Rastelli: "Latina squadra di prima fascia, ma abbiamo forze fresche e i cambi giusti"

La conferenza stampa del tecnico rossoblù alla vigilia della gara di domani contro il Latina

pubblicato il 25/09/2015 in Live da Alexandra Atzori (inviata)
Condividi su:
Alexandra Atzori (inviata)

Domani sarà Cagliari-Latina. Dopo l’importante vittoria dei rossoblù in quel di Chiavari, domani al Sant’Elia arriva la formazione guidata da Iuliano. L’imperativo è vincere. Una costante, un obbligo dovuto anche al fatto che il Livorno vola a punteggio pieno.

Per i ragazzi di Rastelli, la continuità di risultato dovrà quindi fare rima con vittoria. Gara insidiosa, quella contro i Laziali, che sbarcano in Sardegna da imbattuti con 6 punti in classifica ed appena tre reti subite.

Questo pomeriggio, presso il Centro Sportivo di Asseminello, consueta conferenza stampa di Massimo Rastelli con inizio alle 17: 30.

Sarà interessante ascoltare le parole del tecnico campano, e cercare di comprendere quale formazione potrà essere schierata domani. Il robusto, ma vincente turnover visto contro la Virtus Entella, ha lasciato tutti sorpresi (alla fine) in positivo.

Ecco il mister, ed ecco le sue dichiarazioni:

"La prossima partita è sempre la più difficile perché le tossine si accumulano e sotto l'aspetto psicologico abbiamo dovuto lavorare molto, anche perchè martedi è stata la prima volta che abbiamo dovuto rimontare. Meno male che abbiamo forze fresche per domani.

Tre partite in una settimana non sono poche e c'è tanto dispendio fisico e mentale, tra viaggi e così via. Noi rispetto agli altri abbiamo un organico che ci permette un po' di ricambio.

Io devo fare sempre le scelte in base a quello che è meglio per la squadra, non in base al fatto che io abbia ragione o meno. La mia gioia di martedì non era perché avevo vinto la scommessa del turnover, ma perché ho dato la possibilità ai ragazzi che non avevano ancora giocato di mostrare il loro valore.

Il latina è una squadra di prima fascia, ottimamente allenata da Iuliano che sta facendo un ottimo lavoro dall'anno scorso e ha ottimi elementi di valore ed esperienza, come Oliveira. Ha cambiato sistema di gioco e lo cambia durante la gara e noi dobbiamo essere bravi a fare lo stesso.

Barella? È pronto per giocare ma io lo vedo in un altro ruolo, non da centrocampista. Quando mi renderò conto che avrò bisogno delle sue caratteristiche lo userò. Già il fatto che è stato convocato più volte è un segnale. È giovane e deve continuare ad allenarsi. C'è chi non ha ancora giocato e chi ha giocato poco, ma alla lunga tutti avranno la loro occasione.

La classifica? È ancora presto. Il Livorno è stato costruito per la promozione, così come l'anno scorso, anche se non è arrivata nemmeno ai playoff. Penso poi che Cagliari, Cesena e Pescara siano lì. Ma guardare la classifica ora è prematuro.

Il Bari? Un incidente di percorso può capitare. La prossima partita dimostrerà se è una squadra di carattere. Per me è una delle favorite.

Barreca? Dipende dalla gara e dall' avversario che c'è su quella fascia. Faccio molto affidamento su Balzano e Pisacane, ma io scelgo i giocatori in base alle gare. Barreca non ha avuto spazio perché, tra nazionale e problemi fisici, non ho avuto modo di schierarlo. Per domani sono tutti disponibili, anche se dovrò mandare qualcuno in tribuna. Ceppitelli domani giocherà con la Primavera per vedere se è a posto. Deciderà lui quanto giocare in base a come sta. Nel giro di tre o quattro settimane tornerà a pieno regime.

La Primavera? Il merito è di Beretta che sta cercando di creare le basi per portare i migliori talenti sardi qui e Canzi è un ottimo tecnico. Questa Primavera può dare grandi soddisfazioni e un ottimo bacino per la prima squadra.

Farias e João Pedro? Il mio lavoro è capire le loro potenzialità, e con il tempo cerco di tirare fuori il loro meglio. João non lo conoscevo e come mezzala corrisponde a ciò che cerco io, anche se Deiola ha fatto molto bene. Là davanti si conoscono molto bene e c'è molta qualità".

Si conclude con queste parole la conferenza stampa del tecnico del Cagliari.