I tifosi sbottano: "Squadra senza gioco, sconfitta meritata. Rastelli perché?"

I commenti dei supporters del Cagliari al termine della gara di Novara

pubblicato il 18/10/2015 in La Voce dei Tifosi da Alexandra Atzori
Condividi su:
Alexandra Atzori
foto: www.cagliaricalcio.com

Il Cagliari dimostra ancora una volta i problemi in trasferta e torna dalla gara di Novara con zero punti, che gli costano anche la perdita del primato in classifica a vantaggio del Crotone. Cosa ne pensano i tifosi di questa gara? Cosa gli è piaciuto e cosa avrebbero cambiato? Vi lascio ai commenti, buona lettura.

Il Cagliari siamo noi!

Maria: "Niente da salvare, quando capiranno che la serie B va giocata col coltello tra i denti e non solo in casa? La supponenza di essere la squadra da battere porta a questo, non c'è mai stato un gioco meraviglioso ma abbiamo sempre avuto fortuna a salvare il risultato, solo che la buona sorte non può fare tutto da sola, ed è meglio che qualcuno si prenda la briga di svegliarli da questo sogno. Il problema non è una sconfitta, che ci sta, ma l'atteggiamento con cui affrontano le partite cazzeggiando, tanto poi una botta di sedere arriva comunque..."

Matteo: "Ancora una prestazione deludente condita giustamente da una sconfitta IMPREVENTIVABILE. Ciò dimostra l’inadeguatezza del mister che se fa andare la Ferrari in prima senza cambiare le marce la fonde, anche se si tratta di una Ferrari. Donadoni per il ritorno in serie A immediato".

Giovanni: “Sempre sostenuto che questo allenatore non sa dare un gioco: palla lunga e pedalare. I punti che ha il Cagliari sono stati fatti grazie alla qualità dei singoli! Presto, molto presto, arriverà Donadoni”.

Nicola: “Possiamo avere anche Guardiola in panchina ma con la rosa attuale non si dominerà mai il campionato. Nei terzini siamo scarsi, Pisacane e Murru sono mediocri. Barreca ha giocato troppo poco per giudicarlo. L'unico che un po’ si salva è Balzano, ma è giusto decente per la B. Salamon dove cacchio l'hanno preso? Lento, impacciato, piedi di marmo: per carità meglio Krajinc. Ci manca il sostituto di Donsah”.

Marcello: “Io ho il coraggio di dirlo: Rastelli fuori dalle palle”.

Marco: “Cento minuti, zero tiri nello specchio! In otto giornate, tre delle più brutte partite che ricordi del Cagliari (Ternana, Pescara e Novara), primo posto perso (e a rischio anche il secondo), scelte da mania di protagonismo ancora fuori casa (dove, Pescara a parte, abbiamo anche avuto trasferte facili finora, senza mai tirare o quasi nello specchio), gioco assente, inizia a essere preoccupante! Pisacane lottatore quanto volete ma ha due ferri da stiro, Ceppitelli il solito ridicolo giocatore nell'uno contro uno! E, soprattutto, squadra che continua dopo una vittoria a scendere in campo in modo presuntuoso! A Terni meritava di perdere, con l'Entella siam riusciti a vincere con due rigori, a Pescara e oggi si è perso! Che l'allenatore raddrizzi la rotta perchè l'andazzo non mi piace. E se poi inizi a non vincere in casa per 1-2 partite che fai?”.

Angelo: “Visti i risultati sino a oggi sono del parere che avremo dovuto tenere Festa e Cossu”.

Marco: “Sinceramente questo Rastelli non ci sta capendo nulla, perdere contro il Novara è una sciagura! Bastava mettere un minimo di co**ioni sullo 0 a 0, invece il nulla, una mentalità da perdente quando noi siamo chiamati a vincere! Giulini dovrebbe strigliarlo malamente! E dargli un ultimatum, se no fuori dal ca**o lui, i suoi lanci lunghi e la sua mentalità nulla nei primi tempi! Vergognosi! La cosa che fa inca**are di più è che giocando il primo tempo come il secondo non ci sarebbe stata storia!”.

Francesco: “Nel calcio ci sta tutto, anche che noi del Cagliari ‘imprechiamo’ su questo fatto: che cosa abbiamo fatto di male per meritarci Joao Pedro e Dessena in campo? E' ovvio che la sconfitta di oggi non é solo colpa loro, io personalmente in campo non li metterei mai, ma é a mio parere figlia di una formazione sbagliata. Di Gennaro in panchina? Un'assurdità tecnica, dopo cinque minuti avrei cambiato l'intero inguardabile centrocampo con lo stesso Di Gennaro, Deiola e Barella (Rastelli, che cosa aspetti a lanciarlo?). Sveglia ragazzi, la serie B non aspetta nessuno, se si entra in campo molli, supponenti del fatto che ci chiamiamo Cagliari, arrivano solo batoste. Chi mi ha fatto arrabbiare di più? Il mister Rastelli, senza dubbio, oggi ha sbagliato tutto. Comunque sempre forza Rastelli e forza Cagliari!”.

Giulio: “Con l'esordio di Tello domenica scorsa e di Barreca oggi, a parte Cragno, ora tutti i calciatori della rosa hanno giocato. Questo significa che in concreto a tutti il mister ha dimostrato di voler dare fiducia e che tutta la prima squadra sente la responsabilità di far parte del progetto ‘promozione in A’. Ora, chiuso questo ideale cerchio, si dovrebbe cambiare registro; spero di iniziare a vedere lo stesso undici iniziale (sino ad ora è sempre stato diverso) per almeno due partite perchè un'esasperazione del turnover rallenta il processo di crescita della squadra. Ora invece è arrivato il momento di mettere la freccia e dimostrare che siamo forti! Dalla prossima partita. Forza Cagliari!”.

Peppe: “Senza schema e senza co**ioni! Perdere a Novara non ci sta. Sveglia, siamo in tempo!”.

Andrea: “Contro l'Entella formazione sbagliata (ci è andata bene), idem contro Pescara e Novara, e abbiamo perso senza segnare. Rastelli è ora di tirare fuori le palle!”.

Fabio: “Con un allenatore dalla mentalità offensiva avremmo 24 punti. Svegliati guagliò! Siamo in B di passaggio, non siamo l’Avellino, che può arrivare decimo e perdere 14 partite! Manco jeje Lopez difendeva così. Perché Di Gennaro fuori? Perché?”.

Paolo: “Paradossalmente abbiamo avuto più occasioni di loro, incredibile perdere così. Partita brutta, ci siamo fatti mettere di nuovo in mezzo”.

Alessandro: “Partita veramente deludente. Troppi errori proprio di mentalità, a partire dall'allenatore. Il Cagliari non può permettersi di non far giocare i titolari, se sono disponibili. Non ci vuole un genio per capirlo, questa partita l'ha persa Rastelli”.

Abele: “Sconfitta amara ma meritata, mi dispiace solo che: Sarri è impegnato con il Napoli, Ventura con il Torino, Ranieri con il Leicester ma c'è un ottimo allenatore libero senza panchina, si chiama Donadoni. Per avere una buona rubinetteria, occorre disporre di un buon idraulico, bisogna tappare tutti i buchi”.

In giro per il web

Marcello: “Il Cagliari ha fatto una partita da seconda categoria, proprio scarsi”.

Fabio: “Mi sembra che i passaggi a vuoto ora siano troppi”.

Vincenzo: “Il primo tiro del Cagliari è stato al trentesimo del secondo tempo. Forse ammazzeranno il campionato, ma dalle risate degli avversari”.

Enrico: “Ma quelli che dicono ‘esonero Rastelli’ e insultano la squadra, nonostante sia seconda, aprono la bocca solo per dare aria ai denti e sputare s**onzate ogni volta che si perde? Siete lo schifo della tifoseria, che crede che il Cagliari debba vincere ogni partita 10-0! Chiudete quel cesso e ricordate che i cavalli vincenti si vedono alla fine”.

Stefano: “Rastelli siamo il Cagliari anche in trasferta! Perdessimo provando a giocare a calcio lo capirei, ma facciamo pena in trasferta e questa è una mentalità da provinciale!!! Scirarindi”.

Paolo: “Siamo scoperti in diversi ruoli, primi fra tutti mezzala sinistra e terzino sinistro, ma anche Dessena e il resto della difesa valgono una media serie B. Gioco di una lentezza esasperante”

Claudio: “Ajo, non diciamo ca**ate. Noi abbiamo fatto ca**re ma ci siamo mangiati due gol fatti, loro hanno fatto un tiro in porta e un gol e, nel secondo tempo, avranno perso mezz'oretta buona. Dire che il Novara meritava mi sembra assurdo”.

Orlando: “Giustissimo risultato! Molti soloni erano convinti di fare una passeggiata, io li avevo avvertiti che sarebbe stata durissima la serie B. Loro non ci credevano: ancora è presto, ne dovremo vedere delle belle con questa supponenza e giocate fini a se stesse, tipo Farias e Joao Pedro...”.

Sandro: “Oggi veramente non abbiamo giocato. Abbiamo lasciato giocare loro senza nessuna azione di rilievo. Vittoria meritata del Novara, questo è un campionato difficile. Abbiamo perso il primato e ora bisogna rimboccarsi le maniche e giocare le partite fuori casa per vincerle, ma certamente non giocando così”.

Tino: “Non riusciamo a imporre un nostro gioco, cominciamo sempre timorosi. Due sconfitte subìte da squadre che non hanno fatto granché per vincere. Purtroppo questo non è il Cagliari che può puntare alla serie A. Speriamo che al più presto si corra ai ripari prima che sia troppo tardi”.

Nicola: “Che spreco tenere questo mister, il gioco non si vede, per ora si va avanti con le figurine, gli schemi sono rimasti nell'Hotel di Aritzo”.

Andrea: “Squadra senza grinta, gioco inesistente, stranieri da Lega Pro (Joao Pedro in primis). Comunque forza Cagliari!”.

Mario: “Rastelli raccogli quello che semini, cioè nulla. Fai giocare la stessa formazione per almeno due partite! Ogni domenica cambi metà squadra!”.

Alessio: “Io aspetto l’esonero”.

Fabio: “Diciamo che abbiamo una difesa scarsa… e troppi cambi di modulo”.