Maran: "Contro la Lazio per giocarcela"

"Abbiamo qualche acciaccato"

pubblicato il 21/12/2018 in Live da Alexandra Atzori (inviata)
Condividi su:
Alexandra Atzori (inviata)
foto: sport.sky.it

Pranzo contro la Lazio domani alle 12:30 all'Olimipico per il Cagliari che cercherà di strappare punti anche nella Capitale, specie dopo la cocente sconfitta sul filo di lana incassata a domicilio contro il Napoli.

Il tecnico rossoblù Maran incontra la stampa ad Asseminello dopo la rifinitura che dovrà sciogliere gli ultimi dubbi, specie in riferimento alle condizioni di Ionita e Klavan, fino ad ieri non al meglio per quanto in gruppo.

Ci racconterà il tutto in tempo reale la nostra Alexandra Atzori.

Amici sportivi buongiorno da Alexandra Atzori e da tutta la redazione del nostro giornale. Al termine della rifinitura del mattino, mister Maran incontrerà ka stampa in vista dlla trasferta contro la Lazio, gara in programma domani alle ore 12:30.

Dubbi di formazione. Assenti gli squalificati Ceppitelli e Srna, il tecnico rossobù si trova a fare i conti con l'assenza di Castro e con Klavan e Ionita non al meglio nonostante ieri si siano alleanati con il resto del gruppo.

Attendiamo il Mister, restate con noi. Maran è solitamente sempre puntualissimo, sono le 12:30, vedremo se ci sarà qualche ritardo. Attendiamo.

Sono ben 4 gli scenari di formazione possibili - leggi qui - per cui pur nell'emrgenza ci sono più soluzioni per una formazione in gradi affrontare la Lazio a testa alta.

Siamo in sala stampa, ora attendiamo Maran.

Ecco il mister, si comincia. Ecco le sue dichiarazioni:

"Abbiamo qualche assente, qualche acciacato... Qualcosa lasciamo per strada. Concentriamoci su questa gara ma dobbiamo anche pensare a non rischiare giocatori per le prossime, è un momento particolare.

Non ci sono stati contraccolpi post Napoli e per come ho visto lavorare i ragazzi negli ultimi due giorni in particolare ho visto una squadra che vuole andare a Roma per giocarsela.

Non credo avrei fatto scelte diverse, non è una punizione al 90' che mi fa cambiare idea su cosa ho visto in campo.

La Lazio come parco giocatori è tra le prime in Italia, non so perchè sia più in difficoltá ma sicuramente è tra le prime in Italia.

Barella contro il Napoli si alzava e il centrocampo diventava effettivamente a rombo, domani dovremo riuscire ad adeguarci in base a cosa ci servirá e ai momenti che dovremo affrontare. Lazio e Napoli sono due squadre diverse e ho giocatori che hanno caratteristiche tali che mi permettono di avere più soluzioni a gara in corso.

Pajac è uno di quelli acciaccati perchè ha appena preso una botta ma devo comunque valutare. La lettura della gara in base all'avversario è fondamentale.

Pavoletti è il giocatore d'area più abile che abbiamo ma abbiamo attaccanti con caratteristiche diverse che ci possono dare altro e devo sfruttare le loro caratteristiche.

Pajac deve lavorare quotidianamente per migliorare, il suo ruolo non è semplice e imparare a leggere la gara è fondamentale.

La vittoria ci manca ma è anche vero che non abbiamo avuto un calendario facile nelle ultime settimane. Abbiamo comunque avuto una continuità di risultati e cerchiamo sempre di dare il massimo, sentiamo che siamo squadra e non abbiamo mai smesso di esserlo. Anche nelle difficoltà riusciamo a non disgregarsi e ad essere sempre compatti.

Giocare sotto le feste è una cosa nuova, per come siamo abituati ci disturba perchè eravamo abituati a passare le feste in casa ma se i tifosi ci seguono allora ne sarà valsa la pena.

Lo slittamento della fine del mercato invernale un po' mi disturba, avrei preferito finisse il 18, ma ormai siamo abituati a tutto.

Abbiamo tutti l'ambizione di fare qualcosa in più, ma è anche vero che ci sono squadre che si stanno preparando da anni per raggiungere l'obiettivo che si sono prefissati. Penso al Torino e alla qualificazione all'Europa League. Noi siamo all'inizio di questo percorso, non dobbiamo fare ragionamenti che possono nuocere a tutti.

Mercato? Penso alle tre partite che dobbiamo affrontare nella prossima settimana.

Abbiamo giocatori duttili che mi permettono di fare cambi a gara in corso senza dover fare cambi".