Presidente Cellino: riporti a casa Matteo!

Matteo Mancosu continua a incantare: per lui già 12 reti realizzate e vetta della classifica cannonieri. Non riportarlo a casa sarebbe un grave errore

pubblicato il 17/12/2013 in Approfondimenti da Davide Zedda
Condividi su:
Davide Zedda
Matteo Mancosu non perdona e infila in gol

Cagliaritano, nato il 22 dicembre del 1984, tanta voglia di crescere, di arrivare. Sempre umile, silenzioso, Matteo Mancosu dopo tanta gavetta si gode le luci della ribalta, specie ora che con i suoi 12 gol – l’ultimo sabato contro l’Avellino – è diventato il re della classifica cannonieri della serie cadetta.

Stiamo parlando di un attaccante molto forte, fisicamente e tecnicamente, che incanta in serie B, che merita la serie A, e che speriamo stia incantando anche al secondo piano di Viale La Playa. Per la punta in forza al Trapani, il Cagliari è un sogno, ha dichiarato recentemente in un’intervista. Ma se la società del presidente Massimo Cellino lo chiamasse, il giovane cagliaritano “arriverebbe a nuoto” pur di realizzare il sogno di giocare in serie A con la maglia della squadra della sua città nonché della sua squadra del cuore.

Sono numeri impressionanti quelli di Matteo in questa stagione: 12 reti realizzate in 17 partite disputate, altre 2 messe a segno in 3 gare di Coppa Italia.

Lasciarselo sfuggire (valore di mercato del suo cartellino appena 400 mila euro) sarebbe un errore imperdonabile, sempre che Matteo faccia parte dei programmi del presidente Cellino.

Pertanto, presidente, porti nel Cagliari Matteo!

Nelle immagini la sintesi dell’ultima gara di campionato Avellino-Trapani con il gol di Matteo Mancosu: