La voce dei tifosi: “Ripartiamo dal secondo tempo. Ma quanto è bravo M’Poku!”

I commenti dei supporters rossoblù dopo Cagliari - Roma

pubblicato il 09/02/2015 in La Voce dei Tifosi da Alexandra Atzori
Condividi su:
Alexandra Atzori
Corteo di tifosi rossoblù

Il Cagliari non ha mantenuto la tradizione positiva in casa nel 2015. Dopo due vittorie, con Cesena e Sassuolo, i rossoblù non sono riusciti ad avere ragione di una Roma in piena emergenza e con diversi giovani in campo: nonostante le tante occasioni create, i ragazzi di Zola non sono riusciti a fare nemmeno un gol se non troppo tardi, quando ormai mancavano pochi secondi al fischio finale.

Ora bisogna iniziare a pensare al Torino, servono punti per migliorare la situazione in classifica. Qui di seguito troverete i commenti dei tifosi rossoblù: quelli degli amici di “Il Cagliari siamo noi!”, quelli degli altri utenti delle pagine web dedicate alla squadra e, infine, alcuni commenti raccolti ieri allo stadio. Buona lettura!
 

Il Cagliari siamo noi!

Benedetto: “Abbiamo giocato bene soprattutto nel primo tempo, purtroppo non abbiamo sfruttato le occasioni che abbiamo avuto. La nota lieta è M'Poku”.

Fabio: “Credo che nel primo tempo abbiamo aspettato troppo la Roma e, in casa, si deve giocare con due punte! Il capitano è tornato il guerriero di sempre, è stato bravo M’Poku e Cop è stato sfortunato! Ha giocato male Avelar e la difesa è stata punita dai soliti errori individuali. Penso che ai punti avremmo meritato il pareggio, anche se non abbiamo giocato un gran calcio. Ma Husbauer dov’è?”.

Simone: “Sempre gli stessi errori in difesa, subiamo due gol, in media, a partita. Questo è il nostro campionato”.
Alessandro: “Caro Presidente, sei giovane e ricco, per favore, goditi la vita e fai il ca**o che vuoi, ma vendi la società perché stai umiliando una piazza che non lo merita”.

Marco: “Il vantaggio che vedo è che nelle ultime quattro giornate giocheremo contro il Parma, il Palermo, il Cesena e l’Udinese, che saranno tranquille per un motivo o per l'altro (anche se non aspettiamoci troppi regali). Riuscissimo a vincere 3-4 partite prima di queste ultime quattro il più sarebbe fatto”.

Fabietto: “A me uno che si presente in conferenza stampa ridendo fa venire il nervoso”.

Enrico: “A questo punto è troppo semplice date tutte le colpe alla società dopo il fallimento con Zeman. Adesso serve che tutti, compresi noi tifosi, aiutiamo la squadra a venirne fuori, però Giulini mediti bene sulle scelte future, senza parlare di ca**ate tipo stadio nuovo o Champions”.

Michele: “Spero e credo nel gioco del calcio, dove alcune volte vince anche chi è più debole. Credo inoltre che la campagna acquisti invernale sia di tutto rispetto, anche se non mi piace la gestione del gruppo”.

Federico: “ Cop ha giocato male oggi ma a Longo abbiamo concesso mille occasioni, quindi vorrei rivederlo prima di condannarlo. Poi aspetto ancora Husbauer, deve giocare!”.

Pasqualino: “Che fine faranno i soldoni dei gioielli venduti? La cosa che più mi dispiace è la figuraccia che rischia di fare Zola. Poi, oh, magari ci salviamo, perché ci sono squadre decisamente peggiori della nostra. Lo spero vivamente, soprattutto per Zola”.

Alyssia: “Io credo che sarebbe stato meglio continuare con la squadra delle scorse partite, quindi Conti a casino e dentro Crisetig, ma credo abbia fatto bene Zola a mettere Cop, era giusto vederlo. Se magari la prossima volta becca la porta, però, fa un favore a tutti”.

Mauro: “Dai, ma che pessimisti che siete. Oggi ho visto una bella partita, un bel Cagliari (anche se francamente privo di schemi ficcanti) e anche discrete individualità, purtroppo contornate da tanta sfortuna, contro una Roma che era evidentemente alle corde e che ha fatto due tiri e due gol. Se non si demoralizzano ce la possono fare”.

Cosimo: “Si poteva osare di più! Abbiamo aspettato troppo la Roma nel primo tempo ma nel secondo si è visto un Cagliari più aggressivo. Secondo me, oltre ai soliti errori difensivi, è il modulo che è troppo difensivista (ricorda i tempi di Ficcadenti). Grande esordio di M'Poku, spero che dalla prossima partita oltre a partire titolare, Zola si accorga che bisogna giocare con due attaccanti. Comunque sono del parere che ci manca una punta di esperienza in attacco!”

Stefano: “Non toccate il Cagliari, state zitti. Siamo stati grandi, dobbiamo solo imparare a segnare. Avanti!”.

Gianmarco: “Non giochiamo!!! I gol contro la Roma li puoi prendere, ma bisogna giocare. Oggi non si é visto uno straccio di trama offensiva!”.

Franco: “Perdiamo con la Roma 2, che dire. Siamo una squadra con dei limiti evidenti, dei giocatori scadenti, una presidenza incompetente e, mi spiace dirlo, un allenatore non adatto”.

Marco: “É la quinta partita persa in modo assurdo in casa (dopo Atalanta, Torino, Fiorentina e Chievo). Un Cagliari rinunciatario quando doveva azzannare una Roma in crisi e, dopo un tempo regalato, con un gol talmente ridicolo per marcatura nulla di uomo e spazio, mezz’ora di ripresa con buone manovre e un buon pressing, chiudendo la Roma nella sua trequarti ma divorandosi tre palle gol evidenti di cui una clamorosa. La punta serviva eccome e in difesa con due gol di media subiti è dura salvarsi, specie in un testa a testa con una squadraccia rognosa come il Chievo”.

Stefano: “Partita dai due volti: nel primo tempo abbiamo lasciato il pallino del gioco alla Roma con una tattica poco propositiva. Gol casuale ma difesa non esente da colpe. Nel secondo tempo abbiamo iniziato a spingere sull'acceleratore e abbiamo creato delle occasioni nitide per poter pareggiare, ma quest'anno non ne va bene una e, se noi sbagliamo tanto, la Roma ha sfruttato per bene le occasioni che le sono capitate. Bene il nuovo arrivato M'Poku, male Avelar che ha qualche colpa sui gol della Roma. Cop troppo isolato e mal assistito da Joao Pedro ed Ekdal”.

Luca: “Partita persa in difesa, Conti in ripresa, Cop ha sfiorato due gol negati da De Sanctis e ne ha sciupato uno facile. Nel complesso bene, come presenza in attacco, M'Poku ottima tecnica, palla incollata al piede, assist al bacio a Cop che sciupa il gol con una frustata di testa da rapace vero. Io punterei deciso su di lui, dando fiducia anche a Cop, Sau da recuperare e Joao Pedro in calo, si cercano notizie su Balzano e Husbauer. Diakité da inserire in difesa al più presto”.

Giuseppe: “Siamo stati puniti da due gol casuali, ma la sorpresa è M’Poku, può far male a molte squadre, ha dimostrato grande personalità e visione di gioco. Con lui in campo il potenziale offensivo aumenta parecchio. Bene il capitano che ha costretto Pjanic a non giocare”.

In giro per il web

Mauro: ” Ma quanto è forte M'Poku? Detto questo, davvero qualcuno sperava di fare risultato con la Roma, anche se la peggiore? Ci sta perdere con loro, con l'Atalanta no, era con loro che dovevamo giocarcela”.

Alessandro: “Mi sbaglierò ma, al netto del risultato, oggi ho visto un Cagliari che mi fa ben sperare. Compatto e più tranquillo del solito, non è crollato al vantaggio della

Roma, ma se l'è giocata fino alla fine. Mi è piaciuta molto la personalità di Rossettini e Capuano nell'impostare spesso il gioco, cosa che non si era mai vista, mi è piaciuto il centrocampo con un ritrovato Conti, mi ha ben impressionato M'Poku. E se Cop avesse messo dentro quella palla facile facile ora staremmo parlando di un ottimo punto guadagnato. A Torino per vincere!”.

Luca: “Vorrei soffermare l'attenzione su come abbiamo preso il primo gol.
Guardate le immagini, guardate la morbidezza degna di una ballerina svogliata di Avelar. Dove andava? Cosa stava pensando? E' un giocatore degno di vestire questa maglia? Serve uno così per sperare di salvarsi? Nella metà dei gol presi quest'anno c'è il suo zampino. Sempre. Potrei citarli uno per uno, a cominciare dal gol preso contro l'Atalanta all'andata, fino allo scempio di oggi. Non solo è inutile (l'ultimo cross pericoloso è datato 1955) ma è dannoso per la sua totale assenza in fase difensiva. La sua 'assenza' crea disequilibrio ogni qual volta l'avversario di turno attacca gli spazi di sua competenza. Qual è il suo significato in campo? Domanda inutile, non c'è risposta. Voglio bene a Zola, ma insistere su una sciagura del genere denota poca intelligenza. E mi fermo qui”.

Marco: “La partita con l'Atalanta era da vincere, e così questa sconfitta sarebbe stata meno dolorosa. Penso solo che Zola dovrebbe avere più coraggio e schierare una formazione più offensiva dall'inizio. La fortuna molte volte si deve meritare e aiuta gli audaci. Forza Cagliari”.

Antonio: “Buon primo tempo del Cagliari, peccato per il gol preso. Come ha detto Zola siamo stati dei polli. Quanto mi piace questo Verde, io chiederei alla Roma di inserirlo come contropartita nell'affare Nainggolan”.

Nino: “Ma veramente pensavate che con Zola sarebbe cambiato qualcosa? Ho rispetto per lui, ma questi ragazzi potevano e possono fare qualcosa solo con Zeman. Non è una squadra competitiva. Punto”.

Antonio: “Cambiamo allenatore signori miei! Serie B sicura, ci vuole uno con le palle: Crisetig fuori e Conti dentro, io non ci capisco più niente! Avelar, che era da cambiare subito, gioca tutta la partita e Zola dorme. Ma tornatene a Londra lascia il posto ad un vero allenatore, tipo Reja, che almeno capisce di calcio”.

Roberto: “Coraggio, non molliamo. Come si sul dire ‘la speranza è l'ultima a morire’, anche mantenendo il quart'ultimo posto, soffrendo fino al 90' dell'ultima giornata di campionato”.

Luca: “Il Chievo vincerà a Parma, il Cagliari andrà a Torino (sconfitta sicura) e poi viene l'Inter. È finita. Bisogna che quel pezzente di Giulini venda, per tornare subito in A”.

Cristina: “Oggi siamo stati sfortunati, spero questo non sia un anno segnato. Oggi non meritavamo la sconfitta, purtroppo se non si mette la palla dentro non si vince. Siamo una squadra che fa miracoli, riusciamo a resuscitare sempre i morti. Io sono fiduciosa, vorrei solo che Zola mettesse via l'albero di Natale e smettesse di giocare con una sola punta”.

I tifosi dallo stadio

Manuela: “Che nervi. Se Cop non avesse montato i piedi di titanio oggi l'avremmo pure vinta. Comunque la squadra mi è piaciuta, e anche M’Poku è bravino”.

Davide: “Il Cagliari comunque non ha giocato male. A parte quei 20 minuti del primo tempo dove la Roma ha preso possesso del gioco, e a parte 2 tiri in porta da cui sono nati i gol, la Roma non si è vista tanto”.

Domenico: “Il Cagliari ha dimostrato di essere una vera squadra, purtroppo sono mancate la lucidità e la fortuna sotto porta”.

Gianni: “M’Poku è un buon giocatore: ora la squadra deve trovare la forza per ripartire dal secondo tempo di oggi e devono imparare ad essere un po’ più lucidi sotto porta”.

Sergio: “Con Zeman non si vinceva, ma almeno si giocava! Qua invece non si gioca e non si vince, così non si va da nessuna parte”

Silvana: “A me la squadra è piaciuta, siamo stati sfortunati noi e fortunati loro con il secondo gol. Domenica ci rialziamo”.

Paolo: “Così non andiamo da nessuno parte. Vengo allo stadio da quarant’anni ma quando vedo la squadra giocare come nel primo tempo mi viene voglia di andare alla bocciofila. Se poi crei tutte quelle occasioni, come nel secondo tempo, e non ne metti in rete nemmeno una mi viene ancora di più il nervoso!”

Franca: “Zola non mi sta piacendo proprio per niente. Massimo rispetto per lui e per quello che ha fatto per il Cagliari ma ancora non riesco a capire che idea di gioco ha in mente”.

Giulio: “Credo che il problema di questa squadra sia il finalizzatore. Se oggi ci fosse stato un giocatore esperto, le due occasioni sprecate da Cop sarebbero entrate senza dubbio. Il problema è che abbiamo solo ragazzini: bravi quanto si vuole, ma sempre ragazzini”.

Mario: “Ne dico una tanto per dire: quante partite ha vinto il Cagliari con Conti in campo? Zero. Un motivo ci sarà! E allora perché insistere con lui?”