Dopo Bologna tifosi furibondi

Esplodono rabbia e amarezza dopo la sconfitta rimediata al Dall'Ara

pubblicato il 24/03/2014 in La Voce dei Tifosi da Alexandra Atzori
Condividi su:
Alexandra Atzori

La gara persa con il Bologna ha rappresentato l’ennesimo passo falso per il Cagliari e com’è prevedibile i tifosi sono infuriati. Si cerca di individuare chi sia il vero colpevole di questa situazione: il mister, la società, i giocatori. Come ogni settimana il nostro giornale dà spazio alle opinioni dei supporters del Cagliari, che non sono affatto tenere.

Massimiliano si è fatto un’idea molto chiara delle cause di questa débacle:

“Vergognosi tutti! Giocatori senza grinta e con un gioco a dir poco inesistente, poco propensi al sacrificio, scesi in campo per un pareggio che non è arrivato come al solito! Lopez non trasmette la grinta che ci vorrebbe per una squadra che si gioca la serie A ! Critico anche la società che lascia allo sbando una buona squadra sulla carta, ma evidentemente non tranquilla e demotivata per tante cose, tra le quali anche lo stadio e un presidente ormai assente da mesi!”.

Sulla stessa lunghezza d’onda anche Nicola:

“Senza giocatori con le palle,senza stadio e senza società...che intenzioni abbiamo? svegliaaaaaaaaaa”.

Per Pietro la causa è da individuarsi soprattutto nella campagna acquisti:

“Come pretende Cellino di incassare i 30 e passa milioni per la permanenza in serie A comprando giocatori che non vorrebbero neanche squadre di serie C? Ibraimi, Cabrera, Adryan e Oikonomou… ma per carità”.

Giovanni accusa il mister:

“Lopez fuori dai c.........! Basta con questo incompetente, così non si va lontano”

Virgilio è sicuro che la squadra sia sulla strada “giusta”:

“Sempre più vicino alla meta "B"”.

Mauro non le manda certo a dire: “Infami mercenari di merda...Lopez vattene”.

Paolo è sconcertato:

“Non capisco quei 5000 che pagano il biglietto x vedere questo scarto di squadra...”.

Fabrizio, infine, ha le idee chiare:

“Dobbiamo cambiare guida tecnica in questo momento ci vorrebbe uno come cosmi abbiamo un calendario difficilissimo e siamo in svantaggio con le concorrenti dirette”.