Rastelli: "Più forti di tutto! A Lanciano per vincere e riprenderci ciò che ci spetta"

Le parole del tecnico rossoblù in conferenza stampa alla vigilia della gara contro il Lanciano

pubblicato il 08/12/2015 in Live da Alexandra Atzori (inviata)
Condividi su:
Alexandra Atzori (inviata)

Cagliari in campo domani alle 18:30 in casa della Virtus Lanciano. C'è da combattere e vincere nella speranza di riprendere subito la vetta della classifica. Ad ogni modo non sarà una gara semplice, servirà una grande prestazione e bisognerà cercare di portare a casa l'intera posta in palio.

La B non aspetta nessuno, il Cagliari è scivolato al secodo posto, posizione francamente non consona alla squadra dal miglior organico della serie cadetta.

Stamani, consueta conferenza stampa per gara da parte di Mister Rastelli. Orario d'inizio fissato per le 12:15.

La squadra sta ultimando la rifinitura, nel pomeriggio si parte alla volta di Roma da dove poi si arriverà a Lanciano.

Appena si concluderà la rifinitura - speriamo senza infortuni - il tecnico del Cagliari farà il suo ingresso in sala stampa. Rifinitura che sta andando oltre i tempi previsti. Indice che si prova a sistemare al meglio ciò che domani si dovrà poi eseguire in campo.

Aspettiamo dunque la conclusione della seduta di allenamento.

La rifinitura si è appena conclusa, ora Rastelli farà il suo ingresso in sala stampa. Pochi minuti e si inizia.

I giornalisti attendono, si sistemano telecamere e microfoni, è tutto pronto in attesa del tecnico rossoblù.

Rastelli non è ancora arrivato in sala stampa. L'attesa sale, specie dopo la rifinitura. Sarà tutto ok?

Ecco il mister, ecco le sue dichiarazioni:

"Da domenica ho riposato, non ho avuto tempo per pensare a quello che è stato contro il Como. Abbiamo analizzato gli errori e abbiamo iniziato a pensare a domani. Il Lanciano è una squadra ostica e di categoria. Con il nuovo allenatore è diventato anche imprevedibile. Sarò ripetitivo ma domani il risultato dipenderà da noi, da come giocheremo. Dobbiamo riprenderci ciò che abbiamo perso domenica.

Come si sopperisce alle assenze di Dessena e Fossati? Ho Tello, Deiola, Barella per due posti. Vedrò. Barella mi è piaciuto domenica, è entrato in gara, mi ha dato velocità e imprevedibilità, che era ciò che mi serviva. Il suo ruolo? Quello iniziale, visto che lo conosce meglio, è quello di mezzala ma, secondo me, come trequartista potrebbe fare il salto di qualità. Dipenderà dalle fasi della gara.

Giocatori come Dessena non ce ne sono, nessuno in rosa si avvicina alle sue caratteristiche. Perciò devo cercare qualcun altro che mi dia altre garanzie. C'è qualcuno acciaccato ma nessuno ha problemi seri. In tre saranno da valutare.

Turnover? Qualcosa la cambierò perché mi servono giocatori freschi e qualcuno più adatto alla gara di domani. Non so quanti cambi farò, ma sicuramente non posso stravolgere totalmente la squadra. Il modulo è una garanzia, poi a gara in corso si vedrà.

Ho preferito Cerri a Giannetti perché mi serviva una punta fisica e anche per quello, poi, ho messo Balzano che mi dava più spinta e ha fatto cross che possono servire ad un ariete come Cerri.

Cerri? È un ragazzo straordinario, ha cambiato la gara. Ha lottato su ogni pallone e ha qualità. Manda in gol i compagni ed è un giocatore completo. Gli manca solo il gol. Quella di domani è una gara che sente molto, visto che è stato il Lanciano a farlo esordire.

Ho visto la squadra contratta e meno sciolta rispetto alle precedenti gare, quando era spigliata e non dava respiro alle avversarie. Dopo Brescia c'è stato qualche strascico, e il fatto che il Como abbia fatto quella partita non ci ha agevolato. Dobbiamo capire che questa serie è difficile, dobbiamo giocare con fiducia e avere bene in mente quali sono le nostre qualità. Dobbiamo capire che possiamo vincere anche al 95°. Come l'Inter: firmerei per vincerle tutte 1-0. Dobbiamo tenere conto che ci sono anche gli avversari, non possiamo andare sempre subito in vantaggio. Ci saranno momenti non facili, come questo, e dobbiamo venirne fuori.

Torti arbitrali? Non mi piace commentarli. Ci hanno detto che in alcune gare ci hanno favorito ma gli episodi sfavorevoli fanno parte del calcio. Noi dobbiamo essere più forti e vogliamo che gli arbitri siano giusti con tutti, sia noi che i nostri avversari.

Farias? Ha grande voglia di fare e di aiutare i compagni, dopo l'espulsione cercava di creare superiorità ma io voglio sempre che i miei giocatori ci provino, anche se sbagliano. Finora ha fatto un campionato ottimo, si è fermato per l'infortunio ma ora sta bene.

Il 24 si gioca alle 13? Anche l'anno scorso ho giocato il 24 ma il 27 è il mio compleanno e voglio un regalo".