Verso l'Udinese, Semplici: "Scendiamo in campo con coraggio"

"Ci sarà qualche cambio"

pubblicato il 20/04/2021 in Conferenze Stampa da Michelangelo Corrias (collegato)
Condividi su:
Michelangelo Corrias (collegato)
foto: cagliari calcio

Vigilia di Udinese Cagliari. I rossoblu arrivano dal dalla vittoria in extremis contro il Parma e devono cercare altri tre punti per salvarsi. I friulani hanno vinto contro il Crotone e sono abbastanza tranquilli in chiave salvezza, ma in casa loro non è mai facile. I sardi devono restare sulla scia del Torino ma anche di Benevento e Fiorentina.

Alla vigilia del match, il tecnico dei sardi Leonardo Semplici parlerà per le 13:45 in videoconferenza per presentare la gara ai media. Per il nostro giornale sarà collegato Michelangelo Corrias.

Ecco le dichairazioni del mister:

"Parto subito dicendo che Sottil e Tramoni saranno indisponibli per la gara di domani.

Conta il modulo ma soprattutto la mentalità, come dimostrato nell'ultima mezz'ora contro il Parma, dove c'era la voglia di recuperare e portare a casa una vittoria. Mi aspetto la stessa mentalità e determinazione che ci deve essere in una squadra come la nostra per arrivare alla salvezza.

Joao Pedro? È un giocatore importantissimo, in queste ultime gare gli è mancato il gol, stiamo cercando di lavorare perché lui partecipi di più all'azione offensiva e torni il gol. Domani vedremo che modulo usare.

Turnover? Delle scorie ci sono senza dubbio, abbiamo fatto un partita dove abbiamo fatto tutto. Vautermo con lo staff sanitario e poi decideremo la formazione. Ci sarà qualche cambio ma sarà minimo, magari per dare spazio a qualcuno che ha giocato meno. Servono forze fresche per questa partita che è determinante per il nostro cammino.

Avversario salvezza? Siamo noi, dobbiamo fare la corsa su noi stessi, il mio lavoro è concentrato nel mettere in condizione i ragazzi di usiate da questa situazione. Dipende tutto da noi.

Superlega? Non sono d'accordo, però ci saranno gli organi giusti che valuteranno. È una cosa che determina il futuro del calcio, ma ora sono concentrato su di noi.

Domani bisogna tiara fuori il coraggio la determinazione necessaria, bisogna tirare fuori questa mentalità per fare una prestazione importante che ci fa esprimere in maniera migliore nel contesto della gara.

Nainggolan più avanti? È stata una scelta tecnica, è un ruolo dove lui è più abituato a giocare. Poi vorrei che Joao partecipasse di più alla manovra, così da avere più qualità. Vedremo domani se ci sarà uno schieramento del genere.

Futuro? Penso alla partita, non ad altre cose. Non ho la bacchetta magica, ci vuole un percorso per fare certi risultati. Mi auguro che la vittoria per come è venuta ci dia uno slancio e la convinzione necessaria per affrontare il finale di campionato. Bisogna migliorare l'aspetto difensivo, si deve trovare quell'equilibrio giusto in entrambe le fasi e poi realizzare le situazioni che riusciamo a produrre.

Fare a meno di Joao Pedro? A Milano abbiamo giovato con due punte più con Joao Pedro dietro, bisogna che ci siano i giusti equilibri anche se in questo momento dovremo rischiare qualcosa in più per fare più punti possibili".