Rastelli: "Ripartiamo con entusiasmo. In campo contro la Spal per vincere"

La conferenza del tecnico rossoblù alla vigilia della gara di Coppa Italia

pubblicato il 14/08/2016 in Live da Marco Deiana (invitato)
Condividi su:
Marco Deiana (invitato)
2016

Vigilia di Coppa Italia per il Cagliari, che affronterà domani alle 21:00 al Sant’Elia la Spal in gara secca. Sarà la prima uscita ufficiale per la banda Rastelli, per la prima volta il risultato verrà prima di tutto.

Dopo l’allenamento di stamani, il tecnico rossoblù incontrerà la stampa presso il centro sportivo di Asseminello.

Una conferenza stampa che seguiremo in diretta, e che si spera possa far luce sullo stato di forma generale e dei singoli della squadra, modulo e qualche indicazione di formazione.

La squadra ha appena terminato l'allenamento del mattino, da capire se stasera svolgerà la rifinitura o se sei passerà direttamente al risveglio muscolare di domattina.

La gara di Coppa Italia di domani avrà inizio alle 21:00. In attacco Sau-Borriello? E' uno dei quesiti che attendono risposta mentre intanto la sala stampa va a riempirsi.

Sono ormai le 12:00, si attende il Mister in Sala Stampa, al momento pochi i cronisti presenti, complice certamente il Ferragosto.

Ad ogni modo Rastelli sta per arrivare, mentre intanto si finisce di sistemare microfoni e telecamere. Pochi minuti e si inzia.

Ecco il Mister, inizia la conferenza stampa. Ecco le dichiarazioni di Rastelli:

"Si riparte con lo stesso spirito che ci ha accompagnato la scorsa stagione, quindi con entusiamo. Sarà una stagione importante, già da domani con la Coppa Italia. Infortunati? Abbiamo recuperato Sau, Giannetti recuperato completamente. Infortunati Farias e Joao Pedro. Munari squalificato.

Modulo? Giochiamo a tre dietro, così anche a Genova. Non avendo trequartisti è giusto giocare con questo modulo. Domani voglio delle ottime indicazione. Nuovi acquisti Isla e Borriello? Il mio obiettivo è portarli alla pari, c'è bisogno di lavorare. Soddisfatto delle amichevoli, non abbiamo giocato contro squadre cuscinetto. Abbiamo tenuto bene il campo e abbiamo dimostrato di avere una identità. Miglioreremo con il passare delle partite. Abbiamo buona struttura e abbiamo un gruppo più che buono con il giusto mix esperti e giovani.

L'ex Cerri domani? Sicuramente è diventato più forte. Grandissima persona, ci ha dato una grossa mano nella promozione.

Gli avversari? Ha una mentalità, ha delle qualità. Hanno migliorato la rosa con innesti di qualità. Poi c'è l'insidia delle gare di agosto per via delle condizioni fisiche delle squadre. Massimo rispetto per loro e dobbiamo fare una grande prestazione per passare il turno e affrontare la Samp.

Bruno Alves, Isla e Borriello devono giocare per recuperare la condizione migliore e potrebbero giocare domani. Barella? Lo vedo bene. È migliorato. È un giocatore talentuoso, ma il talento da solo non basta. È duttile sotto l'aspetto tattico: da trequartista, da interno di centrocampo e da regista puro. È un giocatore prezioso. Contro l'Amburgo mi è piaciuto molto.

Rispetto ad un anno fa è cambiato sia Rastelli che il Cagliari. Mi sento un allenatore più preparato rispetto a 365 giorni fa. La squadra si è rinforzata. È stato allestito un organico molto buono per raggiungere il nostro obiettivo, poi a fine stagione si vedrà cosa siamo stati in grado di costruire.

Pajac? Giocatore di grande qualità. Un mancino importante. Gran tiro e buona corsa. Ora devo trovargli una identità tattica nei nostri schemi. Non ha ancora una collocazione tattica precisa. Deve imparare ancora bene la lingua. Ci sta bene nel gruppo. Ci sarà utile anche a gara in corso con una giocata.

Ho rosa ampia? L'esperienza mi ha insegnato che quando pensi di averne tanti, poi ti ritrovi con la coperta corta. Ci sarà bisogno di tutti. Partono tutti alla pari".