Il primo pareggio, la gara della salvezza e l’ultima vittoria: i precedenti tra Cagliari e Fiorentina

I precedenti tra rossoblù e viola in terra sarda

pubblicato il 09/11/2019 in I Precedenti da Marco Zucca
Condividi su:
Marco Zucca
Foto: Gazzetta

Dodicesima giornata di Serie A che vedrà il Cagliari ospitare la Fiorentina in occasione del lunch match. Sono 38 i precedenti tra le due squadre in Serie A (uno solo in B): 17 vittorie rossoblù, 15 pareggi e 6 sconfitte. Bilancio a favore dei sardi anche nel computo dei gol: 47 quelli realizzati, 32 quelli subiti.

I sardi ospitarono per la prima volta la Fiorentina all’Amsicora nel campionato ‘64/65, quello del battesimo in massima serie. Le formazioni si spartirono la posta in palio, col match che terminò 1-1 (Rizzo per i rossoblù, Orlando per i viola).

La prima vittoria ospite arrivò l’anno successivo: i gigliati si imposero col risultato di 0-1 (gol di Nuti).

Sia nel corso della stagione che precedette lo scudetto rossoblù (nel ‘68/69 lo conquistò proprio la Fiorentina) che in quella del tricolore sardo, Cagliari-Fiorentina si rivelò sempre un match combattuto: 1-1 (reti di Riva e Maraschi) e 0-0.

Nel ‘70/71 i padroni di casa si imposero 2-0. Di Martiradonna e Nenè le reti.

Nel corso degli anni ‘70 fu monologo Cagliari: dopo il pareggio per 2-2 nel ‘72/73 (Riva e Gori per i rossoblù, Saltutti e Caso per i viola), i sardi inanellarono una serie di successi che si arrestò solo nel campionato ‘80/81, quando fu 0-0 in quel del Sant’Elia. Risultato che si sarebbe ripetuto anche nel corso delle due successive stagioni. Incredibile la gara del 16 maggio 1982: il pareggio a reti bianche assicurò ai rossoblù la salvezza, mentre la Fiorentina perse lo scudetto, conquistato dalla Juventus vittoriosa a Catanzaro.

Gli anni ‘90 si aprirono con le più larghe vittorie casalinghe: dopo l’1-1 (Herrera e Lacatus) nell’anno del ritorno in Serie A, il successivo il Cagliari sconfisse i viola con un sonoro 4-0. Le reti portarono la firma di Napoli, Francescoli e Fonseca (doppietta).

Altra larga imposizione si registrò nel ‘96/97: 4-1, grazie ai gol di Muzzi, Dario Silva e Lønstrup (doppietta); per la Fiorentina rete della bandiera dell’ex Oliveira.

Al ritorno in A nel 2004/2005, i rossoblù sconfissero gli ospiti 1-0 (Esposito).

Dopo oltre 40 anni, nel 2006/2007, i viola riuscirono trovare un nuovo successo, con il risultato di 0-2 (Luca Toni). L’anno precedente fu invece una partita giocata in due riprese: rinviata per troppo vento, venne ripresa alcune settimane più tardi, con Chimenti che salvò il risultato parando un rigore a Toni.

Nel 2008 il Cagliari di Ballardini pose un altro, determinante, tassello verso la risalita in classifica verso la salvezza: la Fiorentina venne sconfitta 2-1, grazie a Jeda e Conti (per gli ospiti rete di Santana).

Nel 2008/2009 la formazione guidata da Allegri si impose per 1-0 (rigore di Acquafresca). Tra due pareggi, per 2-2 e 0-0, giunse il 2-1 viola, in virtù della doppietta di Cerci. Inutile gol di Cossu.

Il 30 marzo 2013, in un Is Arenas a porte chiuse e con i tifosi rossoblù a incitare i propri beniamini dall’esterno dell’impianto, il Cagliari riuscì ad ottenere un’importante vittoria: 2-1, con doppietta di Pinilla (gol ospite di Cuadrado).

Nella disgraziata stagione 2014/15 giunse contro la Fiorentina una pesante sconfitta: il 4-0 alimentò i malumori di tifosi e dirigenza. Le reti portarono la firma di Mati Fernandez (doppietta), Gomez e Cuadrado. Da segnalare la scarsissima verve sottoporta dei padroni di casa, con Farias in giornata no e Longo che si fece fermare dal palo sul finale di gara.

Pirotecnico 3-5 nell’ottobre 2016: Di Gennaro aprì le marcature, poi gli ospiti ribaltarono tutto con la tripletta di Kalinic e la doppietta di Bernardeschi. A rendere meno pesante il passivo ci pensarono Capuano e Borriello.

Nel 2017/18 ancora successo viola, con la rete di Babacar, mentre lo scorso campionato il Cagliari ritrovò la vittoria grazie a Joao Pedro e Ceppitelli. Per gli ospiti Chiesa.