Calciomercato - Difesa Cagliari, può cambiare la strategia: 3 le soluzioni

Con Klavan out per infortunio, il sodalizio isolano è chiamato a decidere se tornare sul mercato o se invece continuare la stagione con i centrali attualmente a disposizione

pubblicato il 24/01/2019 in Calciomercato da Fabio Loi/Davide Zedda
Condividi su:
Fabio Loi/Davide Zedda

Mancano sette giorni alla fine della sessione invernale di calciomercato e il Cagliari ha ancora diversi dossier aperti tra entrate e uscite. Tra questi c’è indubbiamente quello legato al pacchetto dei difensori centrali.

A causa dell’intervento chirurgico subito da Ragnar Klavan nella giornata di ieri (per tendinopatia achillea sinistra ed effettuato per via endoscopica mini invasiva), la formazione di Maran si ritrova con soli 4 centrali di ruolo, ovvero Ceppitelli, Romagna, Pisacane e Andreolli.

Con il gigante estone ex Liverpool out (con tempi di recupero intorno ai 60 giorni), il sodalizio isolano potrebbe adottare 3 tipi di soluzioni.

Mantenere lo status quo: una prima soluzione per la squadra di Maran, con l’infortunio di Klavan, sarebbe quella di mantenere lo status quo a livello di centrali difensivi. Nello specifico, il numero di giocatori a disposizione per quel ruolo rimarrebbe 4, senza dover così intervenire in sede di contrattazioni.

Di conseguenza, Ceppitelli, Romagna, Pisacane e Andreolli andrebbero a giocarsi i due slot disponibili nello scacchiere tattico rossoblu.

L’ipotesi del nome a sorpresa: il secondo scenario prevedrebbe l’uscita di un centrale dal pacchetto arretrato di Maran. Il maggiore indiziato a lasciare la Sardegna sarebbe Marco Andreolli, sul quale è sempre vivo l’interesse della Spal, con Frosinone, Brescia e - secondo Radiomercato - anche Leganès alla finestra.

In questo caso, una possibilità di sostituzione potrebbe essere rappresentata da un nome a sorpresa (forse sulla falsa riga di quanto fatto con Klavan). In sostanza si tratterebbe di un centrale possente fisicamente e che sia un marcatore preventivo.

E se arrivasse un giocatore polivalente? La terza soluzione, invece, è quella di puntare su un nome polivalente, che possa consentire a Maran di schierarlo come centrale e, all’occorrenza, come laterale (Peluso?).

Se dovesse arrivare il numero 13 del Sassuolo (o comunque un profilo versatile per la filosofia maraniana), le uscite diventerebbero due proprio per il concetto di duttilità. Il primo sarebbe il già citato Andreolli, mentre il secondo potrebbe essere Pajac (che piace all'Empoli). Verrebbe confermato, invece, Lykogiannis.