Rastelli: "A Modena per giocare da Cagliari e vincere"

Le parole del tecnico rossoblù durante la conferenza stampa della vigilia della gara contro il Modena

pubblicato il 25/03/2016 in Live da Alexandra Atzori (inviata)
Condividi su:
Alexandra Atzori (inviata)
2016

Il Cagliari si prepara alla trasferta di Modena. Domani alle 15:00 i rossoblù di Rastelli cercheranno la vittoria per allungare ancor più in classifica nei confronti del terzo posto e allo stesso tempo proveranno il contro riscatto ai danni del Crotone che varrebbe la vetta solitaria in classifica.

Alle 12:15 ci sarà la conferenza stampa di Mister Rastelli. Evento che come sempre seguiremo in diretta.

La squadra ha svolto stamani la rifinitura, a seguire il pranzo e nel pomeriggio la partenza alla volta di Milano da dove poi ci si sposterà verso Modena.

L'unico vero dubbio riguarda le condizioni di Capuano, non ancora al meglio e che potrebbe lasciare la difesa con soli 4 uomini più il possibile inserimento di Bernardi della Primavera nell'elenco dei convocati.

Ci sarà qualche minuto di ritardo rispetto al previsto perché la squadra sta completando la rifinitura.

Rifinitura completata, si entra in sala stampa e si sistemano telecamere e microfoni in attesa di Mister Rastelli.

Ecco Rastelli, ed ecco le sue dichiarazioni:

"La gara è come tutte le altre. Loro hanno perso e vengono da una settimana difficile, che in casa ha fatto la maggior parte dei punti e si trasforma, è più pungente e tosta. 27 punti su 35 li hanno fatti in casa.

È in difficoltà come lo era il Vicenza la settimana scorsa. Non dobbiamo fare l'errore di sottovalutarli, hanno un'ottima struttura fisica, sono pericolosi e bravi sulle palle inattive e hanno qualità in diversi uomini. Se giochiamo da Cagliari e rispettiamo l'avversario c'è la possiamo fare, come abbiamo fatto contro il Vicenza.

Sono tre settimane che i ragazzi si allenano benissimo e non sbagliamo un allenamento. Contro il Perugia non abbiamo giocato male e a Vicenza idem, ovviamente i recuperi a centrocampo hanno portato più fiducia. Dobbiamo fare in campo quello che proviamo in allenamento. Non dobbiamo cullarci sulla vittoria di Vicenza.

La cosa più importante per il Cagliari è tornare in A. In queste ultime gare cercheremo di fare più punti possibili e a fine campionato tireremo le somme. Più vinciamo più ci avviciniamo alla A, non scenderemo mai in campo con una mentalità diversa. Il Crotone si sta dimostrando all'altezza e ha meno pressione di noi, ha una rosa giovane ma la serie B è così. Cerchiamo di apprezzare quelli che abbiamo fatto finora e non lamentiamoci perché il Crotone sta facendo bene. Io la B la conosco e non mi stupisce.

La società mi ha chiesto di arrivare in A e mi hanno preso per quello. Ma non possiamo storcere il naso se arriviamo secondi a un punto dal Crotone. Se chiamano Rastelli è per vincere il campionato e andare in A.

Mancano dieci partite. Per me la cosa più importante è avere tutti a disposizione, cosa che finora non mi è mai capitato".