Partecipa a Blog Cagliari Calcio 1920

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

A poco a poco

L'analisi del match contro il Brescia

Condividi su:

Il Cagliari torna a vincere. Quella contro il Brescia è stata una vittoria sofferta, di misura, ma alla fine meritata, che allontana i fantasmi delle ultime gare e dà fiducia per il futuro. 

I rossoblu dovevano rispondere sul campo alle ultime prestazioni deluenti, e in parte l'avevano fatto la scorsa settimana contro il Genoa, pareggiando sì in un campo difficile ma senza convincere, ieri invece hanno vinto contro una squadra messa meglio in classifica, e su alcuni aspetti hanno convinto. 

La mossa a sorpresa di Liverani, schierare due mezze punte, Falco e Luvumbo, al posto di Lapadula o Pavoletti, per non dare punti di riferimento, si è rivelata azzeccata. Il primo tempo è stato interpretato bene, sia in fase difensiva che davanti, perché il vantaggio arriva da un errore del Brescia, ma è dovuto anche alla pressione alta della squadra in quella zona di campo. 

Il raddoppio poi è frutto di un'azione corale, che parte da Nandez e finisce con Nandez e Deiola, entrambi bravi a inserirsi con i tempi giusti in area di rigore. Nei primi 45' il Cagliari gioca meglio del Brescia, che impegna solo una volta Radunovic, con una punizione dalla distanza. 

Quello che invece va migliorato è la costanza nei 90'. Perché nella ripresa i rossoblu calano, complice forse anche il cambio forzato per un Luvumbo acciaccato, e gli avversari vengono fuori. Da una parte i sardi hanno dimostrato solidità e compattezza difensiva, ma dall'altra hanno lasciato troppo spesso il pallino del gioco alle rondinelle, che infatti l'hanno riaperta nel finale, tenendola in bilico fino al triplice fischio di Chiffi. 

Su questo aspetto si dovrà ancora migliorare, e bisognerà passare dal centrocampo, che dovrà dare più suggerimenti se non vuole rimanere schiacciato. In fase offensiva si è fatta un po' di fatica nonostante i tre punti, Lapadula e Pavoletti non sono ancora al centro del gioco, e questo alla lunga può essere un problema. 

Ma, come ha detto Liverani, bisogna sforzarsi di guardare il bicchiere mezzo pieno, e questa vittoria, nonostante le difficoltà, può dare quella spinta giusta, sia in classifica sia nel morale, a una squadra che aveva il tremendo bisogno di tornare a vincere.

Condividi su:

Seguici su Facebook