Partecipa a Blog Cagliari Calcio 1920

Sei già registrato? Accedi

Password dimenticata? Recuperala

Zenga: "Domani gioca Cragno, Ragatzu talento devastante"

"Giocare in casa? Nessun vantaggio, tranne il non dover prendere l'aereo"

Condividi su:

Terza gara in una settimana per il Cagliari, che si appresta alla prima in casa da quando è ricominciata la serie A: nel deserto della Sardegna Arena, ecco il Torino, reduce anch'esso dalla prima vittoria post-Covid.

Walter Zenga incontrerà i media in video conferenza alle 17:00. Noi saremo collegati con la nostra Alexandra Atzori e vi racconteremo in diretta testuale le dichiarazioni del tecnico rossoblù.

Amici di Blog Cagliari Calcio 1920, benvenuti e buon pomeriggio: alle 17:00 la conferenza stampa di Mister Zenga. 

Sarà ovviamente una video conferenza, a seguire il Mister dirigerà la rifinitura. Nainggolan sarà domani in campo dal primo minuto contro il Torino?

Per il nostro giornale, sarà collegata in video conferenza Alexandra Atzori.

Da capire anche quale sarà il modulo di partenza, nuovamente a tre o si passa a 4? I temi sono tanti, tra dieci minuti Zenga sarà a disposizione dei cronisti per le domande del pre gara.

Ecco il mister, ecco le sue dichiarazioni:

"Sirigu? è molto semplice, quando un ragazzo vale ed è preparato, gioca. Io l'ho fatto esordire a Palermo, è un ragazzo a cui sono molto legato, è straordinario e mi piacerebbe vederlo con la maglia del Cagliari. Abbiamo un grande rispetto reciproco, è stato bello vederlo in Nazionale, ha ancora tanto da dare al calcio. Gerarchia definita in porta? Io non ho mai parlato di gerarchie, e dovete tenere conto che un allenatore parla sempre con i suoi ragazzi, eravamo d'accordo che avrebbero giocato dandosi il cambio e domani toccherà ad Alessio.

Cragno veniva da un periodo di infortunio e io ho la necessità di tutelare i ragazzi del club. Siete ancora fissati con le regole pre Covid, e vi dimenticate che ho anche altri due portieri bravissimi, peccato non poterli far giocare tutti e quattro. Comunque avevo anche già detto che ormai non ci sono più nè titolari nè riserve. Adesso con i cinque cambi, tutti hanno la possibilità di giocare e devono farsi trovare tutti pronti.

Giocare in casa o in trasferta non fa differenza, senza pubblico l'unica differenza è che non viaggi. Le gerarchie? Ripeto, sono entusiasta dei miei portieri, sono fantastici, siamo tranquillissimi e non abbiamo problemi.

Considerazioni su questa settimana di gare? Abbiamo visto un calcio differente, non è una situazione a cui siamo abituati, giocare alle 19.30 o alle 21.45 in estate è qualcosa a cui non siamo abituati e anche per voi giornalisti è un caos. Noi dobbiamo essere bravi a recuperare bene, essere sereni e liberi di mente. In queste gare può succedere tutto e il contrario di tutto, basti vedere certe squadre che partono a mille e poi dopo mezz'ora calano vistosamente. Prima ho parlato di Cragno che è stato fermo a lungo, ma penso anche a Ceppitelli o Mattiello... Ceppitelli ad esempio non avrebbe comunque giocato martedì​.

Sono stato contento di aver finito con due sardi in campo, è stata una cosa carina​.

Non ho mai presentato una partita parlando di chi manca. Io mi faccio sempre una domanda: "è una situazione che posso cambiare?"... la risposta è no, quindi posso pensare solo alle soluzioni che ho a disposizione. Tutti i ragazzi hanno, con le cinque soluzioni, la possibilità di far vedere quanto valgono, per coprire l'assenza dei compagni e per far vedere il loro valore.

Ragatzu? Non è l'unico che ha fatto bene da subentrante. Quello che mi stupisce è che Daniele, alla sua età, abbia così poche presenze in A. Mi piacerebbe portarlo al livello superiore e a Verona avrebbe potuto dare una grande mano. Ha un talento devastante, ne ho visti pochi così. Però deve vivere per il calcio, e gliel'ho detto. Anche Pisacane è arrivato in A tardi... e non nascono che l'idea di Daniele mi stuzzica non poco.

I cambi che si fanno in corsa sono dettati dalla necessità, per quello ho messo la difesa a 4 e lo fai in base anche alle caratteristiche dei giocatori che hai in campo, a Verona l'ho messa perchè loro avevano l'uomo in meno. Nainggolan? Ha fatto una parte di allenamento ieri, vedrete domani chi c'è, ho ancora un allenamento a disposizione e ci sono delle cose da valutare.

In due giorni non abbiamo fatto praticamente nulla, inizia il caldo e il recupero è importante. Le vittorie ti danno una carica in più ma dobbiamo accelerare perchè devi subito rientrare in clima gara, la stessa cosa, naturalmente, vale anche se perdi, non hai molto tempo per pensare. Sicuramente, la cosa positiva può essere il fatto che, oltre ad aver vinto, non abbiamo preso gol e mi pare che qui non succedesse da molto.

Se i Primavera sono convocati è perchè credo abbiano un valore. Io non guardo la carta d'identità e tantomeno la durata del loro contratto. Com'è successo con Carboni, anche gli altri avranno le loro occasioni e devono sfruttarle.

Nandez? è stato facile legare perchè tifo Boca. Secondo me un allenatore deve avere onestà intellettuale ma deve sempre porsi con rispetto e considerazione per tutti. Io credo che un giocatore come Nandez o Pisacane, se fossero stati un altro tipo di giocatori, dopo dieci minuti e con tutte le botte che hanno preso, sarebbero usciti immediatamente. Ho davvero un grande rapporto con tutti e mi dispiace che domani non ci sia il nostro pubblico​.

Simeone? è un ragazzo straordinario, che ha voglia e passione. Io vorrei che stesse più vicino alla porta e non si stancasse troppo a tornare indietro. Ragatzu dovrebbe seguire l'esempio di Giovanni, se lofarà può diventare un grande giocatore".

 

 

Condividi su:

Seguici su Facebook