Rastelli: "A Salerno gara difficile. Sono preoccupato, la squadra ha la testa per aria"

Le dichiarazion del tecnico rossoblù in conferenza stampa

pubblicato il 23/12/2015 in Live da Alexandra Atzori (inviata)
Condividi su:
Alexandra Atzori (inviata)

Cagliari in campo domani alle 13:00 sul campo della Salernitana. Stamaini, dopo la rifinitura, consueta conferenza stampa con il tecnico rossoblù, Massimo Rastelli.

Squalificati sia Farias che Joao Pedro, il primo dubbio è quello relativo a chi giocherà dietro le punte. Barella pare pronto, così come Di Gennaro è pronto a guidare la mediana.

Tra pochi minuti l'allenatore del Cagliari farà il suo ingresso in sala stampa.

La squadra ha da poco concluso la rifinitura, dopo ci sarà il pranzo, infine la partenza alla volta di Salerno.

Ad ogni modo sono tanti i temi da trattare dopo l'importante vittoria contro il Bari, in particolare, ci sarà da capire che scenderà in campo per cercare i 3 punti anche contro la Salernitana.

Ecco che fa il suo ingresso in sala mister Rastelli, si comincia: ecco le sue dichiarazioni.

"Speriamo di non fare Babbo Natale domani. Per la prima volta sono molto preoccupato. Ho visto la squadra distratta e non attenta. I ragazzi mi sa che non hanno capito che domani gli avversari ci staranno aspettando con il coltello tra i denti. Mi è sembrato di rivivere la trasferta di Novara.

La Salernitana ha giocatori esperti e di categoria, con un ottimo allenatore e che ha ottenuto meno di quanto avrebbe maritato. Domani sarà difficile. Potete solo immaginare se mi sono arrabbiato con i ragazzi.

Per domani ho due/tre dubbi, come sempre. Valutero in base a ciò che mi servirà domani. Oggi poi mi sono venuti ancora più dubbi, sarà una notte complicata.

Sulla trequarti? Ho poche alternative e ho anche valutato un altro sistema di gioco. Ma non voglio dire nulla per non dare vantaggi alla Salernitana.

Contro il Bari era una gara difficile e ho scelto Pisacane perché è più esperto. Murru e Barreca, per quella gara, erano troppo inesperti. Io metto sempre gli uomini che reputo più adatti. Per domani ho diverse alternative. Il 4-3-3 non mi piace, di sicuro non guiocherò con una sola punta.

I ragazzi hanno la testa per aria, forse per le feste, forse perché qui l'aria non è così ovattata. Sarebbe stato meglio giocare oggi, per avere più tempo per domenica. La Pro Vercelli avrà un giorno di riposo in più.

Gabbionetta è la star della squadra, un giocatore fantastico, ma ne hanno altri, soprattutto dal centrocampo in su, come Coda e Sciaudone. Spero riusciremo a metterli in difficoltà dietro.

Io cerco di non cambiare sistema si gioco, ma può capitare di non avere il trequartista e dover fare altre scelte. Domani cercherò di non cambiare, ma qualche cambio sugli esterni potrei farlo.

Ho provato diversi sistemi, c'è n'è uno che mi ha convinto di più".