Rastelli: "Vogliamo partire con il piede giusto e trasmettere entusiasmo ai tifosi"

Le parole del tecnico rossoblù in conferenza stampa alla vigila della gara contro il Crotone

pubblicato il 06/09/2015 in Live da Marco Zucca (inviato)
Condividi su:
Marco Zucca (inviato)
www.blogcagliaricalcio1920.net

Cagliari in campo domani per la prima di campionato contro il Crotone al Sant’Elia in quello che sarà il posticipo della prima giornata di campionato di Serie B.

Alle 17:00 Mister Rastelli incontrerà la stampa proprio al Sant’Elia dove la squadra poi svolgerà la rifinitura che permetterà al tecnico campano di sciogliere gli ultimi nodi circa la formazione da mancare in campo contro gli “squali” calabresi. Scelte per certi versi obbligate, viste le numerose assenze tra i rossoblù.

Ad ogni modo sarà importante sentire quelle che sono le sensazioni del mister a poco più di 24 ore dalla gara.

Come sempre seguiremo l’evento in diretta.

La sala stampa va riempendosi, il mister tra pochi minuti sarà qui. Convocherà Arras, viste le tante assenze in avanti e considerato il fatto che il ragazzo si è allenato per l'intera settimana con la prima squadra?

Intanto, da segnalare che il tabellone, lo schermo tanto caro ai tifosi, domani accompagnerà la prima gara del Cagliari. Installato e collaudato, domani farà anche lui il suo esordio.

Terminato il sopralluogo in campo, ecco che è tutto pronto per l'inizio della conferenza stampa.

Ultimi ritocchi ai microfoni, ecco che la sala va a completarsi. Ecco il mister, ecco le sue parole:

"In B non ci sono pronostici predefiniti. Ogni giornata ci saranno sorprese e nessun risultato è scontato. Oggi i risultati mi sembrano in linea. Il Livorno che vince sul Pescara? È una grande squadra. 

Il Crotone si affronta come tutte le altre squadre, dovremo essere consapevoli delle nostre capacità. Ho un organico importante che mi consentirà di essere tranquillo. Ho le idee chiare, in alcuni ruoli posso fare cambi. Salamon? È pronto, con noi si è allenato bene ma non ha ritmo partita. Anche Giannetti è pronto.

Pisacane a sinistra? Ad Arbus non ero soddisfatto in generale per l'atteggiamento della squadra. Pisacane da terzino gioca bene, ho provato sia lui che Balzano a sinistra.

Benedetti e Del Fabro? Li ho sempre trattati come tutti, hanno fatto un minutaggio accettabile, se uno dovesse andare via farò le mie considerazioni.

Deiola? Grande sorpresa, ha avuto spazio perché se l'è meritato e per noi è molto importante. Partire col piede giusto è importante. È vero che questa è una maratona, ma occorre cominciare bene per il morale, l'autostima anche se dobbiamo essere consapevoli che l'avversario verrà per metterci in seria difficoltà.

Contro il sistema di gioco del Crotone dovremo essere pronti ad opporci al meglio, senza lasciarli uno contro uno. Dobbiamo giocare da squadra.

Il pubblico? È piacevole sapere che i tifosi abbiamo metabolizzato la scorsa stagione e ci stiano dando fiducia. Dobbiamo portare più gente possibile in casa e fuori casa, perché anche in continente ci sono tanti tifosi innamorati del Cagliari.

Dobbiamo essere pronti a qualsiasi atteggiamento delle altre squadre, questo lo scopriremo domani, consapevoli che in avanti e a centrocampo gli avversari hanno interpreti importanti. Tounkara è forte fisicamente e attacca bene gli spazi. Juric? È il figlioccio di Gasperini, ha sempre fatto bene e ritengo sia molto preparato.

La prima gara è una grande incognita. C'è l'emozione dell'esordio, i proclami, dobbiamo dimostrare sul campo di essere i più accreditati per la promozione. Ho visto una squadra che si è allenata al meglio, con concentrazione e determinazione.

Io sono un perfezionista e non mi accontento mai, col tempo i ragazzi si adatteranno al mio volere. Siamo riusciti a mantenere giocatori dello scorso anno, insieme ai giovani.

Tutti dobbiamo essere consapevoli che non sarà una passeggiata. Ci saranno partite che vinceremo con un tiro in porta al 90', altre che perderemo. Vedo tante squadre ben costruite, ma alla lunga la differenza la faranno la voglia di migliorarsi sempre, di mantenere l'entusiasmo. Sarà una maratona, da qui a dicembre avremo 22 partite e dovremo cercare di vincerle tutte.

Arras? Il ragazzo si è allenato con noi. Credo verrà convocato, poi vediamo come si metterà la partita".