Joao Pedro.

36' Bello schema su calcio di punizione messo in pratica dal Cagliari: Nandez tocca la palla a Marin, cross preciso a rientrare del rumeno e buona chiusura difensiva di Lapadula su Joao Pedro. Corner.

33' I ritmi di gioco si sono leggermente abbassati dopo un inizio infuocato. Le due formazioni cercano di ragionare per evitare di sprecare utili energie.

30' Mezz'ora di gioco è già passata, Cagliari in vantaggio 1-0 sul Benevento grazie al gol firmato da Joao Pedro al 24'.

26' Contatto nell'area di rigore del Benevento, cade Pavoletti dopo un contrasto con Improta: l'arbitro lascia proseguire, ma è in corso un rapido controllo del Var che farà chiarezza sull'episodio.

24' Cagliari in vantaggio con Pavoletti! Classico gol di testa dell'ariete rossoblù sugli sviluppi di un corner, forse con la complicità di un tocco di Joao Pedro. Conta poco però, il pallone ha superato la linea e vale il vantaggio dei padroni di casa! 

23' Nainggolan prova la conclusione da casa sua! Il ninja sfiora l'eurogol calciando da lontanissimo e travando la pronta risposta di Montipò che si rifugia in angoloo.

23' Il Benevento continua a spingere alla ricerca del gol del vantaggio: altra azione pericolosa nata dalla fascia destra campana, traversone al centro e palla che attraversa l'area di rigore solamente sfiorata da Sau.

18' Marin scodella un pallone in area di rigore, ma Pavoletti non riesce ad addomesticarlo al meglio. Si ripartirà con un rinvio dal fondo in favore di Montipò.

15' Altra chance per il Benevento! Sau si divora lo 0-1 a tu per tu con Cragno dopo essere stato imbeccato meravigliosamente da Lapadula! Brividi per il Cagliari!

14' Decisione ribaltata, nessun calcio di rigore! Abbattista ritorna sui sui passi e restituisce il pallone ai rossoblù.

12' Calcio di rigore per il Benevento! Cragno esce in maniera scomposta su Lapadula sfiorando il pallone e travolgendo anche l'avversario. Abbattista indica il dischetto e poi viene richiamato ai monitor dagli addetti al VAR per riesaminare l'episodio.

9' Il Cagliari prova ad imporre il poprio gioco sugli avversari che per ora si difensono ordinatamente e provano a ripartire quando possibile.

8'     Ammonizione per Schiattarella: il centrocampista ha trattenuto in maniera evidente su Nandez.

5'     Primo cartellino giallo del match per Caligara in seguito ad fallo duro commesso nei pressi del centrocampo.

3' Pavoletti trasforma in rete di testa un cross di Nainggolan ma Abbattista annulla tutto per una presunta carica dell'attaccante su Montipò, che è rimasto a terra in seguito ad un contatto rimediato in uscita alta.

1' Partiti! Primo pallone mosso dal Benevento!

Squadre in campo, Cagliari-Benevento sta per cominciare!

Buon pranzo a tutti i lettori da parte di Antonello Cossu e benvenuti alla cronaca testuale di Cagliari-Benevento, match valido per la 16^ giornata del campionato di Serie A. Le due formazioni hanno già raggiunto la Sardegna Arena e al momento sono in campo per effettuare il consueto riscaldamento pre partita. Calcio d'inizio fissato alle 12:30.


CAGLIARI-BENEVENTO: FORMAZIONI UFFICIALI

CAGLIARI 4-3-2-1): Cragno; Zappa, Walukiewicz, Ceppitelli, Tripaldelli; Nandez, Marin, Caligara; Nainggolan, Joao Pedro; Pavoletti
Allenatore: Di Francesco.

BENEVENTO (4-3-2-1): Montipò; Improta, Glik, Tuia, Barba; Hetemaj, Schiattarella, Ionita; Insigne, Sau; Lapadula.
Allenatore: Filippo Inzaghi.


CAGLIARI-BENEVENTO: PREVIEW E PROBABILI FORMAZIONI

La partita di oggi contro il Benevento alla Sardegna Arena sarà lo spartiacque della stagione del Cagliari. L'ha detto Di Francesco e lo dicono i numeri: il +3 dalla zona retrocessione non piace a nessuno, come neanche le otto partite di fila senza vincere: i rossoblu stavolta devono portare a casa i tre punti, senza se e senza ma. Le Streghe di Inzaghi sono una delle sorprese di questo campionato, per cui bisognerà essere cauti ma allo stesso tempo consapevoli della propria forza e di dover necesarriamente vincere . Con un Nainggolan in più, probabilmente.

CAGLIARI (4-2-3-1): Cragno; Zappa, Walukiewicz, Ceppitelli, Tripaldelli; Nainggolan, Marin; Nandez, Joao Pedro, Sottil; Simeone. All. Di Francesco

Squalificati: Lykogiannis

Indisponibili: Carboni, Faragò, Godin, Luvumbo, Ounas, Rog

BENEVENTO (4-3-2-1): Montipò; Foulon, Glik, Barba, Barba; Ionita, Schiattarella, Dabo; Insigne, Caprari; Lapadula. All. F. Inzaghi

Squalificati: nessuno

Indisponibili: Caldirola, Iago Falque, Letizia, Maggio, Viola

CAGLIARI-BENEVENTO: STATISTICHE OPTA (Eurosport)

Il Cagliari ha vinto entrambe le sfide di Serie A contro il Benevento nella stagione 2017/18, sempre con il punteggio di 2-1.

Il Cagliari ha vinto soltanto una delle ultime otto gare di Serie A contro squadre neopromosse (4-2 vs Crotone ad ottobre) - completano il parziale cinque pareggi e due sconfitte.

Il Cagliari è, con lo Spezia, una delle due squadre che attendono la vittoria da più partite in Serie A, tra quelle attualmente nella competizione: otto (parziale in cui ha ottenuto quattro pareggi e quattro sconfitte).

Il Cagliari ha perso le ultime due partite di campionato e l’ultima volta che ha fatto peggio con un singolo tecnico è stata nel marzo 2020 (tre), in una serie negativa in cui fu esonerato Rolando Maran.

Il 75% dei successi in trasferta del Benevento in Serie A sono arrivati sotto la gestione di Filippo Inzaghi (tre su quattro), nonostante sia sceso in panchina solo nel 27% delle gare esterne dei campani nella competizione.

Dopo il successo per 2-0 contro l'Udinese alla 14ª giornata, il Benevento potrebbe vincere due trasferte consecutive per la prima volta in Serie A.

Il Benevento è la squadra che nella prima mezzora di gioco segna meno gol (tre, al pari dell’Udinese) e ne subisce di più (11, al pari del Bologna) nella Serie A 2020/21.

Il Benevento è la squadra che ha segnato più gol da fuori area in rapporto alle reti totali in questo campionato: cinque su 17, il 29% - dall’altra parte il Cagliari è la formazione che ha incassato più reti dalla distanza nel torneo in corso (sette).

L’attaccante del Cagliari João Pedro può andare in doppia cifra per la seconda volta in un singolo campionato di Serie A (dopo le 18 reti dello scorso torneo) – attualmente è a quota nove gol, uno in meno rispetto alla scorsa stagione allo stesso punto della competizione.

Il Cagliari è la squadra contro cui l’attaccante del Benevento Gianluca Lapadula ha preso parte a più gol in Serie A: quattro (tre reti, un assist) in cinque precedenti.

CAGLIARI-BENEVENTO: IL METEO

Cieli nuvolosi alternati a locali schiarite per tutto l'arco della giornata. Non sono previste precipitazioni. Le temperature saranno comprese tra gli 11 e i 12 gradi, con un indice di umidità relativa pari al 70%.

I venti saranno di debole intensità e provenienti da Nord- Ovest.

Visibilità prevista: buona.

CAGLIARI-BENEVENTO: LA VIGILIA DEI DUE ALLENATORI

Eusebio Di Francesco, tecnico del Cagliari"Quando parlo di volere "più squadra" è in riferimento al processo di crescita della squadra. Questa squadra ha delle idee ma manca l'identità, il fatto di aver cambiato tanto in queste settimane non ci ha facilitato, ma con il lavoro sono convinto che possiamo migliorare.

È ovvio che non siamo contenti della nostra situazione, domani vorrei che cambiasse la situazione.

Nainggolan è un centrocampista e come tale deve ragionare in campo, non ha però la condizione per reggere 90 minuti, non voglio dare informazioni sulla formazione ma potrebbe giocare dal primo minuto come a gara in corso.

Non posso definirmi un grande motivatore, non ora, almeno, c'è ancora tanto su cui lavorare. Mi auguro che quello che dico arrivi al più presto alla squadra, sia ai giovani che ai meno giovani, se non sta andando bene non è solo responsabilità dei giovani, anche i grandi sbagliano.

Al momento ho difficoltà anche a scegliere giocatori per i vari ruoli, perchè da quando c'è il Covid magari preparo la gara pensando di schierare qualcuno e poi scopro che è positivo.

Al momento mi interessa che domani facciamo una buona gara e portiamo a casa i tre punti, perchè sarebbe un grande aiuto per l'autostima e il carattere.

Quest'anno siamo partiti in maniera 'normale' i risultati non hanno aiutato... Radja ha detto che gli piace combattere e spero che lo trasmetta ai suoi compagni.

I giovani hanno poca voglia di combattere e sono poco aggressivi? Io credo che sia necessario fare un discorso più generale, di squadra e questo credo che sia un punto su cui lavorare e migliorare.

In alcuni momenti lo abbiamo fatto anche con il Napoli e soprattutto quando giochi contro una grande bisogna aumentare questa aggressività e questa voglia di ottenere il risultato. Voglio trasmettere questo alla squadra, le soluzioni le avrei anche in casa, se potessi disporne e non avessimo tutti questi problemi.

Sul mercato ci stiamo guardando intorno, avremo delle entrate e delle uscite. Ma il mercato mi interessa poco, al momento, sto pensando alla gara di domani. Tra l'11 e il 15 posto ci sono pochissimi punti e noi abbiamo bisogno di vincere, domani è una gara spartiacque.

Nella vita e nel calcio ci vuole coraggio, domenica mancando Rog ho messo Nandez perchè mi serviva uno con quelle caratteristiche e certe scelte le ho dovute fare perchè alcuni mi mancano e non ho scelta, oppure ho bisogno di vedere alcuni giocatori all'opera, come Pereiro, che non giocava da molto.

I giocatori sono disponibili e mi seguono, la squadra ha voglia di seguire quello che chiedo, lo sento, facciamo anche degli allenamenti di grande qualità, solo che poi non si vede in partita e questo mi dispiace.

Ci stiamo lavorando. La fiducia dell'ambiente la sento in maniera netta ma in ogni caso fa parte del mio lavoro. Sono incazzato perchè questa squadra può fare di più e può avere una classifica diversa.

Per sopperire all'assenza di Lyko può giocare Tripaldelli ma sto studiando altre soluzioni. Cercare di inventare tanto però porta solo confusione. Radja ha detto che bisogna 'suonare la sveglia' e bisona farlo tirando fuori tutti qualcosa in più, di carattere e di voglia, domani metterò chi riterrò sia meglio, dall'inizio e a gara in corso, non sottovalutiamo i cinque cambi.

Ora però contano solo i fatti, c'è la volontà di portare una vittoria scaccia-crisi.

C'è chi ha detto che quando c'è un giocatore ammonito bisogna toglierlo, ma bisogna anche considerare la situazione, devo anche tenere conto degli slot per i cambi e di come è avvenuta l'ammonizione.

Centrocampo a tre con il trequartista e due punte? Non rispondo, non voglio dare vantaggi.

Mettere Joao in una certa posizione è frutto di una riflessione particolare e secondo me è stata una buona intuizione perchè diventa determinante e la sua posizione ha comportato la modifica del compotrtamento di altri giocatori. È cresciuto tanto e non credo che ostruisca il gioco della squadra, come qualcuno ha detto. Se la squadra non va al massimo non è colpa della posizione di Joao.

Infortunati? Godin non recupera, nemmeno Klavan, Carboni non c'è, Faragò nemmeno e neppure Ounas. Per Firenze abbiamo la speranza di recuperare qualcuno, compreso Godin.

L'altro giorno ho detto che il mercato sarà fatto sul 4-2-3-1 ma potrei cambiare ancora idea. Il fatto che la squadra ancora non si esprime come vorrei è dovuto al fatto che serve tempo, e nemmeno i problemi che abbiamo avuto ci hanno aiutato. Ma ci arriveremo. L'identità non c'è ma ci sono delle idee. La bellezza oggi non mi interessa, dobbiamo fare punti, vogliamo essere cinici.

Il Benevento? È una delle soprese, è propositiva, fa gioco, ha perso immeritatamente alcune gare, come contro il Milan, e ha fatto bene contro le grandi. Ha dei numeri importanti ed  è una squadra da prendere con le molle, ma anche noi abbiamo dei buoni numeri e possiamo fare bene.

Vedendo gli allenamenti a volte rimango meravigliato dall'approccio che abbiamo, poi magari in campo non facciamo quello che potremmo. Dobbiamo migliorare sull'aggressività iniziale e dobbiamo farlo da squadra, non è qualcosa che si può comprare. Va trovata e devo aiutarli a farlo".

Filippo Inzaghi, tecnico del Benevento, non ha rilasciato dichiarazioni.

CAGLIARI-BENEVENTO: I PRECEDENTI DELLA SFIDA

È appena uno il precedente tra le due squadre: nella stagione 2017/18 sbloccò il match Faragò, i rossoblù però - complice un rigore fallito da Sau - non riuscirono a chiudere la gara e si fecero raggiungere dal gol su rigore di Iemmello al 93’; nemmeno un minuto più tardi e Pavoletti inventò un grandissimo colpo di testa, regalando ai suoi un’importantissima vittoria e facendo esplodere di gioia i tifosi.

CAGLIARI-BENEVENTO: LA DESIGNAZIONE ARBITRALE

Eugenio Abbattista di Molfetta è stato designato a dirigere Cagliari-Benevento, in programma mercoledì alla Sardegna Arena.

Sarà coadiuvato dagli assistenti Sergio Ranghetti di Chiari e Davide Miele di Torino.

Quarto ufficiale Federico La Penna di Roma1.

Addetti al VAR Gianpaolo Calvarese di Teramo e Damiano Di Iorio di Vico.