La voce dei tifosi: "Giù le mani da Zeman. Subito sul mercato e fuori le pa..."

I commenti dei supporters rossoblù durante e dopo la gara contro la Juventus

pubblicato il 19/12/2014 in La Voce dei Tifosi da Alexandra Atzori
Condividi su:
Alexandra Atzori
Corteo di tifosi rossoblù

Il campionato del Cagliari non può dipendere da gare come quella di ieri contro la Juventus, ovviamente. Eppure, era interessante vedere quale sarebbe stata la reazione dei rossoblù a un ultimo mese con molti bassi. E basta: alti non ce ne sono stati. L’ultima bella gara disputata dagli uomini di Zeman è stata quella del trenta novembre contro la Fiorentina: novanta minuti di partita giocata alla grande e quattro gol sul groppone. Ma almeno la prestazione, così come le precedenti, aveva tenuto alto il morale. É arrivato dicembre e, con i risultati, è sparito anche il gioco. Quella di ieri è stata l’ultima partita di un periodo travagliato, anche se i segnali da parte dei tifosi sembrano più positivi rispetto a quelli delle scorse settimane. Purtroppo, a fine primo tempo, i cagliaritani erano già sotto di due gol, come ormai capita di frequente. Questi i commenti alla prima frazione di gara:

Marzia: “Devo dire che la formazione iniziale mi ha lasciata un po’ perplessa. Non capisco perché il mister abbia praticamente sparpagliato tutto il parco difensori in campo. Però avrà avuto le sue motivazioni, sa quello che fa”.

Gianni: “Mi sono scocciato di finire il primo tempo sempre sotto di due gol. Non è possibile, bisogna trovare il modo di far fare a questi ragazzi più attenzione in avvio di partita. E non capisco perché Conti continua ad essere schierato quando, è evidente, non è adatto al gioco di Zeman. Secondo me c’entra il presidente, è l’unica spiegazione che mi do”.

Mario C: “Ma li avete visti? Sembravano le belle statuine. Ma che razza di gol abbiamo preso? Roba da matti! Dove vogliamo andare? Il problema, poi, è che la colpa non è nemmeno di Zeman, sono questi disgraziati che non hanno voglia di giocare. Fossi nel presidente minaccerei di congelare gli stipendi finché non si svegliano”.

Alessio: “Capisco perché Zeman ha messo sei difensori in campo, però secondo me avremmo potuto giocarcela in un altro modo. Metti una formazione sperimentale, fai giocare qualcuno che vorresti vedere all’opera, ma non chiuderti così. Tanto perdere 2-0 o 5-0, a parte per la differenza reti, non è che cambia molto. Comunque, secondo me, nella ripresa almeno un gol lo segniamo”.

Patrizia: “Io Ibarbo non l’avrei fatto giocare, non mi sta piacendo ultimamente. Invece avrei voluto vedere Longo, secondo me il ragazzo ha bisogno di continuità e, se lo si fa giocare solo dieci minuti ogni tre partite è ovvio che non segna. E Dessena? Perché non sta mai giocando?”.

Inizia il secondo tempo, subito dentro Donsah per Benedetti. E, al 6’, ecco che gli ospiti fanno il terzo gol: come sempre, i primi minuti sono fatali. Il Cagliari però entra con un altro piglio, spinge e trova il gol della bandiera al 20’ grazie a Rossettini. Lo stadio si anima, i tifosi tornano a farsi sentire perché si rendono conto che, pur non giocando un calcio brillante come in passato, i rossoblù almeno ci provano. Purtroppo il 3-1 resta fino alla fine, nonostante gli uomini di Zeman abbiano creato tante occasione pur senza, altro aspetto ricorrente nel recente Cagliari, riuscire ad andare in gol. A fine partita i tifosi applaudono la squadra, hanno dato tutto almeno, anche se il vero Cagliari è un’altra cosa. Ecco i commenti nel dopo gara:

Mario P: “È ovvio che non si può essere contenti, perché ormai i risultati mancano da un mese, però almeno hanno tirato fuori gli attributi. Se la sono giocata. Adesso bisogna intervenire sul mercato, però, perché è ora di prendere un portiere adatto a Zeman e un attaccante. Se manca Sau e non metti Longo, serve qualcuno che sopperisca. Zeman? Io lo terrei a vita”.

Monica: “Io nel secondo tempo avrei tolto Conti, Benedetti e Capuano e avrei messo Crisetig, Dessena e Longo. Ma non sono Zeman, purtroppo. A me dispiace per il capitano ma è arrivata l’ora di lasciare spazio alle nuove leve, rallenta troppo il gioco. Spero Sau torni presto. Un mio amico mi ha detto che è stato avvistato Ballardini. Sarà vero? Spero di no, perché non mi piace, anche se non so se terrei Zeman”.

Paolo: “Questo secondo tempo non mi è piaciuto per niente. Arbitraggio scandaloso, noi scandalosi e, se continuiamo così, la serie B non ce la leva nessuno. Zeman deve restare e prendere tutti i suoi giocatori a legnate. Perché è colpa dei giocatori, non dell’allenatore”.

Luca: “Giulini deve aprire il portafoglio. Faccio io tre nomi: Anania in porta, visto che abbiamo capito che il presidente i portieri non li sa scegliere, Husbauer e Mancosu. E, cosa ancora più importante, qualsiasi acquisto faccia, deve essere richiesto da Zeman. Hai scelto il boemo? E allora devi stare zitto, cacciare fuori i soldi e prendere i giocatori che ti dice lui”.

Giorgio: “Mi sta venendo il dubbio che lo spogliatoio non stia più dalla parte di Zeman. A me dispiace perché il boemo mi piace tanto, come uomo e come allenatore, ma si sa che se la squadra ti si rivolta contro c’è poco da fare. Sono del parere che un allenatore così non dovremmo lasciarcelo scappare, però. È troppo bravo e lo abbiamo visto”.