La voce dei tifosi: “Prova di grande carattere, orgogliosi di questa squadra”

I commenti dei supporters rossoblù dopo Napoli - Cagliari

pubblicato il 24/11/2014 in La Voce dei Tifosi da Alexandra Atzori
Condividi su:
Alexandra Atzori
Corteo di tifosi rossoblù

Gli incroci stagionali tra Napoli e Cagliari sono probabilmente quelli più attesi da tutti i tifosi rossoblù. Non solo perché le due squadre si sono sempre contese lo scettro di “regina” del sud, ma anche perché ormai, dal famoso spareggio del 1997, è nata una vera e propria rivalità tra le squadre e i rispettivi tifosi. E le partite tra queste due compagini riservano sempre grandi emozioni. I rossoblù non vincono al San Paolo dalla stagione 2007/2008 (come dimenticare lo 0-2 firmato da Matri e Foggia?) e non pareggiavano da quella 2008/2009. Il Napoli di allora, però, non era quello di oggi: non era una squadra creata per sostare permanentemente nei primi posti della classifica e, perché no, per puntare allo scudetto. Per questo il risultato di ieri vale doppio: perché ottenuto contro una delle squadre più forti del campionato, oltretutto in casa sua, e poi perché si è riusciti a fare un bello scherzetto alla squadra di Benitez e ad ottenere anche un punto. Vi propongo alcuni dei vostri commenti sulla partita, buona lettura.

Appuntamento a lunedì prossimo! 

Manuel: “Coraggio, tenacia e la voglia di non arrendersi mai. Questa è la vera forza del Cagliari di Zeman”.

Donatella: ”Alla faccia del direttore del Corriere che ci dava perdenti prima che iniziasse la partita. Questa volta le ''cugurre'' hanno fatto cilecca, forza Cagliari sempre e ovunque”.

Marcello: “Siamo stati grandi, soprattutto considerato che abbiamo giocato in undici contro il Napoli, l’arbitro, i guardalinee e gli arbitri di porta”.

Francesco: “Bravi ragazzi, per noi c’è solo il Casteddu”.

Franco: “Non credo esistano la sfortuna o le cugurre, esiste però una squadra che è il Cagliari e che ci fa divertire. Erano anni che non si vedevano i rossoblù giocare così!”.

Andrea: “Certe volte iniziare a giocare quando si é in doppio svantaggio fa bene, come oggi, ma non sempre è così. Comunque forza Cagliari”.

Luciano: “Il Cagliari solito ingenuo, ha regalato due gol al Napoli e, solo allora, ha cominciato a giocare. Ibarbo e Farias hanno fatto la differenza e,se il Cagliari cresce un pochino sotto l'aspetto caratteriale, potremo vederne delle belle. Ha fatto la sua figura anche senza Conti, Avelar e Sau, che sono dei pilastri nei rispettivi reparti. Abbiamo ridimensionato il Napoli, per crescere dobbiamo crederci!!!”.

Roberto: “Abbiamo avuto un grande cuore e tanta qualità per rimediare a degli errori incredibili. Lo spettacolo va bene ma la classifica piange. Non possiamo dannarci l'anima per prendere l'1:0 con un lancio da fallo laterale, il 2:0 con un tiro da 40 metri, il 3:2 perché Dessena non segue il suo uomo in area. Comunque complessivamente bravi e una menzione particolare a Ibarbo che e' stato determinante in tutte le 3 reti. Avanti così!”.

Mary: “Spettacolo puro, finalmente sto cominciando a divertirmi guardando il Cagliari giocare veramente a calcio”.

Angelo: “Questa è la grandezza del mister, se facciamo delle prestazioni del genere è solo merito suo. Un grande”.