Dessena: "Il Cagliari è la mia Champions League”

"Gioco per la maglia ed i tifosi"

pubblicato il 25/10/2018 in Interviste da La Redazione
Condividi su:
La Redazione
2016

Daniele Dessena è intervenuto durante la trasmissione radiofonica "Il Cagliari in diretta" soffermandosi su vari temi.

Ecco le dichiarazioni del capitano rossoblù, riportate dal sito ufficiale della società:

“La mia prima partita l’ho giocata il 13 settembre 2009, Fiorentina-Cagliari. Ero in prestito, fu una stagione meravigliosa, ho conosciuto persone che mi hanno fatto capire cosa significa giocare per la squadra che ami. Sono valori in cui credo e che ho fatto miei. Rientrato alla base, ho fatto di tutto per tornare in Sardegna, sino a quando è capitata l’occasione e l’ho presa al volo. Mi sento ormai un po' cagliaritano e ne vado fiero.

La fascia da capitano? La prima volta che l’ho portata fu in un Cagliari-Cesena 2-1. La fascia rappresenta una responsabilità enorme, è un onore, ma essere capitano significa esserlo non solo sul campo: devi essere presente ogni giorno, indicare la strada a tutti, anche a compagni con più anni di te. Bisogna essere un esempio, metterci la faccia e andare a mille, sempre.

I tifosi rossoblù? Il tifoso del Cagliari è unico, speciale, come la squadra. In questi nove anni mi hanno dimostrato tanto affetto, sia al calciatore che all’uomo. Giocare per loro è la cosa più bella che ci sia. La mia Champions League è qui a Cagliari.

Il recupero dal grave infortunio? Sapevo che ci sarebbe voluto ancora più tempo. Dovevo lavorare e conoscermi, il mio fisico è cambiato. L’orgoglio e il senso della competizione sono stati importanti. Ho trovato il modo di affrontare le cose, ora sono sereno, consapevole di essere tornato quello di prima. I brutti ricordi li lascio in un angolo, anche se ogni tanto è giusto che vengano fuori perché in ogni caso ti hanno reso una persona migliore.

Il mio rapporto con Maran? Un allenatore preparato, che porta avanti le sue idee senza farsi condizionare ma aperto al dialogo. Riesce a fare sentire tutti importanti all’interno del gruppo.

Il match di domenica col Chievo? Una partita fondamentale, da vincere a tutti i costi come quella col Bologna. Prendere i 3 punti vorrebbe dire portare il vantaggio sul Chievo a +14 e posizionarsi nella parte sinistra della classifica. Servirà l’aiuto di tutti: so quanto può essere trascinante il tifo della Sardegna Arena. L’anno scorso ci siamo salvati insieme. Noi giocatori siamo contenti nel vedere bambini, donne, anziani, che sostengono il Cagliari: la Sardegna Arena è il nostro stadio, dobbiamo far valere il fattore campo".