La voce dei tifosi: "Via Zola subito! Giulini disastro del Cagliari: siete senza dignità!

I commenti dei supporters rossoblù dopo la sconfitta contro la Sampdoria

pubblicato il 08/03/2015 in La Voce dei Tifosi da Alexandra Atzori
Condividi su:
Alexandra Atzori
Corteo di tifosi rossoblù

A Genova non è arrivata la tanto attesa svolta e, così, il Cagliari torna sull’isola con zero punti, un umore nerissimo e la terza sconfitta consecutiva. Ora sembra proprio che la B stia aprendo le sue porte per riaccogliere, dopo dieci anni, i colori rossoblù. C’è tanta rabbia tra i tifosi che imputano, come ormai accade da alcune settimane, la colpa principale alla società e in particolare al presidente, oltre che all’allenatore, reo di avere le idee decisamente confuse. Vi lascio ai commenti dei tifosi, buona lettura.

Il Cagliari siamo noi!

Marco: “Io a Elmas farei uscire Brkic, Husbauer e Mpoku normalmente (esteso anche ad Ekdal e Donsah) mentre gli altri li terrei bloccati finchè non consegnassero l'attrezzatura e le maglie ai tifosi. Perchè loro non ne sono degni, come Giulini non lo è di essere presidente e Marroccu dirigente”.

Simone: “Seriamente, chi ancora crede nella salvezza? Le ultime 5 giornate (a parte la Juve) sono abbordabili, ma dobbiamo far punti anche prima ovviamente, se no c'è poco da fare. Se perdi sempre finisci in B., se non hai un attaccante decente finisci in B, se fai sei mesi senza un portiere di categoria finisci in B, se non fai giocare i nuovi acquisti e insisti con le solite seghe o i soliti bolliti finisci in B. La mia percentuale per la salvezza? il 30%”.

Alessandro: “Capisco il vostro incazzo, che è anche il mio, ma secondo me i calciatori non c’entrano niente, danno il massimo, purtroppo sono mediocri. É il presidente che ha allestito una squadra con gravi lacune, anche se non capisco pure oggi le assenze di Diakité e Husbauer”.

Paqualino: “La cosa preoccupante è la mancanza di consapevolezza da parte di società e staff tecnico della bruttura a cui ogni domenica siamo costretti ad assistere”.

Michele: “Un presidente che non si degna neanche di venire a vedere la partita, è completamente assente, che presidente è? Questa stagione è penosa, ma almeno cerchiamo di finire stagione con un allenatore, per favore! PS: vergogna!”.

Paolo: “L’avete sentita l’intervista di Zola? Manco lui crede a ciò che dice, non è credibile manco quando dice di aver visto una squadra viva e che non molla. C’è un neurologo nel gruppo?”

Roberto: “Credo, ormai, non ci siano più parole, è tutto vergognoso, il Presidente, il vice, il direttore sportivo, l’allenatore e la squadra. Vorrei dire anche qualcos'altro, ma mi fermo qui altrimenti passo tutta la serata ad insultare... Siamo lodati per una terra meravigliosa e per la gente con tanto cuore ma ahimè, non mettiamo il cuore per far sentire il nostro dissenso contro questo scempio che stiamo vivendo. Ci stanno prendendo per il culo e noi siamo lì, fermi, a guardare”.

Pier Paolo: “Caro Presidente ora a palla passa a te. Decidi cosa vuoi fare: andare miseramente in serie B o cercare di dare una svolta a questo campionato? Almeno tentaci, il Cagliari è allo sbando, non ha un gioco e serve un allenatore esperto, perché Zola non è adatto ad affrontare una situazione del genere. Svegliati, il tempo passa e non si vedono miglioramenti, stiamo diventando un bancomat per le altre squadre!”.

Fabrizio: “Un cambio di panchina per un'inversione di marcia: Delio Rossi o Cosmi sarebbero le persone giuste per tentare il "miracolo", parere personale naturalmente”.

Andrea: “Vorrei sapere dove è finito quel signore che faceva paragoni con la stagione 07/08, che diceva ‘anche Ballardini dopo 7 partite aveva raccolto 8 punti...’. Da quel post sono passate 3 partite e i punti di Zola sono rimasti 8, di cui 7 fatti nelle prime 4 gare e 1 nelle ultime 6. Quella squadra e quell'allenatore avevano le Palle, questi non sanno nemmeno con che lettera inizia la parola”.

Federico: “Ho sentito adesso l'intervista di Zola, qui bisogna fare l'antidoping pure agli allenatori. La delicatezza e la discrezione del sardo medio nell'indicare Zola come colpevole (giustamente) di questo disastro sportivo, generalmente i discorsi partono con ‘ottima persona, ottimo giocatore’. Non so, diamo la Nazionale a Tardelli allora! Mi sento come quello che se la prende nel culo e che deve chiedere pure scusa”.

Franz: “Chi ha permesso di indossare la gloriosa maglia del Cagliari a giocatori mediocri è il maggiore responsabile dell'attuale situazione del Cagliari. Giulini lascia il Cagliari, non è affare per te!”.

Andrea: “Giulini vattene e sii uomo,  Zola dimettiti e sii uomo anche tu! Questa squadra fa schifo, è composta da uomini senza cuore e dignità”.

Alessandro: “Se non mandiamo via Zola è retrocessione assicurata”.

Matteo: “La cosa più triste, sarà seguire Parma - Atalanta sperando nel miracolo dei falliti. A questo ci siamo ridotti”.

Simone: “Oggi abbiamo salutato la Serie A. Visto che siamo in B giochiamo le ultime partite con dignità e con un nuovo allenatore che progetti già la squadra per il prossimo campionato. Forza Cagliari Sempre e Ovunque”.

Marco: “Che pena!”.

Giaime: “Esonero, Esonero, Esonero!”.

Giuseppe: “Su Subito.it cercasi nuovo presidente per il Cagliari!”.

Massimo: “Una squadra che gioca così, dimostra che è la peggiore della serie A e che merita la serie B! Vedo tutte le squadre in lotta per la salvezza superiori al Cagliari!”.

In giro per il web

Ulisse: “È normale che se vendi tutti gli attaccanti, anche se costruisci tantissimo gioco, se non hai chi la mette in fondo alla rete, l'unico risultato è la serie B”.

Nicola: “Squadra senza capo né coda, la B è la logica fine di questa società che ha un presidente che voleva salvarsi comprando giocatori al discount”.

Luigielina: “Zola ai rotto le palle, stai lontano dal Cagliari! Giulini non hai un po’ di vergogna? Vattene, perché del Cagliari non te ne frega niente!”.

Damiano: “Vediamo se questo presidente, o presunto tale, capisce la cavolata fatta nello scegliere Zola. Anche oggi 90' senza capo né coda, giocatori fuori ruolo, modulo inadatto e chi più ne ha più ne metta. Sono stufo di vedere questo schifo, perché non trovo altro modo per chiamarlo. Se ha un briciolo di orgoglio Zola dovrebbe dimettersi e cambiare lavoro”.

Nicola: “Non si è capito proprio come ha giocato il Cagliari, confusione totale di Zola. Tutti trequartisti ma in attacco sempre il povero Longo da solo, anche Sau schierato trequartista. Si è tolto Dessena, che era l'unico che conteneva, e poi infatti si è preso il secondo gol: Zola dimettiti, stai danneggiando il Cagliari!”.

Matteo: “Zola un grande uomo e un grande sardo ma come allenatore basta così. La colpa non è sua ma di Giulini, un uomo di m…a. Ha comprato il Cagliari, non aveva soldi e ha deciso di portarlo in B perché lì il campionato costa meno. Non è possibile, presidente vattene, non sei degno di stare qui a Cagliari, sarebbe stato meglio venderlo a Silvestrone che forse i soldi li aveva. Adesso si va in B e bisogna costruire un progetto serio e solido con Pulga, con giocatori degni di poter giocare decentemente in B e in A, perché bisognerà tornare in A. FORZA CAGLIARI FINO ALLA MORTE!”.

Edoardo: “La società dovrebbe avere il coraggio di uscire allo scoperto. Sarebbe bello organizzare un incontro civile con i giocatori e la tifoseria perché si possa capire come insieme si possa uscire dalla crisi, anche se potrebbe essere tardi”

Ubaldo: “La serie B non mi fa paura, Giulini sì”.

Davide: “Ma che razza di formazione ha messo? Centrocampo tutto sbagliato, uomini non all’altezza e attacco palesemente inesistente. Zola è nel pallone, totalmente. E mi fermo qui”.

Manuela: “Ho visto fino al 70’, poi me ne sono andata. Basta per capire quale fosse lo stato d'animo? Dico solo che mi spiace per Zola, perché si è ritrovato una squadra del genere. Sono indegni, superficiali, leziosi e inconcludenti. È nera, ma nera veramente. E secondo me non ne usciamo: se andiamo in B ci rimaniamo pure a lungo”.