Zappa e Sottil: "Al Cagliari per fare una grande stagione"

"Pronti e motivati"

pubblicato il 14/09/2020 in Conferenze Stampa da Alexandra Atzori (inviata)
Condividi su:
Alexandra Atzori (inviata)

Alle 17:00 si terrà alla Sardegna Arena la conferenza stampa dei due nuovi acquisti del Cagliari Riccardo Sottil e Gabriele Zappa. Il primo arriva dalla Fiorentina, il secondo dal Pescara: entrambi giovani promettenti, quest'anno potranno dire la loro nel gioco di Di Francesco. Zappa è il terzino per la fascia destra, mentre Sottil l'esterno d'attacco voluto dal mister, che può partire sia da destra che da sinistra.

Il live testuale sarà garantito dalla nostra inviata Alexandra Atzori.

Buon pomeriggio lettori di Blog Cagliari Calcio 1920 da Alexandra Atzori, siamo in attesa di Riccardo Sottil e Gabriele Zappa per la loro prima conferenza da giocatori del Cagliari.

Tra poco la conferenza stampa avrà inizio, da chi verranno accompagnati i due rossoblù? Intanto sul fronte mercato sono caldissime le piste Godin e Tripaldelli.

Ed ecco il Ds Carta, sarà lui a parlare in conferenza con i due nuovi rossoblù.

Si comincia, ecco le dichiarazioni dei protagonisti.

Carta

"Buonasera, ecco ai miei lati Sottile e Zappa. Sono entrambi del '99 e sono accomunati dal fatto che hanno voluto fortemente il Cagliari. Entrambi sono in prestito e li abbiamo scelti perché pensiamo possano essere funzionali al nostro progetto. Ci crediamo molto. Su Godin si va avanti, siamo attenti a ciò che succede e cercheremo di portarlo qui, per lui ci sacrificheremmo volentieri ma ha molte offerte. Attendiamo sviluppi e faremo tutto ciò che è possibile. Radja? Il pallino c'è l'ha l'Inter, sono trattative che necessitano di esborsi economici alti e servirà la congiuntura adatta...​ Tripaldelli per noi sarebbe l'ideale, siamo in trattativa ma ci sono altre situazioni al momento che potrebbero influire. Si potrebbe esprimere bene qui​. Accontentare il mister significa accontentare noi stessi. Sappiamo cosa manca ma non dimentichiamoci che ci sono anche le uscite da programmare. C'è costante condivisione delle scelte con il mister​. Di Francesco è un mister che ha molta esperienza e sa che stiamo dando tutto. Cerchiamo di fare il nostro meglio​. Abbiamo chiacchierato a lungo con Riccardo quando era in Nazionale ed era molto informato su Cagliari e sul Cagliari e so che dice la verità. Il mercato? È molto strano e può succedere qualunque cosa e riguardare chiunque. Per ora non abbiamo avuto richieste, ma stiamo alla finestra e valutiamo tutto​. Non guardiamo se un ragazzo è italiano o straniero,l'importante è il valore e la loro possibile utilità nel progetto"​.

Zappa

"Mi aspetto una stagione importante sotto l'aspetto tattico e tecnico ma anche caratteriale. Voglio migliorare i miei difetti, e questo è l'obiettivo principale. Il mio ruolo è terzino destro ma il mister ha detto che c'è possibilità anche come esterno alto. Paura? No, ma si sale di categoria e c'è molto su cui migliorare, per esempio essere più veloce di pensiero. Ci sarà da migliorare​. Speriamo di essere il terzino destro del Cagliari per molti anni. Giocare in un club come il Cagliari, in A, sarebbe il mio sogno. Sono pronto per domenica, quest'anno abbiamo finito tardi di giocare quindi non c'è molto bisogno di prepararsi​. Mi sarebbe piaciuto esordire con l'Inter ma ero molto giovane e avevo tanto da migliorare...​ Un club così prestigioso non aveva bisogno di grandi presentazioni. Balzano mi ha detto che mi sarei trovato benissimo, sia nel club che nella città​. L'esperienza a Pescara è stata fondamentale perché in un anno si può migliorare tanto e ringrazio la società per quello che mi ha dato. Io mi sento pronto per iniziare subito questa avventura, ci sono cose da migliorare ma ci sarà tempo​. Io vorrei il 27 ma non so se è disponibile".

Sottil

"Il nostro è un gruppo di grandi qualità e abbiamo un mister che fa molto bene con i giovani, che con un allenatore così possono solo crescere e migliorare. Ho ricoperto il ruolo di esterno offensivo, destro o sinistro non ho preferenze​. I miei genitori saranno con me qui, abbiamo preso questa decisione. Mio padre è molto importante per me ma non si è mai messo in mezzo alle mie scelte, mi dà tanto consigli perché ha molta esperienza​. Il mister mi ha fatto un ottima impressione da subito, ha molta esperienza e mi ha voluto fortemente, è stato fondamentale nella mia scelta di venire qui perché lavora molto bene con i giovani ed è quello che può fare al caso mio​. Prima di venire qua sono stato in nazionale e mi sono allenato, quindi la condizione fisica è buona​. Accelerazione e dribbling sono le mie caratteristiche principali e i miei punti di forza. Quello che è stato con la Fiorentina è il passato ma ha creduto in me e mi ha fatto stare in pianta stabile bella prima squadra. Quando è uscita la dichiarazione in cui avrei detto che volevo tornare a Firenze, vorrei rimarcare il fatto che non ho mai detto quelle cose. Ci sono rimasto male perché non vorrei che la gente fraintendesse. Sono stato fortemente voluto qui e sono voluto fortemente venire qui, ci tengo a dirlo.​ In Nazionale stavo con Luca Pellegrini e gli ho fatto tante domande ma sapevo già diverse cose, ha una grande storia e ci sono passati grandi campioni. Luca mi ha detto che qua è stato benissimo ma avevo già preso la mia decisione. Anche per me Pescara è stata importante perché sono migliorato, sono cresciuto come giocatore e uomo e sanno valorizzare i giovani. Non ho ancora scelto il numero​".