Partecipa a Blog Cagliari Calcio 1920

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Cagliari, ecco da chi può ripartire Agostini

Servono dei cambiamenti per non commettere gli errori del passato

Condividi su:

Il Cagliari riparte da Agostini. L'ex tecnico della Primavera ha pochi giorni per provare a raddrizzare una squadra in crisi, ma deve subito capire su quali uomini può fare affidamento. Lui che è stato un difensore sa quanto sia importante non prendere gol, ma se ci si vuole salvare, e dunque far punti, bisogna anche segnare. 

E quindi dovrà essere sciolto il nodo attacco, perché a parte Joao Pedro c'è un evidente crisi realizzativa davanti. Quest'anno si sono alternati Pavoletti, Keita e Pereiro, ma nessuno è riuscito ad essere continuo nelle reti è nelle prestazioni, in questa Serie A hanno 12 gol in 3, 4 a testa, troppo poco per una squadra che vuole salvarsi. Agostini in queste ultime gare deve capire chi può fare meglio affianco a Joao, ma non solo come spalla. 

Poi c'è il centrocampo, dove ci sono delle certezze, come Grassi, Marin e Bellanova, anche se c'è da capire che modulo verrà adottato. Nella Primavera solitamente usava o il rombo o due play bassi, pr cui potrebbe avanzare qualcuno e lasciare Grassi sempre ad impostare, ma si vedrà. Bellanova deve giocare sempre largo però, e a meno che non passi alla difesa a quattro, è possibile che mantegna il modulo di Mazzarri. 

La domanda è se toccherà qualcosa nella retroguardia. Carboni potrebbe avere più spazio visto che Agostini lo conosce meglio di tutti. Lovato dovrebbe continuare ad essere il perno centrale, ma c'è da capire se si passerà da un sistema a quattro o a tre, premesso che alla fine gli schemi si sviluppano sul campo. 

Non sarà semplice in pochi giorni capire su chi puntare, perché è probabile che non stravolga nulla ma è anche vero che qualche cambiamento va fatto, se non si vuole perseverare negli errori passati.

Condividi su:

Seguici su Facebook