Lopez: "Pronti a far male alla Lazio"

"Se la squadra prende fiducia possiamo far bene: non conta il modulo ma l'atteggiamento"

pubblicato il 21/10/2017 in Live da Marco Castoni (inviato)
Condividi su:
Marco Castoni (inviato)

Cagliari in campo domani alle 20:45 contro la Lazio. E' la prima sulla panchina rossblù per Diego Lopez, chiamato non soltanto per il dopo Rastelli, ma in primis per dare una scossa alla squadra. C'è da cambiare marca, si inizia con una sfida sulla carta molto complessa.

Alle 13:00 il tecnico uruguaiano incontrerà i media presso la sala stampa del centro sportivo di Asseminello.

Seguiremo il tutto in diretta grazie al nostro inviato Marco Castoni.

Amici sportivi buongiorno da Marco Castoni, tra poco la conferenza stampa di Mister Lopez.

Il tecnico rossoblù è atteso in sala stampa al termine della rifinitura. Tanta la curiosità circa il modulo anti Lazio, chi giocherà e se tra i pali vedremo Crosta o Rafael. Tanti i temi, state con noi.

La conferenza inizierà con qualche minuti in ritardo.

La squadra è ancora in campo, cè da attendere. Si entra in sala stampa, tra poco si comincia.

Tra pochi minuti inizia la conferenza stampa, quali novità? Attendiamo.

Nuovo clamoroso ritardo, la conferenza era stata convocata per le 13:00. Attendiamo con pazienza. 

Vi chiediamo di restare pazienti, cerchiamo di capire il perché di questo ennesimo ritardo. 

Il responsabile della comunicazione del Cagliari Calcio chiede pazienza, anche noi vi chiediamo pazienza. 

La speranza è che non ci siano infortuni, problemi dell'ultimo minuto. Ore 13:38, Lopez non è ancora in sala stampa. Portate pazienza.

Ecco il mister, che si scusa per il ritardo, ed ecco le sue dichiarazioni:

Nella mia testa ho la formazione, domani abbiamo un altro allenamento. A prescindere dal modulo bisogna tener conto che abbiamo due partire ravvicinate. Conterà sopratutto l'atteggiamento,  perché il nostro obiettivo è la salvezza. Domani inizia il nostro percorso, a prescindera da chi incontreremo dobbiamo essere compatti senza paura, la velocità della palla fa la differenza e l'aggessivitá dovrà essereci in entrambe le fasi. Affrontiamo una squadra in salute, ma vogliamo fare bene.

Il cambio dell'allenatore spiace ai ragazzi, ma ognuno dovrà prendersi le sue responsabilità perché non è solo colpa dell'allenatore. È andata via una persona che stimo.

Questa squadra ha grande voglia, mi aspetto una squadra con coraggio, dobbiamo essere pronti a far male. Se pensiamo solo a difenderci il goal lo prendiamo. Abbiamo un potenziale tecnico molto alto se si considerano le squadre per non retrocedere.

Quando presi la squadra da Ficcacenti ho trovato una situazione critica, anche se non avevo il patentino ero io l'allenatore. Anche se abbiamo partite ravvicinTe, dobbiamo dosare le forze.

In difesa possiamo giocare a tre, ma le modifiche vanno provate sul campo. Le cose vanno fate bene.

La Lazio la conosciamo, io mi devo concentrare sui mieri ragazzi, in cui credo tanto. Se la squadra prende fiducia possiamo fare bene.

Rafael ha fatto un lavoro differenziato, ma è convocato. Melchiorri deve crescere fisicamente, lo conosco molto bene, ma domani non ci sarà. Va messo nelle condizioni migliori.

Van der Wiel non è il giocatore che abbiamo visto domenica, Padoin e Dessena possono giocare come esterni. L'olandese è un terzino di ruolo ma deve crescere fisicamente.

Non importa il modulo, ma l'atteggiamento.

Bisogna tener conto che ci sono tre partite ravvicinate, ma io adesso penso alla Lazio, che è una squadra più forte di noi, ma noi dobbiamo andare a giocare la partita e vedere se son più squadra di noi.

Io e Michele Fini siamo abituati a lavorare insieme in ogni aspetto. Agostini è cresciuto molto, ci può dare una grossa mano e dimostra di avere un bel rapporto con il gruppo.

In questo Cagliari ho a disposizione diversi giocatori che possono fare il trequartista. Ionita ad esempio può fare il trequartista, lo stesso Joao Pedro, Cossu che anche se non è più giovanissimo può dare una grossa mano negli ultimi 20 minuti. Barella si può adattare, ma non è un trequartista.