Serie A, Gravina: "Giusto ripartire, non potevamo aspettare il vaccino"

"Ci sono 100 mila persone che lavorano nel settore"

pubblicato il 03/06/2020 in Interviste da La Redazione
Condividi su:
La Redazione

"Ho vissuto un conflitto interiore nei drammatici momenti del virus, ma lì bisognava capire se dovevamo compromettere il nostro movimento in maniera definitiva". Così il presidente FIGC Grabriele Gravina, ai microfoni de Il Romanista.

"Il calcio riparte perché è una speranza per tutto il Paese. I tifosi hanno ragione e li capisco, ma come si può pensare che mentre tutto il Paese riparte il calcio stia fermo, ripartendo poi ad agosto o settembre? Bisogna ripartire convivendo in qualche modo con il virus, non si può aspettare il vaccino. Ci sono 100mila persone che lavorano nel settore. A livello internazionale stanno ripartendo tutti, io non volevo prendermi il titolo de L'Equipe "Come degli scemi" e non ce lo facciamo dire. Onoreremo chi non c'è più e chi soffre per i lutti".