La voce dei tifosi: "Sia Santo Brkic, ma in attacco e difesa proprio non va!"

I pareri dei supporters rossoblù al termine della gara contro il Toro

pubblicato il 16/02/2015 in La Voce dei Tifosi da Alexandra Atzori
Condividi su:
Alexandra Atzori
Corteo di tifosi rossoblù

Il Cagliari esce dall’Olimpico di Torino con un punto in tasca ma c’è molto su cui riflettere: da una parte, le troppe occasioni sprecate e, dall’altro, le solite disattenzioni in difesa, che ieri hanno consentito ai granata di recuperare lo svantaggio in un batter d’occhio. Non bisogna dimenticare, però, che i piemontesi stanno attraversando un ottimo momento quindi, tutto sommato, questo pareggio è più che positivo. C’è, però, da dare uno scossone a questa stagione. Come ogni settimana vi abbiamo chiesto un parere sulla gara dei rossoblù, buona lettura.

Il Cagliari siamo noi!

Giuseppe: “Abbiamo fatto una buona gara, ben impostata e, finalmente, la vecchia guardia non ha demeritato. Dessena a destra va bene, Donsah e Brkic sugli scudi. Forse siamo stati troppo rinunciatari nel finale, ma avevamo speso tutto”.

Carlo: “Ho visto un Cagliari ordinato ma la sorpresa per me è stato Dessena che, schierato come  terzino destro, è stato bravissimo. Un ‘bravo’ a Zola”.

Marco: “È un ottimo punto, il Torino veniva da otto o nove vittorie, bella partita”.

Luisella: “Un punto in casa del Torino è un buon risultato. Però il Cagliari segna poco”.

Gianluca: “Il Cagliari sta giocando meglio: anche ieri la squadra è stata brava a ribattere alle azioni del Torino”.

Alyssia: “Rendiamo grazie a quel sant'uomo di Brkic, c'è veramente da fargli una statua! Per il resto dobbiamo imparare due cose: 1) ad essere più precisi sotto porta, perchè non possiamo avere percentuali di tiro altissime se poi, su sette occasioni, ne concretizzi solo una 2) più attenzione in difesa, non possiamo farci raggiungere subito ogni volta che segniamo. Se Zola non si sbriga a far capire queste cose ai suoi la vedo male: le altre squadre non aspettano!”.

Francesco: “Era un pareggio annunciato”.

Francesca: “Il nostro Cagliari ha giocato alla pari, per grazia ricevuta (da Brkic)”.

Fabio: “L’unica cosa buona è il pareggio, ma il gioco latita! Meno male che c’era San Brkic. Dopo cinquanta secondi non si può prendere gol e, in avanti, non abbiamo fatto tiri. Padelli è stato uno spettatore non pagante ma comunque è un punto che da morale. Comunque credo si debba giocare con due punte. Ma Husbauer dov’e? Ce lo hanno presentato come il salvatore della patria ed ora è una meteora… qualcosa non torna!”.

Riky: “Donsah é il colpo migliore di Giulini, che l'ha preso a titolo definitivo e ora vale già 8/9 milioni. Al prossimo mercato invernale ne varrà già 18! Se Brkic e M'Poku si confermeranno saranno il futuro del Cagliari assieme a Crisetig, Cop o Husbauer! Il Cagliari deve puntare tutto su di loro, ragionate, non meritiamo il 18°posto! Retrocede l'Hellas con Cesena e Parma! Fidatevi!”.

Michele: “Ora non ci sono scusanti: il Cagliari deve scendere in campo per i tre punti. Abbiamo perso contro una Roma decimata che ieri ha pareggiato in casa con il Parma: non dobbiamo guardare chi è l’avversario, bisogna giocare sempre e solo per i tre punti!”.

Andrea: “La verità è che abbiamo troppi giocatori che fanno il compitino e non sempre bene, e purtroppo non abbiamo abbastanza campioni per poter far fronte a questo grosso limite. Donsah è forte e sicuramente lo diventerà ancor di più, Ekdal è sopra la media ma purtroppo stremato (a ragione, visto quanto ha già dato dall'inizio a oggi), Sau ha grande tecnica ma gli schemi di adesso non lo favoriscono ed è ancora fuori condizione, Brkic fa il suo, Cop e M’Poku sicuramente non sono ancora entrati a pieno nei meccanismi italiani ma credo siano giocatori di categoria. Ahimè credo che la corsa sarà lunga e in salita, ma forza Cagliari sempre e ci salveremo comunque!”.

Michele: “Considerando che Cossu ormai e' impresentabile, Husbauer non giocherà mai e che il centravanti di spessore non è arrivato, penso che unico l'unico che possa salvarci sia Cassano: è l'unico che potrebbe lanciare Sau (o Cop) e M’Poku. Con un attacco così potremmo salvarci, altrimenti salutiamo la A”.

Francesco: “È ridicolo pensare che pareggiare col Torino sia poca roba, ma per carità”.

Marco: “Siamo ridicoli, non abbiamo giocatori di qualità e, quella che c’è, sta in panchina. Abbiamo la difesa da ‘dopolavoro’: manco sui triangoli lunghi 20 metri marchiamo. Meno male che Atalanta e Verona sembrano in difficoltà (la Roma ha ripreso a far pena). Sau, che era l'unico decente, dopo l’infortunio non ne imbrocca mezza, Cossu è irritante sui calci piazzati e oltre alla corsa non da più niente. Donsah e Brkic sono da 9 in pagella ma la mentalità della squadra è fragilissima: siamo appesi a un filo quest'anno”.

Andry: “Vi vedo troppo tristi, stiamo calmi ci sono altre 15 partite, siamo a meno 3 dall'Atalanta e a meno 4 da Verona, Chievo ed Empoli… ce sono di punti! Su col morale! Forza Casteddu”.

Francesco: “Ancora poco Cagliari. Si, é un punto buono ma vogliamo di più. Il Cagliari deve entrare in campo con ben altra voglia, siamo in ‘ritardo’ e le partite diminuiscono. Dobbiamo aggredire l'avversario e invece siamo molli e titubanti. Mister Zola fatti sentire, con l'Inter serve solo la vittoria, dobbiamo giocare con grinta e coraggio dall'inizio. Dai Cagliari, siamo con te!”.

Emanuele: “Tutti ad elogiare Donsah, ma non avevate detto che Giulini di calcio non ne capisce niente e che non ha lo stesso intuito di Cellino nello scovare dal nulla buoni giocatori?”.

Andrea: “Ringraziamo il calcio spettacolo di Zeman per questa situazione”.

Simone: “Alla luce di questa partita vorrei fare qualche considerazione: che cosa è successo a Sau? Dov'è finito il giocatore letale di qualche tempo fa? Ieri ha fatto due errori non da lui. Avelar mi sembra troppo molle, soprattutto nei contrasti, e se trova un avversario decente viene annullato. E poi, perché non giocare dall'inizio con Mpoku? Ha già dimostrato di poter giocare senza problemi. Perché non farlo entrare al posto di Cossu invece che di Cop? E che fine ha fatto Husbauer? Dobbiamo ringraziare seriamente Brkic, Donsah ed Ekdal, sono tre giocatori che veramente pesano tantissimo. Quello di ieri è un punto importante, ma con una vittoria (che sarebbe stata possibilissima) sarebbe stata un'altra storia. Prendiamo un punto all'Atalanta e ora possiamo seriamente agganciarli (la prossima sono contro la Juve), possiamo riprendere anche il Verona (la prossima sono contro la Roma) e il Chievo ha lo scontro diretto contro l'Empoli. La qualità per salvarci ce l'abbiamo (anche se ci manca un vero goleador), vediamo di dimostrarla in campo”.

In giro per il web

Manuel: “Forza Cagliari, comunque i senatori non servono a niente, prendono il posto a Crisetig e a M’Poku. Ma non sarebbe ora di fare un pensierino al ritiro?”

Claudio: “Pareggiare contro il Torino di questi tempi non è facile (si chieda alla Sampdoria). É vero che Brkic ha fatto due miracoli ma anche Sau si è mangiato due gol!”

Alessandro: “Meglio un punto che niente, ma se ieri non ci fosse stato Brkic sarebbe finita male. Abbiamo pesanti carenze in difesa (vedi Avelar che sta facendo pena), abbiamo un Cossu che continua a battere punizioni e angoli a due all'ora, abbiamo una terribile inversione di Sau, che qualche anno fa i gol che si è mangiato ieri li avrebbe segnati ad occhi chiusi, Joao Pedro quando è entrato sembrava già stanco. L'unica nota positiva mi pare Donsah, spero che Zola ora non torni al suo albero di Natale fuori stagione”.

Sergio: “È un punto che fa morale e siamo sempre lì, tutti con passo di tartaruga, ma sarebbe meglio stare un punto davanti che un punto o due dietro”.

Alessandro: “Abbiamo guadagnato un buon punto  contro una buonissima squadra. 
Siamo ottimisti, che tanto ci salviamo!”.

Gianpietro: “Pure ieri ci siamo salvati grazie a un gran portiere ma Zola, mi chiedo, non lo vedeva che eravamo in balia del Torino? Perché non ha fatto subito dei cambi? Ha lasciato tre bidoni come Avelar, Conti e in campo, che non stavano neanche in piedi, e quelli che ci dovevano salvare li ha tenuti in panca. Se continua così la B è cosa certa: quello che preoccupa è che non ha visione di quello che succede in campo”.

Giorgio: “Ieri il Torino ha giocato male e non al solito livello, nonostante ciò ha creato due grandissime occasioni da gol non concretizzate grazie a due grandi parate di Brkic. Non sono affatto contento perchè ieri più che mai la squadra ha dimostrato che non dispone di uomini che danno passaggi per le punte, senza gol non andiamo da nessuna parte. Non diamo nulla per scontato, il Parma defunto ha pareggiato contro la Roma. C' è veramente poco da essere allegri”.

Paolo: “Il punto ottenuto è buono e la prestazione pure. La salvezza è difficile perchè oggettivamente l'Empoli per gioco, l'Atalanta per temperamento e il Chievo per concretezza ci sono superiori. Paradossalmente dico che l'anello debole è il Verona, che è a 24 punti e che deve ancora giocare a Cagliari. Se vinciamo è come essere ad un punto. Ma ribadisco: solo con un grande Donsah, un ottimo Ekdal, una garanzia come Sau, l'affidabilità di Brkic, forse anche la giovane intraprendenza di M'PoKu non è facile farcela. Perchè gli altri fanno ca**re, a cominciare da Conti, che deve solo appendere le scarpette al chiodo (e va comunque ringraziato per quello che ha fatto per i colori rossoblù), per finire con un inguardabile Avelar”.

Simone: “Un ottimo punto contro una squadra che ha battuto Lazio e Sampdoria nelle ultime giornate. Prendiamocelo e mettiamolo in cascina”.

Maurizio: “Un punto prezioso, la squadra ha giocato a viso aperto, ha pressato e non si è solo difesa. Ovviamente i soliti errori e alcuni giocatori non in condizione (Avelar in primis) hanno condizionato il risultato. Ce la possiamo fare, abbiamo ancora tanti scontri diretti.  Forza Cagliari”.