Padoin: "A Cagliari sto benissimo, al Poetto nei momenti liberi. Contro l'inter con coraggio"

"Giulini è un uomo a cui piace ascoltare. È una persona intelligente e molto ricettiva. Rastelli ha dimostrato di essere preparato. Ha fatto le scelte giuste e la risposta sul campo è stata eccellente"

pubblicato il 10/10/2016 in Interviste da Davide Zedda
Condividi su:
Davide Zedda
2016

Simone Padoin sta bene a Cagliari insieme alla sua famiglia: "Mi trovo molto bene. Conosco il lungomare del Poetto dove con la mia famiglia andiamo nei momenti liberi. Ci piace il mare e ne approfittiamo per goderci splendide giornate di sole. I miei figli impazziscono quando possono giocare all’aperto", racconta a La Nuova Sardegna il centrocampista rossoblù, che poi parla del fascino della città di Cagliari:

"La zona del porto è veramente bella, caratteristica. E poi tutta la parte che da viale Diaz porta verso via Roma. Ancora devo scoprire tante altre bellezze. Ci piace conoscere a fondo la città nella quale speriamo di vivere per qualche anno".

L'importanza del gruppo:

"Intanto non è andare a cena insieme una volta o due alla settimana. Per me il gruppo è quando venti-venticinque giocatori in campo danno tutto e si aiutano a vicenda".

Su mister Rastelli:

"Ha dimostrato di essere preparato. Ha fatto le scelte giuste e la risposta sul campo è stata eccellente".

Due parole anche sul Presidente:

"Giulini è un uomo a cui piace ascoltare. È una persona intelligente e molto ricettiva. Spesso si confronta con noi giocatori più esperti e lo fa su tanti temi".

Dopo la cocente sconfitta in trasferta contro la Juve, ora si vola a Milano per sfidare l'Inter:

"La lezione con la Juventus ci è servita. Sicuramente faremo una partita più coraggiosa".