Castro: "Pata? Piedone! Maran mio padre calcistico"

"Fare il musicista? C'è tempo..."

pubblicato il 22/05/2019 in Interviste da La Redazione
Condividi su:
La Redazione
2018

Lucas Castro, centrocampista del Cagliari, si è raccontato ai microfoni di DAZN parlando di sé e del proprio allenatore Maran.

Ecco le sue parole:

"Il mio soprannome? Pata vuol dire 'piedone', quando ero piccolo avevo il piede grande, faceva impressione. Avevo una misura grande di scarpa, poi sono cresciuto e il piede è rimasto così. Però il soprannome è rimasto.

La musica? La musica è parte di me e facilita il rapporto con i compagni, fa avvicinare tutti. Fare il musicista? C’è tempo… Se dovessi fare una band con i miei amici del calcio metterei il Papu Gomez come cantante, non ha una bella voce ma sa gestire il palco.

Maran? È il mio padre calcistico. Ci conosciamo da anni, abbiamo vissuto tante squadre insieme. Lui mi conosce meglio di tutti e mi ha fatto crescere molto anche come persona.

Diego Simeone? L’ho conosciuto quando ha iniziato la carriera da tecnico, ancora non era quello che è oggi ma già si vedeva chi sarebbe potuto diventare. L’ho avuto al Racing, quando rischiavamo di retrocedere. Alla fine abbiamo lottato per il titolo, arrivando secondi in classifica.

Idoli? Oltre a Maradona il mio idolo è Riquelme, vederlo giocare era incredibile: sembrava che danzasse in campo, aveva una tecnica mai vista. Anche se non tifo il Boca, guardavo le partite perchè c’era lui”.