L’isola dei bomber (VIDEO)

Viaggio tra serie cadetta e Lega Pro sulle tracce dei calciatori sardi

pubblicato il 01/04/2014 in I Sardi in giro per l'Italia da Francesco Zucca
Condividi su:
Francesco Zucca

Serie B

Il Trapani non può gioire troppo per il ritorno al gol, dopo 3 giornate di digiuno, del suo pupillo Matteo Mancosu. I siciliani ospitano al “Guido Biondi” un Bari agguerrito e deciso a guadagnarsi la permanenza in B. I padroni di casa (tra i quali in panchina troviamo Andrea Feola)  partono bene segnando 2 reti, ma dal 20’ in poi subiscono un crollo e il Bari, prima della ripresa, mette a segno ben 4 reti. Nel secondo tempo Mancosu prova a dare il là alla rimonta e segna il terzo gol (bellissimo ma inutile) per la sua squadra, raggiungendo quota 20 in campionato, ma gli ospiti riescono a gestire bene il vantaggio e portano a casa i 3 punti.
Pareggio a reti bianche per Modena e Spezia, nonostante gli ospiti finiscano la gara in 9. In campo per tutti i 90’ Salvatore Burrai per i gialloblù e Ivano Baldanzeddu per lo Spezia. Non convocato invece Daniele Ragatzu nella disastrosa trasferta del Lanciano a Padova: 5-1 il punteggio finale per i padroni di casa.

Prima Divisione

Mentre il girone A osserva un turno di riposo, le squadre del girone B segnano gol a valanghe, come a dover sostituire i colleghi. Pisa-Prato finisce 5-0, con Andrea Pisanu fra gli ospiti. A Barletta invece goleada del Benevento di un inarrestabile Marco Mancosu, che con un più che sonoro 6-1 ammutolisce i tifosi del “Puttilli” e torna in zona play-off. Ad aprire le danze è una proprio una doppietta del centrocampista cagliaritano fratello del capocannoniere della Serie B, a cui segue anche una doppietta di Felice Evacuo, ex bomber della Torres. La capolista Frosinone di Davide Carrus non va oltre il 2-2 contro la Salernitana, mentre il Grosseto di Francesco Bombagi vince 2-0 nella comoda trasferta contro il fanalino di coda Paganese.

Seconda Divisione

Girone A. Nell’anticipo di Venerdì Luigi Scotto è l’eroe di giornata per l’Alessandria, che s’impone sul Mantova. Entrato nella ripresa, dopo 10 minuti segna con una bellissima incornata che va ad insaccarsi nel 7, facendo esplodere il “Giuseppe Moccagatta” e completando la rimonta dei grigi che raggiungono così il terzo posto e sognano la promozione diretta.
Riprende a volare anche la Torres che punta a rimanere fra i professionisti nel futuro campionato unico di serie C. La Pergolettese, che lascia in panchina Mario Chessa, rimane in 10 dal 15’ e resiste, ma dopo una seconda espulsione nella ripresa soccombe sotto i colpi dei sassaresi.
Sorprendente sussulto d’orgoglio per la già retrocessa Bellaria Igea, che interrompe il vergognoso filetto di 9 disfatte consecutive e batte 2-1 un Santarcangelo spaesato fra le mura di casa, al quale 3 punti sarebbero valsi il secondo posto. Izzillo e Pisanu partono titolari, mentre Giampaolo Sirigu subentra nella ripresa. Lasciato invece in tribuna Andrea Ulizio.

Nel Girone B la Casertana di Riccardo Idda cade contro il Messina e finisce al terzo posto. Pochi cambiamenti invece in zona retrocessione, dove nessuno riesce a fare 3 punti che significherebbero sperare addirittura nei play-off, visto quanto è corta la classifica. Si annullano a vicenda l’Aversa e l’Aprilia di Andrea Melis, entrato nello scadere del secondo tempo, che pareggiano a reti involate, come Chieti e Poggibonsi, con Riccardo Anedda che salva gli ospiti con le sue parate.  Non va meglio all’Arzanese che fa 1-1 contro il Melfi di Paride Pinna, rientrato dalla squalifica. Infine si mette male anche per il Castel Rigone di Roberto Cappai, che in casa viene umiliato 6-1 dal Foggia, e ora si trova tra le 6 in pericolo di retrocessione.

Buona visione