Il Cagliari vince e convince: spettacolo al Sant’Elia. 2-0 sul Catania

I rossoblù passano il turno di Coppa Italia

pubblicato il 23/08/2014 in Live da La Redazione
Condividi su:
La Redazione

STADIO SANT’ELIA – Dal nostro inviato Marco Castoni

Si fa sul serio, terzo turno di Coppa Italia, il Cagliari ospita il Catania. Gara secca, dentro o fuori. Tra poco le formazioni ufficiali. Serata fresca, è prevista una buona cornice di pubblico. Ecco chi scenderà in campo:

Cagliari (4-3-3): Cragno; Pisano, Rossettini, Ceppitelli, Avelar; Ekdal, Conti, Crisetig; Cossu, Sau, Farias. All. Zeman. A disposizione: Colombi, Capuano, Murru, Balzano, Donsah, Caio Rangel, Longo.

Catania (4-3-3): Terracciano; Peruzzi, Sauro, Capuano, Monzon; Chrapek, Almiron, Martinho; Rosina, Calaiò, Castro. All. Pellegrino. A disposizione: Frison, Spolli, Parisi, Rinaudo, Calello, Garufi, Barisic, Marcelinho, Rossetti.

La squadra ha appena terminato il riscaldamento e si dirige negli spogliatoi, pochi minuti è sarà Cagliari-Catania. Bella e rumorosa la cornice di pubblico. Intanto suona l'inno ufficiale del Cagliari mentre le squadre stanno per fare il loro ingresso in campo. L'arbitro è il Sig. Gervasoni. Intanto Eriksson, Ibarbo e Adryan prendono posto in tribuna.

Squadre sul terreno di gioco. Il Cagliari in maglia rossoblù: partiti! Il Cagliari attacca verso la nord, il tifo si fa sentire, i ragazzi di Zeman provano subito ad impostare il gioco. Curiosità: ospite qui in Tribuna, Robert Acquafresca.

I siciliani ripartono in contropiede. Siamo al quarto minuto, corner per gli ospiti. Riconquista palla il Cagliari, verticalizzazione e Sau mette in rete il gol del vantaggio. 1-0 Cagliari!

Davvero bravo Farias nell'impostare, freddo e cinico Sau che mette alle spalle del portiere siciliani. Il Cagliari è dunque in vantaggio. La squadra sarda ora sembra carica, desiderosa di far bene, continua a pressare alto, il Catania è in difficoltà, grande tifo al Sant'Elia. Calcio di punizione: batte Conti verso il secondo palo ma la palla è lunga per tutti. Fase di gioco, ora, più di studio, con il gioco che si sviluppa principalmente in zona mediana e rimane lì tra i tanti errori da una parte e dall'altra.

Difesa del Cagliari attenta, nessun pericolo per Cragno. Farias in gran spolvero. Ci prova Calaiò, la difesa del Cagliari controlla. I rossoblù verticalizzano, cercano triangolazioni strette, sono veloci, è un bel vedere. 18', gol del Cagliari, Farias non perdona, è siamo a 2-0. I ragazzi di Zeman sono assoluti padroni del campo, il Catania è frastornato dopo i due gol; il Cagliari insiste, gioca molto bene, in velocità, il pubblico si fa sentire, è festa grande al Sant'Elia. Almiron prova a spaventare Cragno, il suo tiro finisce in curva.

Al Catania non resta che fermare il Cagliari con interventi fallosi, ammonito Peruzzi. Ci prova Rosina, Rossettini fa vedere di che pasta è fatto. Ci tenta anche Calaiò, Cragno blocca senza problemi. Meno di 15 minuti al termine della prima frazione di gioco, sempre il Cagliari assoluto protagonista. Cossu, Conti, Ekdal e Farias senza ombra di dubbio sono i migliori in campo. Fuori Almiron, dentro Rinaudo. Bellissima azione con Crisetig che serve Farias che cerca Pisano: i siciliani si salvano con difficoltà.

I siciliani cadono nella trappola del fuorigioco, abilmente attuata dai ragazzi di Zeman. Nuovamente Rosina, nulla di fatto. I rossoblù ora giocano esclusivamente di rimessa tenendo i reparti stretti e pressando sempre alto impedendo ai siciliani di poter ragionare. 44 minuti sul cronometro, Pisano mette in mezzo per Sau, palla per Farias che serve Cossu che mette i brividi con uno dei suoi tiri a rientrare. Dopo un minuto di recupero, l'arbitro fischia la fine del primo tempo. Cagliari 2, Catania 0.

Al via la seconda frazione di gioco. Il Catania prova subito a forzare la linea difensiva del Cagliari che fa però buona guardia. Non ci sono cambi. 47', tiro di Castro, palla sul fondo, nessun pericolo per Cragno. Entra Spolli, esce Capuano. al 50', calcio d'angolo per il Cagliari, palla fuori. Calano i ritmi, i rossoblù non corrono più - come è logico che sia - come nei primi venti minuti del primo tempo, provano comunque a fare la partita, non concedendo nulla alla compagine siciliana.

53', Ekdal impegna il portiere del Catania con un tiro tagliato. Entra Caio Rangel, esce Farias tra gli applausi.

58', azione da manuale del Cagliari: Conti ruba palla e imposta, serve Cossu che controlla punta l'area e lascia partire un missile che si stampa sulla traversa.

Sono micidiali le ripartenze rossoblù: tre passaggi e si arriva al limite dell'area avversaria. Il pubblico applaude, davvero un bel Cagliari. Sardi padroni del gioco, siciliani sempre più rassegnati davanti alla superiorità rossoblù. 

Caio Rangel dimostra grande talento e grande tecnica, Cagliari che prosegue a martellare con le ripartenze la sbilanciata difesa ospite. 67', i rossoblù tendono nuovamente e volutamente a rallentare il gioco e controllare la partita. I siciliani, in nessun modo, riescono a risultare pericolosi. 70', azione solitaria di Castro che viene messo giù in area, per Gervasono è tutto regolare. 71', rosso per Rinaudo, Catania in 10 uomini. La gara ora non è bella, tanti falli, tanti disimpegni sbagliati da una parte e dall'altra. 

Cerca di spezzare la noia Sau con un bel tiro da fuori, palla di poco alta sulla traversa. 78', nuova azione tutta di prima del Cagliari: la conclusione finale è ancora una volta di Sau che sfiora il palo. Esce Sau, entra Longo, applausi del Sant'Elia. 80', punizione dal limite per il Catania, palla fuori. Conti inesauribile, Pisano impressione per la velocità e la corsa, Rangel davvero interessante. 85', insiste la squadra di Zeman, che specie sulla corsia di destra crea maggiormente.

Capovolgimento di fronte, Castro dai 25 metri spara alto sulla traversa. 87', Rangel sfiora il terzo gol, Terracciano para in angolo. C'è spazio per Donsah, esce Crisetig.

Tiro al bersaglio: Longo spara, Terracciano salva.

Sono tre i minuti di recupero, Cossu corre ancora come ad inizio gara. Finisce così: 2-0 per il Cagliari che convince tutti e passa il turno di Coppa Italia.