Verso la Juve, Di Francesco: "Senza Godin e Nandez faremo di necessità virtù"

"Non so chi giocherà, aspettatevi di tutto"

pubblicato il 20/11/2020 in Conferenze Stampa da Alexandra Atzori
Condividi su:
Alexandra Atzori
foto: cagliari calcio

Vigilia di Juventus-Cagliari, match importante che dirà molto sui rossoblu, reduci dal successo contro la Sampdoria e alla ricerca ancora del giusto equilibrio.

I bianconeri sono meno impermeabili degli scorsi anni, ma sono comunque la squadra campione d'Italia, e tale vogliono rimanere. I sardi dovranno fare i conti con i tanti giocatori tornati dagli impegni con le Nazionali e con l'emergenza sulla fascia sinistra, anche se Tripaldelli sembra stia recuperando, ma potranno fare affidamento sulla coppia espolosiva (e riposata) Joao Pedro-Simeone: 10 reti in due e un feeling come nessuno finora. L'ultima vittoria, epica, del Cagliari in casa della Vecchia Siginora risale al gennaio del 2009, firmata Biondini, Jeda e Matri. La speranza è che i due sudamericani sabato sera riscrivino la storia.

Il tecnico rossoblu Eusebio DI Francesco parlerà in videoconferenza dalla sala stampa di Asseminello alle 13:15. Per il nostro giornale sarà collegata Alexandra Atzori.

Siamo in attesa di cominciare, la conferenza stampa slitta di circa 10/15 minuti.

Ecco il mister, ecco le sue dichiarazioni:

"Preparare una gara in 12 ore con i giocatori che non sai come arrivano, condiziona tanto. Lyko infortunato, Godin è positivo al Covid, Nandez rimane precauzionalmente a casa... queste gare ravvicinate con le nazionali non le comprendo, c'è rabbia ma la rabbia può anche aiutarci. La strutturazione di questi calendari svantaggia tutti, anche la Juve, che ha la Champions... poi ci si lamenta dei turnover, ma è una cosa necessaria. A noi ovviamente non ci aiuta, farò di necessità virtù e sappiamo che chi giocherà avrà l'opportunità di mettersi in mostra, per esempio Tripaldelli. è una gara che tutti vorrebbero giocare, è ovvio che mi dà fastidio non averla potuta preparare come avrei voluto​.

Gran parte dei miei titolari ha giocato tutte le gare in Nazionale, ma alcuni dovranno stringere i denti e scendere in campo. per me è assurdo che le gare vengano giocate il mercoledì sera per poi farli tornare qua il giovedi alle dieci di sera. Chiederò a molti di stringere i denti, avrò 21 o 22 convocati... come stanno lo sapremo domani nel dopogara​.

Fare a meno di Nandez non è facile, ha giocato sempre e in tutti i ruoli, mi dispiace molto, così come mi dispiace per Godin e Lyko, che stavano facendo bene. La Juve un cantiere aperto? Lo dice lo stesso Pirlo, sono in costruzione, ma con i giocatori che hanno, hanno qualità in tutti i ruoli, anche nei cambi, sono giocatori di altissimo livello, con un Morata ritrovato. è una squadra forte, a prescindere dal cantiere.

Uno simile a Nandez non ce l'ho e quindi dobbiamo ragionare di squadra, al di là degli interpreti... non esiste squadra che non faccia le due fasi in un certo ruolo. Dobbiamo lavorare di squadra e da squadra dobbiamo difendere, dobbiamo trovare un giocatore che ci dia equilibrio, ma un altro Nandez non esiste.

Se mai dovessi cambiare il modulo non lo direi oggi... supportare quattro attaccanti sarebbe difficile, ma potrei osare, vedremo. Se siete in alto mare voi giornalisti, oggi lo sono anche io. La notte porterà consiglio, domani ho un'altra rifinitura e dal punto di vista tattico potrò rivedere delle cose​.

E' ovvio che noi non dobbiamo partire come la vittima sacrificale, e non lo faremmo nemmeno se la Juve fosse prima. Andremo a giocarcela con le nostre forze e le nostre qualità, andremo lì per fare bene. Le partite non si perdono prima e voglio che dal punto di vista psicologico i ragazzi siano al massimo. Crederci sempre!

Non sono preoccupato per un reparto piuttosto che un altro, mi interessa l'equilibrio di squadra. In fase offensiva dobbiamo mettere in difficoltà gli avversari e dobbiamo stare corti, per questo serve una squadra agguerrita e che lotta su ogni pallone. Tripaldelli si è allenato in maniera continua e potrebbe partire titolare​.

I giovani sono troppo protetti? Noi tendiamo a proteggerli sempre, a livello calcistico e sociale, e dobbiamo farlo: quando i ragazzi sono disponibili a lavorare, anche se hanno delle pecche, bisogna sostenerli ma anche pretendere da loro.

Questa Juve è la peggiore degli ultimi anni? Se si riesce a capirlo dopo sole sette gare, sono veggenti... è un po' presto, come per noi. In Champions sta facendo benissimo e non mi piacciono questi giudizi affrettati. Aspettiamo, è una squadra comunque forte.​

Tornando ai giovani: spesso ci si mette poco tempo a valutarli, diamogli tempo​. Contro la Samp abbiamo tenuto l'equilibrio sapendo che avremmo segnato. Rog a sinistra? Difficilmente lo riproporrò​".