Di Francesco: "Contro il Parma turnover non massiccio"

"Vogliamo fare la partita"

pubblicato il 15/12/2020 in Conferenze Stampa da Alexandra Atzori/Michelangelo Corrias
Condividi su:
Alexandra Atzori/Michelangelo Corrias
foto: cagliari calcio

Vigilia di Parma-Cagliari, match della 12^ giornata di Serie A: i rossoblu sono attesi domani (20:45) al Tardini contro la squadra di Fabio Liverani, che nell'ultima di campionato ha fermato il Milan a San Siro e ora vuole trovare la giusta continuità. I sardi invece vengono da una sconfitta contro l'altra milanese, l'Inter, e adesso devono recuperare il terreno perso. La buona notizia è che Simeone e Nandez potrebbero giocare dal primo minuto, vista anche l'importanza della sfida. 

Il tecnico del Cagliari Eusebio Di Francesco parlerà alle 13:10 in videoconferenza dalla sala stampa di Asseminello. Per il nostro giornale sarà collegata Alexandra Atzori.

Amici di Blog Cagliari Calcio 1920, buongiorno, tra pochi minuti la conferenza stampa di mister Di Francesco.

Ancora qualche minuto di attesa prima dell'inizio del collegamento.

Ecco il mister, ecco le sue dichiarazioni:

"Domani cambierò qualcosa, magari qualcuno per reparto, vediamo, deciderò in base alle condizioni fisiche. Il fatto di giocare alle 20.45 mi permette di valutare bene visto che ho anche un altro allenamento.

Il Parma ha fatto una buona gara contro il Milan, anche noi avremmo potuto fare un buon risultato domenica, questa gare girano così. Ha personalità importanti, come Gervinho, i centrocampisti sono bravi a inserirsi e sta trovando la quadratura con Liverani. Ovviamente, affrontare l'Inter non è come affrontare il Parma.

Nandez? Per capire come sta bisogna solo vederlo sul campo. Si è allenato di più e sta meglio, si vedrà. Godin non sarà convocato, si è allenato ma deve ancora recuperare bene. Il problema con i ragazzi tornati dal Covid è che non si capisce come stanno finchè non giocano.

Chi in difesa? Mi dispiace che non vediate gli allenamenti, perchè così capireste le loro reali condizioni. Domani ci saranno Ceppitelli e Klavan, ma bisogna anche considerare quanti minuti hanno nelle gambe. La gara che stancherà di più non è quella di domani, ma quella di domenica prossima, e farò altre valutazioni.

Ounas ha fatto un tampone ieri ma dovrà ancora ripeterlo tre volte per uscirne. Godin non lo porto perchè così rimane qua e si allena, se venisse con noi non farebbe nulla tra oggi e domani. Nandez vi ha dimostrato domenica che, nonostante la grande volontà, non è al 100%, in base a queste valutazioni abbiamo preso le varie decisioni. Anche con Simeone dobbiamo fare le nostre valutazioni.

Il Covid è qualcosa che conosciamo poco, quindi non sappiamo mai le reazioni che uno può avere, nonostante abbiamo preso tantissime informazioni. Noi, comunque, dobbiamo avere una visione di gioco, un'unità di squadra, una cazzimma, che deve andare al di là degli interpreti.

Pavoletti ha fatto una buona gara, ha fatto tanto ed è stato sfortunato, Cerri è entrato benissimo e ha fatto salire la squadra, dandoci la sensazione di avere la gara in mano. Simeone lo conosciamo meglio. Domani potrebbero giocare tutti e tre, anche insieme.

Difesa schiacciata? Semmai squadra schiacciata, perchè abbiamo preso gol su calcio piazzato ed eravamo tutti schiacciati. Era qualcosa su cui abbiamo lavorato e che abbiamo fatto male. Dobbiamo migliorare sui calci piazzati, hanno cambiato le dinamiche della gara. Il terzo gol di domenica neanche lo considero.

Non vivo per niente il confronto con Liverani, che sarebbe dovuto venire al posto mio, fa parte del gioco e non mi tocca in maniera particolare. Non l'ho mai affrontato da allenatore, e lo ritengo molto bravo. Il gossip non mi piace.

Obiettivo di punti da qui a Natale? Non posso dire quanti ne vorrei fare, partiamo dalle prestazioni e dagli atteggiamenti. Ultimamente avremmo meritato di più dei due punti che abbiamo conquistato, dobbiamo badare al sodo ed essere più solidi, cercando di subire meno il ritorno degli avversari. Questo ci porterà punti.

Siamo cresciuti nel palleggio, nella concertazione di squadra e nella continuità, ma domenica abbiamo capito che non basta, a seconda delle partite che si affrontano. Dobbiamo migliorare nelle scelte che andiamo a fare durante la gara, nel leggere i vari momenti, nel parlare tra compagni e altro. Questo è ciò su cui stiamo lavorando e su cui credo che siamo ancora un po' carenti.

Il Parma è soddisfatto per l'ottimo risultato di domenica, anche noi saremmo voluti arrivare con quello spirito. È una squadra brava nei calci piazzati e nei colpi di testa, che sono due nostri punti deboli e dovremo stare attenti in quelle situazioni. Hanno diversi giocatori di ripartenza e gamba. Vogliamo fare la partita e dovremo fare molta attenzione.

Pereiro è convocato, si è allenato ma è stato lontano per un po' tra infortunio e Covid. Il fatto di avere 5 cambi ci permette di fare molte modifiche a gara in corso.

Mercato? In questo momento non ci sto pensando, se arrivassero richieste per i nostri vuol dire che stiamo facendo bene. Ci sta perdere qualsiasi giocatore, spero di no, vorrei averli tutti fino a giugno, anche perchè il Covid me ne ha tolti diversi. è un campionato particolare, siamo senza pubblico che domenica ci avrebbe aiutato tanto.

Marcatura a uomo o a zona sui calci piazzati? Sono tante le cose a cui sto pensando".