Cagliari, cosa ti darà Boris Radunovic

Il punto sul nuovo portiere rossoblu arrivato dall'Atalanta

pubblicato il 10/07/2021 in Approfondimenti da Michelangelo Corrias
Condividi su:
Michelangelo Corrias

Il Cagliari ha ormai un nuovo secondo portiere. È ancora da ufficializzare, ma salvo sorprese dell'ultimo minuto il vice di Cragno sarà Boris Radunovic. Un nome un po' improvviso, che arriva praticamente in contemporanea con il saluto di Guglielmo Vicario, che andrà all'Empoli in prestito (con diritto di riscatto). Radunovic quindi sarà il suo sostituto.

Classe 1996, nazionalità serba, arriva dall'Atalanta a titolo definitivo per provare a ritagliarsi importante un ruolo nel club rossoblu, anche se per ora farà il secondo di Alessio Cragno, che sembra più propenso a rimanere. Radunovic non ha ancora una vera esperienza in Serie A, nella sua carriera è stato girato in prestito a squadre come Avellino, Cremonese, Salernitana e Hellas Verona, senza mai fare il salto definitivo nel massimo campionato.

Questa però può essere la stagione della svolta per Radunovic, perché può mettersi in luce in un club di livello superiore a quelli precedenti nella sua carriera e chissà, forse un giorno potrebbe scalare le gerarchie è diventare primo portiere. Fa parte di quella categoria di estremi difensori sull'1,95, che sanno leggere bene le palle alte e non hanno problemi sulle prese aeree. Nelle sue esperienze passate ha fatto bene, anche se nel suo cammino ha influito un brutto infortunio al ginocchio che ha rallentato il suo percorso di crescita, momento che tuttavia ha superato.

Sicuramente troverà più spazio in Coppa Italia che in campionato, ma come ha fatto Vicario la scorsa stagione può essere una pedina importante in alcuni match.

  • Argomenti: