La parole ai tifosi: "Contro l'Avellino grande vittoria. Sau e Farias da paura!"

I commenti dei supporters rossoblù al termine di Cagliari-Avellino

pubblicato il 20/09/2015 in La Voce dei Tifosi da Alexandra Atzori
Condividi su:
Alexandra Atzori
foto: www.cagliaricalcio.com

Il Cagliari domina la partita contro l’Avellino e porta i tre punti a casa. Purtroppo, come successo otto giorni fa a Terni, un calo dei rossoblù sul finale ha permesso agli uomini di Attilio Tesser di recuperare un gol e provare a fare anche il secondo. Fortunatamente gli uomini di Rastelli, memori della lezione in terra umbra, si sono fatti più attenti e la partita si è conclusa sul 2-1. Ma come hanno visto i tifosi questa gara? Cosa ne pensano della prestazione? Vi lascio ai loro commenti, buona lettura!

Il Cagliari siamo noi!

Giuseppe: “La squadra deve affinare l'intesa nella gestione e possesso palla, arriverà col tempo. Manca un vice-Farias, è troppo importante nell'economia del gioco. Anche se per 15 minuti, Cossu sarebbe stato ancora utile”.

Marco: “Bene così, vincere porta sempre morale, ora è priorità assoluta aggiungere punti pesanti fuori dalle mura amiche! Go Casteddu!”.

Andrea: “Lo strapotere tecnico del Cagliari porta i 3 punti mentre il gioco è assente. Comunque sono altri 3 punti per la promozione. Il migliore: Farias, giocatore di assoluto talento. Il peggiore: Dessena, che sbaglia praticamente tutto”.

Stefano: “Questo risultato poteva essere anche più rotondo, ci sono state occasioni sprecate nel primo e nel secondo tempo. Squadra a trazione anteriore, con JP al primo tempo che pensava soprattutto a tenere una posizione più avanzata rispetto alla linea mediana mettendo, con alcune palle perse nella trequarti, in difficoltà il centrocampo. La difesa, sarà pure un paradosso, ma gira meglio con Balzano sulla fascia sinistra. Lavoro in chiaroscuro per Di Gennaro che si è limitato a contrastare e tappare il vuoto lasciato da JP. Dessena tanta sostanza e cuore, l’attacco con Farias e Sau difficili da marcare e un Melchiorri un po’ sottotono, ma utile alla causa. I cambio di Pisacane è stato forzato per problemi fisici, Munari per Di Gennaro per cercare di dare forze fresche a centrocampo e lo stesso dicasi Deiola per Farias, in modo da portare avanti JP come trequartista. Quindi più copertura a centrocampo... Direi cambi giusti!!! Quando riusciranno ad avere i 90 minuti nelle gambe si soffrirà di meno”.

Antonio: “Bene nel primo tempo, nel secondo senza Pisacane e Farias è come se la squadra avesse capito di difendersi e questo non va bene. Comunque sono tre punti preziosi, non per la classifica ma per l’autostima. Sempre forza Cagliari”.

Tomaso: “Le partite finiscono al 90', oggi al 95’, come ca**o si può giocare così, a passaggi? Fanc**o, non avete afferrato ancora questa dannata serie B”.

Manuel: “Anche contro l' Avellino, ad un certo punto, la curva nord fa qualche coro e l'altra parte dello stadio giù a fischiare. Ma io dico: cosa ca**o fischiate? Se non c'erano questi ragazzi che cantano per tutta la partita chi la sosteneva la squadra? Oppure volete fare voi (quelli che fischiano) la scaletta dei cori da fare o non fare? Se su qualche coro non si è d' accordo pazienza, avranno qualche buon motivo per farlo, ma gli altri settori abbiano la decenza per lo meno di stare zitti. Oppure di non guardare praticamente la partita e cantare per 90 minuti”.

Alberto: “Ottimo Cagliari, vittoria meritatissima. Mi dispiace per quelle disperate persone che non potranno commentare un pareggio o una sconfitta del Cagliari”.

Marco: “Senza Farias siamo sterili e subiamo solo. C’è qualcosa da rivedere”.

Deidda: “Grande Cagliari Calcio oggi, ho visto una partita di qualità sino al novantesimo, peccato per il gol 86'. Il prossimo obiettivo è superare il Livorno e riprenderci la serie A. FORZA CASTEDDU”.

Francesco: “Buoni i tre punti, il Cagliari mi é piaciuto a tratti, manca ancora la giusta cattiveria per chiudere la partita. A mio parere avrei fatto la sostituzione di Melchiorri con Giannetti o Cerri dopo il primo tempo. Sono fiducioso però che quando tutta la squadra capirà l'enorme potenziale che ha, concluderà senza affanno i 90 minuti. A Chiavari con l'Entella per vincere, FORZA!”.

Marco: “Migliori in campo oggi Joao Pedro e Farias. È stata una prova convincente per 75 minuti, nel finale è calato il ritmo e gli abbiamo lasciato fare per 2 minuti interi da una parte all'altra a loro quello che volevano e abbiamo beccato un altro gol da pirla. Per fortuna negli ultimi 10 minuti stavolta li abbiamo tenuti più lontani, però meno male che quel mokulu o come si chiama era un pippone, perchè si è divorato un gol e un assist fatti. Bravo Sau, Melchiorri bene nella ripresa, i terzini però o finiscono la benzina a metà ripresa o, come Murru, non sono tanto all'altezza (casualmente hanno spinto molto da sinistra negli ultimi 20 minuti)”.

Alessandro: “Giuro che se cedete Dessena non lo chiamerò mercenario... MA CEDETELOOOOO CA**O”.

Giaime: “3 partite, 7 punti, 3 gol di Sau, direi che per ora visto che non siamo ancora all'80% possiamo ritenerci soddisfatti. Rastelli deve ancora lavorare tanto sulla condizione e sull'atteggiamento in campo. Speriamo che il meglio debba ancora venire”.

Giulio: “Di Gennaro e Pirlo: ovviamente con il dovuto rispetto per il confronto, ma a me piace molto come giocatore e credo si somiglino per alcuni suoi atteggiamenti in campo. Può crescere molto ed è nel posto giusto”.

Andrea: “Godo, soprattutto per Taccone. Tante parole e poi zero punti. Per il resto, buona partita, ma certe pause mi preoccupano un po', si è sofferto soprattutto all'inizio e nel finale. Col tempo, appena la condizione fisica migliorerà e a livello mentale entreremo al 100% in pieno clima Serie B, le cose dovrebbero cambiare. In meglio, spero. Sau in B è devastante. Stesso discorso per Di Gennaro. Detto ciò, mi secca essere secondo, spero che nel giro di una settimana ci si riprenda il primo posto”.

Max: “La formazione di ieri mi piace assai! Secondo me è la migliore, vorrei solo vedere come se la cava Barreca a sinistra, però è infortunato. A centrocampo e in attacco ci sono i migliori disponibili”.

Pier Paolo: “Una vittoria meritata e importante. Ma se devo trovare un difetto manca un po’ di gioco, si tiene per troppo tempo la palla nei piedi. Bisogna velocizzare il gioco, allora sì che voleremo”.

Luca: “In serie B Sau non ci fa nulla”.

Michele: “Ancora cambi sbagliati di Rastelli: Farias era temuto e sempre raddoppiato e teneva bassa la difesa avellinesi, uscito lui si sono alzati e hanno preso coraggio. Grosso errore del mister”.

In giro per il web

Luciano: “Il Cagliari è l'unica squadra al mondo che ha la tifoseria divisa e che si insulta a vicenda. A chi giova? Non certamente al ritorno in serie A. Certo che gli Sconvolts, ammirevoli per 93 minuti e anche a fine partita, potevano evitare i due coretti contro il presidente. Stavamo vincendo 2 a 0, che senso aveva? Peccato, sarebbero stati i migliori in campo”.

Massimiliano: “Grande Cagliari contro un Avellino che lo scorso anno è arrivato ai play off fase finale per la serie A. Sau in B è come Tevez in A, grande Melchiorri gol e pressione a tutto campo, grande Di Gennaro, un mostro a centrocampo, Salomon un mastino in difesa e Storari parate e leader della squadra, d'altronde è in porta per parare non per passeggiare. Molti gol mancati, vedi il palo di Sau del 3-0 a partita ormai chiusa, pochissimi rischi solo nel finale, dopo il 2-1. Penso che se le squadre di livello sono queste non avremo grossi problemi con la rosa che abbiamo a ritornare nella nostra categoria direttamente. NB: Cerri, Deiola, Fossati, Giannetti eccetera erano in panca. E che panca...”.

Federico: “Quando la finiamo di prendere gol da polli?”.

Emiliano: “Bel Cagliari ma anche un buon Avellino, ma smettetela di criticare Giulini! Tutti possiamo sbagliare!”.

Salvatore: “Si soffre ma si vince, fino a 15 minuti dalla fine buona prestazione, poi il solito finale al cardiopalma. Onore all'Avellino per aver giocato a calcio”.

Aldo: “Qualche brivido ci sta, basta non farsela addosso. La squadra mi è piaciuta e un bravo a tutti, la sorpresa è Salamon. Gli altri sono conferme. Avanti così che risaliamo”.

Fabrizio: “ Io ho visto la partita allo stadio ed è stato un grande Cagliari. Ho visto un secondo tempo con grandi azioni, un'unica pecca è stato Farias, che poteva essere sostituito dopo. Ottimo Joao, soprattutto come interno di sinistra”.

Giovanni: “ Squadra troppo lunga, sfilacciata e con un centrocampo con poca corsa per supportare 3 punte. Ma si vince anche così, dobbiamo crescere tanto...anche il mister!”.

Pier Luigi: “Se avessimo in squadra uno come Avelar, capace di pennellare cross perfetti per la testa di un ariete come Melchiorri...”.

Sebastian: “Joao Pedro, Farias e Sau tecnicamente impressionanti, decisamente di categoria superiore! Grandi ragazzi!”.

Le voci dallo stadio

Davide: “È stata una bella vittoria ma abbiamo rischiato!”.

Paolo: “Ci sono stati cinque minuti che li avrei voluti prendere a schiaffi. Meno male che eravamo sopra di due gol e non ci hanno fregato!”.

Michela: “E siamo a due finali al cardiopalma. Speriamo Rastelli corregga questi finali thriller al più presto perché altre 19 gare così non so se li reggo”.

Carlo: “Grandissima vittoria, grandissimi tutti. Così ci riprendiamo la A”.

Gianni: “I cali, soprattutto adesso che non sono al 100% e che c’è così caldo, ci possono stare. L’importante è che la squadra sappia che sul finale calerà e cerchi di chiudere prima la partita”.

Irene: “Ma io dico: con questo caldo è normale che si giochi alle tre? Secondo me, per ora, bisognerebbe giocare ancora di sera, questi poveri ragazzi rischiano di sentirsi male”.

Daniele: “Cavolo, che rischi! Meno male che eravamo in doppio vantaggio, se no ci avrebbero fregato come a Terni”.

Umberto: “Grandissimi tutti, Sau è mostruoso. Quest’anno vince la classifica cannonieri”.

Marco: “Non è possibile calare così vistosamente, accidenti! Io sinceramente sono arrabbiato: abbiamo fatto un’ottima gara e poi rischiamo come dei polli all’ultimo. Ma dai!”.

Alessio: “Bisogna imparare a vincere soffrendo. Saranno altre trentanove gare così, nessuno si darà per vinto con noi”.