Capozucca: "Spadafora non ama il calcio, ha un'avversione verso questo sport"

"Campionato? Comunque andrà, anomalo"

pubblicato il 19/05/2020 in Interviste da La Redazione
Condividi su:
La Redazione
www.blogcagliaricalcio1920.net

“Spadafora non è un amante del calcio, questo lo hanno capito tutti. Ha un certo tipo di avversione verso questo sport”. Così l'ex Ds del Cagliari Stefano Capozucca ai m icrofoni di TuttoMercatoWeb.

“Il calcio - spiega - è uno sport, ma soprattutto un’industria composta da gente che lavora. Se il calcio si fermasse la perdita sarebbe importantissima. Ripartire comporta qualche problema, ma lo spirito deve essere quello di avere certezze e di convivenza con il virus”.

La ripresa

“Comunque andrà sarà un campionato anomalo. A dodici gare dalla fine un’interruzione di sessanta giorni è un’anomalia. I calciatori sono degli atleti, vero che si sono allenati a casa ma non è la stessa cosa. Nessuno si aspettava, quando è arrivato il Covid, una situazione di questo tipo. La ripartenza può esserci, ma avrà delle conseguenze”.

Il mercato

“Certe valutazioni visto il danno industriale non ci saranno più. Sarà un mercato fatto di scambi, prestiti e altro. Forse oggi si rimpiangono le comproprietà, che avrebbero aiutato”.