Giulini: "Felice per i rinnovi di Dessena e Sau. Spetta a noi conquistare i tifosi"

Ad Asseminello conferenza stampa congiunta del Presidente e dei due senatori: spazio alle loro parole e alle news di mercato

pubblicato il 04/08/2015 in Live da Marco Zucca (inviato)
Condividi su:
Marco Zucca (inviato)
www.blogcagliaricalcio1920.net

Conferenza stampa questo pomeriggio ad Asseminello. Protagonista il presidente Giulini, con lui anche Marco Sau e il Capitano Daniele Dessena. Sarà decisamente interessante ascoltare le parole del patron rossoblù e dei due calciatori (rinnovo di contratto?).

Segui con noi la diretta a partire dalle 16:30.

Si parlerà logicamente di mercato, si faranno domande in tal senso e chissà che già questo pomeriggio non verrà reso noto il nome del nuovo attaccante rossoblù. Curiosità vuole che un anno fa, il 4 agosto, ci fu un incontro con il presidente Giulini allo Stadio Sant'Elia al termine del quale venne data notizia dell'acquisto di Ceppitelli. Poi fu grande festa all'Arena di Sant'Elia.

Diverse possono dunque essere le novità che possono emergere da questa conferenza stampa a pochi giorni dalla gara di Coppa Italia contro la Virtus Entella.

Giulini: 

Sono molto felice di annunciare i rinnovi di Dessena e Sau. Marco ha rinnovato fino al 2019 e Daniele fino al 2018. Per noi è un segnale importante, entrambi hanno deciso di restare con noi e proseguire l'avventura. È un anno zero, per noi e per la tifoseria. Spesso ci si riempie la bocca di tante parole, ma i fatti sono diversi. Questi ragazzi hanno rinunciato a giocare in A, sono stati richiesti, invece hanno deciso di rimanere in questa maglia.

La loro permanenza è la ciliegina sulla torta di questa campagna acquisti. Ci tenevo a venire oggi con tutti e due. Quest'anno sarà il gruppo a riportarci dove meritiamo.

Occorreva dare un segnale, ed eccoci qui. Non voglio dimenticare anche i rinnovi di Murru e Balzano, che venerdì insieme a Munari saluteranno i tifosi in Piazza Unione Sarda.

Capozucca ha riportato l'allegria necessaria, aiutando la società. Krajnc è un ottimo giocatore, così come Munari voluto fortemente dal nostro direttore. Ad Aritzo il gruppo si è formato, ha bisogno solo di pochi ritocchi. Sono molto soddisfatto anche del nostro allenatore, ma dico ai ragazzi di evitare di peccare di presunzione. Sin da domenica avremo una partita difficilissima.

Per la società è fondamentale ripartire da Dessena e Sau, il nostro Marchisio e Tevez! 

Dobbiamo mantenere un profilo basso e grandissima umiltà. Donsah? Quando inizio a leggere di giocatori richiesti da tante società mi insospettisco

Abbiamo parlato con la Juventus e con il Chelsea no. Donsah è giovane e deve crescere. Riponiamo grandi aspettative su Barella, al quale di sicuro verrà rinnovato il contratto.

Vorremo rinnovare il contratto di Donsah. Mercato? Ci sarà ancora da attendere, per Avenatti riguardo la Ternana e il River Plate di Montevideo, per Cerri il prestito secco non convince. Questa è un'esigenza che verrà soddisfatta. In difesa siamo apposto, Del Fabro farà bene in serie B.

Benedetti invece è un discorso diverso. Potremmo ragionare di mandarlo a giocare da un'altra parte. Slittamento del campionato? Stanno andando su quelle vicende a grande velocità, meno su altre. Colombo avrei voluto portarlo a Cagliari già l'anno scorso. Il ritiro ad Aritzo? Molte persone, deluso un po da Olbia perché non c'era tanta gente. L'entusiasmo dobbiamo crearlo noi con le vittorie. Spetta a noi conquistare i tifosi, attraverso risultato è cattiveria.

Stiamo dialogando con la Regione per un accordo con lo sponsor, e che si possa trovare un discorso concreto. In un periodo di difficoltà dobbiamo fare più trasferte e riteniamo che la regione Sardegna debba fare un gesto importante nei nostri confronti.

Non vogliamo che le risorse vengano destinate solo al basket. Nelle maglie non ci sarà lo sponsor Kimbo, che è soltanto uno sponsor di Infront.

Dessena:

Voglio ringraziare il presidente le le parole espresse. Sono orgoglioso di essere qua a Cagliari, ancora di più ora di poter lavorare con persone che hanno una stima nei miei confronti.

Cercherò sempre di dare il massimo per queste persone. Tutti ci meritiamo traguardi importanti. Non dobbiamo peccare di presunzione ma ragionare da provinciali per conseguire il nostro obiettivo. Ho la fortuna oggi di poter giocare, cerco di farlo al massimo.

Ho un gruppo fantastico, prima di tutto di persone, che hanno capito cosa è Cagliari e cosa significhi questa stagione. La mia famiglia, i miei compagni, il presidente sono una forza in più per me.

Devo solo essere me stesso.

 A Olbia ho ceduto la fascia a Roberto Colombo. L'ho voluta dare a lui perché è una splendida persona, anche nello spogliatoio.

Sau:

La rosa è buona, possiamo fare molto bene. L'anno scorso è stato particolare, ho messo un po a metabolizzare il tutto. Mi sento sardo più degli altri, ho avuto dei dubbi dettati dal momento. Adesso sto bene, un po affaticato ma sono abituato a questo. Sono carico, ho voglia di far gol per me stesso.

I miei compagni sono ottimi ragazzi.

Preparazione ad Aritzo? Mi ha fatto piacere, è stato bello e rilassante. La Coppa Italia non è un'amichevole, ci faremo trovare pronti.